Broncopolmonite nei bambini: cause, sintomi e trattamenti

Valentina Montagna | Editor

Ultimo aggiornamento – 16 Febbraio, 2024

Bambina si tocca la gola dolorante

La broncopolmonite nei bambini è un'infiammazione che colpisce le vie respiratorie inferiori, bronchi e polmoni, in particolare alveoli polmonari, bronchi e bronchioli

Può avere origine da un'infezione sia batterica che virale. In età pediatrica, la forma più prevalente è la broncopolmonite virale.

In genere, la diagnosi viene posta tramite esame obiettivo, esami ematochimici e indagini strumentali come radiografia del torace.

Analizziamo come si manifesta clinicamente la broncopolmonite virale nei bambini, quali ne sono le principali cause e quali sono le opzioni terapeutiche.

Cause broncopolmonite nei bambini, virali e batteriche

La broncopolmonite nei bambini può avere sia origine virale che batterica.

Broncopolmonite virale

La broncopolmonite virale è un'infiammazione acuta dei bronchi e dei polmoni causata da un'infezione virale. Di solito, si sviluppa come complicanza di un comune raffreddore o influenza

Essendo causata da virus, l'esposizione a secrezioni infette (goccioline di saliva o muco prodotte con tosse, starnuti) può portare alla diffusione di questa malattia.

Nel caso della forma virale, i principali agenti eziologici implicati (ovvero i microrganismi, virus, batteri, funghi o parassiti che causano una determinata malattia infettiva) sono: 

Broncopolmonite batterica

Per quanto riguarda l'eziologia batterica, i patogeni maggiormente coinvolti nella broncopolmonite batterica infantile sono:

Nei bambini di età inferiore a 5 anni è maggiore l'incidenza di bronchiolite acuta e polmonite virale causate dal Virus Respiratorio Sinciziale (RSV), responsabile della bronchiolite, ovvero dell'infiammazione delle piccole vie aeree dell'albero bronchiale.

Nei bimbi di età superiore ai 5 anni, è più frequente invece la polmonite batterica, causata più comunemente da Streptococcus pneumoniae (Pneumococco), Mycoplasma pneumoniae e Chlamydophila pneumoniae

La polmonite virale tende a essere più lieve, mentre quella batterica può avere conseguenze più gravi e richiedere una terapia antibiotica mirata. 

In tutti i casi, è importante riconoscere precocemente i sintomi di polmonite nel bambino (febbre, tosse, difficoltà respiratorie) e rivolgersi prontamente al pediatra per impostare la terapia adeguata.

Polmonite e broncopolmonite nei bambini: quali sono le differenze

La polmonite e la broncopolmonite sono entrambe infezioni respiratorie virali che interessano i polmoni nei bambini. La broncopolmonite è un tipo particolare di polmonite, che comporta l'infiammazione di bronchi, bronchioli, e alveoli polmonari.

La broncopolmonite si distingue dalla semplice polmonite in quanto lo stato infiammatorio può coinvolgere, in maniera più o meno severa, anche i bronchi e le rispettive ramificazioni collocate alla periferia del polmone. 

Sintomi della broncopolmonite infantile

La sintomatologia della broncopolmonite nei bambini può variare in base alla gravità dell’infezione e all’età del paziente

Di seguito, le principali manifestazioni cliniche:

  • febbre generalmente presente, a volte elevata (>38°C);
  • faringodinia (mal di gola): dolore o fastidio a carico della faringe che può causare disagio nel deglutire;
  • tosse secca iniziale, poi produttiva con espettorato mucoso;
  • dolore toracico associato a tosse e respiri profondi;
  • dispnea: respiro affannoso con utilizzo della muscolatura accessoria;
  • tachipnea: aumento della frequenza respiratoria;
  • difficoltà di respiro e cianosi nei casi più gravi;
  • difficoltà ad alimentarsi e sonnolenza, soprattutto nei lattanti;
  • episodi di apnea.

Sintomatologia della broncopolmonite pediatrica nelle diverse fasce d'età

Vediamo di seguito i sintomi associati alle varie fasi di vita del bambino.

Neonati

Nei neonati i sintomi della broncopolmonite possono essere aspecifici e includere irritabilità, scarso incremento ponderale, episodi di apnea e desaturazione

L'esordio può essere subdolo, con sintomi sistemici come letargia, rifiuto dell'alimentazione, febbre bassa o assente. La tosse può non essere presente.

Lattanti

Nei lattanti, oltre ai sintomi sistemici come febbre, scarsa alimentazione, pallore e malessere generale, sono tipiche la tosse inizialmente secca e poi produttiva, la tachipnea e le difficoltà respiratorie con utilizzo dei muscoli respiratori accessori.

In tutte le età, la presenza di sintomi respiratori accompagnati da febbre e malessere sistemico devono far sospettare una polmonite, per cui è indicato contattare prontamente il pediatra.

Bambini in età prescolare e scolare

Nei bambini in età prescolare e scolare prevalgono sintomi respiratori quali tosse secca che diventa produttiva, dispnea e difficoltà respiratoria

Sono comuni febbre elevata, brividi, astenia marcata, dolore toracico e addominale dovuto alla difficoltà respiratoria.

Episodi di apnea nei neonati con broncopolmonite

Negli episodi di apnea osservati nei neonati con broncopolmonite virale si assiste a una temporanea sospensione della respirazione.

Nei neonati le ridotte dimensioni delle vie aeree favoriscono il determinarsi di ostruzione bronchiale in corso di infezione, per edema della mucosa e ipersecrezione di muco.

In alcuni casi, il neonato può smettere di respirare anche oltre i 20 secondi. Questi episodi di apnea, se frequenti, possono essere pericolosi e portare a cianosi (colorazione bluastra della pelle) e riduzione dell'ossigenazione.


Potrebbe interessarti anche:


Gli episodi di apnea rappresentano quindi un campanello d'allarme di distress respiratorio (difficoltà di respirare normalmente a causa dell'infezione ai polmoni) e gravità della broncopolmonite virale nel neonato. Vanno trattati prontamente per il rischio di desaturazione e cianosi.

In genere, il trattamento prevede somministrazione di ossigeno umidificato, aspirazione delle secrezioni, supporto ventilatorio non invasivo o, nei casi più gravi, ventilazione meccanica.

Broncopolmonite senza febbre

Sebbene sia uno dei sintomi cardinali della broncopolmonite, in alcuni casi l'infezione può manifestarsi anche in assenza di febbre.

Ciò è più frequente nei lattanti e nei bambini sotto i 3 anni di età, nei quali la risposta immune non è ancora completamente matura. Inoltre l'assenza di febbre è più comune nelle forme virali rispetto a quelle batteriche.

Anche se rara nei bambini più grandi, la possibilità di broncopolmonite non accompagnata da febbre non va esclusa in presenza di sintomi quali tosse, difficoltà respiratorie, accelerazione della frequenza cardiaca e respiratoria.

undefined

Pertanto, di fronte a un quadro clinico suggestivo, è indicato procedere ad approfondimenti diagnostici come esami ematici, prove di funzionalità respiratoria e radiografia del torace, anche in assenza di febbre.

Una diagnosi e terapia precoci sono fondamentali per prevenire l'evoluzione verso forme più gravi e complicanze.

Complicanze della broncopolmonite nei bambini

Sebbene nella maggior parte dei casi abbia un decorso senza particolari complicanze, grazie ai vaccini (contro pneumococco ed Haemophilus influenzae), alla diagnosi e alle cure tempestive, non vanno sottovalutate le possibili complicanze della broncopolmonite, soprattutto nei bambini più piccoli o immunocompromessi.

L'evoluzione della broncopolmonite può talvolta comportare conseguenze più serie in queste circostanze:

  • età molto precoce (neonati e lattanti piccoli);
  • malnutrizione;
  • immunodeficienze congenite o acquisite;
  • patologie polmonari croniche (es. fibrosi cistica);
  • patologie cardiache congenite.

Complicanze della broncopolmonite batterica

Tra le principali complicanze della broncopolmonite batterica:

Meno frequenti sono complicanze sistemiche come sepsi e artrite settica.

Complicanze della broncopolmonite virale

Tra le complicanze della broncopolmonite virale nei bambini:

  • sovrainfezioni batteriche;
  • versamento pleurico;
  • raramente bronchiolite obliterante;
  • insufficienza respiratoria acuta;
  • pericardite, miocardite.

Diagnosi di broncopolmonite in età pediatrica

Per una corretta diagnosi differenziale tra forma virale e batterica è necessaria una combinazione di test clinici, strumentali e di laboratorio. Ciò consente di guidare la terapia antivirale o antibiotica mirata.

Per la diagnosi di broncopolmonite nel bambino, il pediatra utilizza un approccio integrato basato su:

  • esame obiettivo: valutazione di sintomi quali tosse, dispnea, febbre. All’auscultazione polmonare si possono rilevare rantoli e crepitii;
  • radiografia del torace: consente di evidenziare segni di interessamento bronchiale e polmonare, quali addensamenti peribronchiali e consolidamenti alveolari;
  • esami ematochimici: possono mostrare leucocitosi e incremento di proteina C reattiva;
  • raccolta di campioni respiratori: l'esame colturale permette l'identificazione virale e l'eventuale isolamento batterico;
  • test molecolari (PCR): utili per la conferma diagnostica e la tipizzazione virale, ovvero per identificare il virus responsabile tramite esame colturale.

Cura della broncopolmonite in età pediatrica

L'approccio terapeutico viene modulato in base alla gravità del quadro clinico e alle eventuali complicanze, con un attento monitoraggio dell'evoluzione.

Il trattamento della broncopolmonite è innanzitutto sintomatico e di supporto, volto a garantire l'idratazione e il benessere del bambino.

Nei casi lievi il trattamento può essere domiciliare, con somministrazione di antipiretici come il paracetamolo per controllare la febbre e sedativi della tosse. È importante assicurare un adeguato apporto idrico.

Nei casi moderati-gravi, in genere, è necessario il ricovero ospedaliero per monitoraggio dei parametri vitali, somministrazione di ossigenoterapia e terapia idratante per via endovenosa. Possono essere utilizzati farmaci mucolitici e broncodilatatori.

Gli antibiotici non sono indicati nelle forme virali non complicate da sovrainfezioni batteriche. 

Tuttavia, se compare febbre persistente o altri segni clinici e di laboratorio di coinvolgimento batterico, va impostata una terapia antibiotica mirata.

Prevenire la broncopolmonite nei bimbi

La prevenzione della broncopolmonite virale si basa su diverse misure, tra cui:

  • vaccinazione pediatrica
    • Vaccinazione antinfluenzale annuale: raccomandata per tutti i bambini dai 6 mesi di età, con particolare attenzione per i soggetti a rischio;
    • Vaccinazione anti-pneumococcica e anti-Haemophilus influenzae di tipo B: include i vaccini coniugati previsti dal calendario vaccinale;
  • igiene: insegnare ai bambini a lavarsi le mani regolarmente e a coprirsi la bocca e il naso quando tossiscono o starnutiscono può aiutare a prevenire la diffusione dei germi;
  • nutrizione: una dieta equilibrata può aiutare a mantenere il sistema immunitario del bambino forte e a combattere le infezioni.
Valentina Montagna | Editor
Scritto da Valentina Montagna | Editor

La mia formazione comprende una laurea in Lingue e Letterature Straniere, arricchita da una specializzazione in Web Project Management. La mia esperienza nel campo si estende per oltre 15 anni, nei quali ho collaborato con nutrizionisti, endocrinologi, medici estetici e dermatologi, psicologi e psicoterapeuti e per un blog di un'azienda che produce format televisivi in ambito alimentazione, cucina, lifestyle.

a cura di Dr. Giuseppe Pingitore
Le informazioni proposte in questo sito non sono un consulto medico. In nessun caso, queste informazioni sostituiscono un consulto, una visita o una diagnosi formulata dal medico. Non si devono considerare le informazioni disponibili come suggerimenti per la formulazione di una diagnosi, la determinazione di un trattamento o l’assunzione o sospensione di un farmaco senza prima consultare un medico di medicina generale o uno specialista.
Valentina Montagna | Editor
Valentina Montagna | Editor
in Bambini

548 articoli pubblicati

a cura di Dr. Giuseppe Pingitore
Contenuti correlati
Mamma al computer mentre due bambini giocano alle sue spalle
Bambini troppo impulsivi: come intervenire e che legami ha con l’ADHD

È assolutamente normale imbattersi in bambini troppo impulsivi, ma è altrettanto fondamentale capire come interfacciarsi a questa condizione. Scoprilo qui.

Terapeuta con bambino mostra un'immagine
Quando un bambino ha bisogno dello psicologo?

Quando un bambino ha bisogno dello psicologo infantile e perché? Vediamo in quali situazioni può essere utile la psicoterapia e come accorgersene.

icon/chat