Sei un professionista sanitario? Iscriviti
  1. Pazienti.it
  2. I Nostri Contenuti
  3. Malattie
  4. Broncopolmonite

Broncopolmonite

Broncopolmonite
Curatore scientifico
Dr. Ludovico Tallarico
Specialità del contenuto
Pneumologia

Che cos'è la broncopolmonite?

La broncopolmonite è un processo infiammatorio di natura infettiva, batterica o virale, che, contemporaneamente o in tempi successivi, colpisce bronchi, bronchioli ed alveoli ed interessa la regione anatomica di un lobulo da cui il termine di polmonite lobulare. I focolai di infezione, del diametro di circa 2-4 cm, possono essere isolati o multipli ed estendersi a zone limitrofe, all'intero lobo o interessare il parenchima di entrambi i polmoni specie i lobi basali.  

Vi sono poi altri tipi di infiammazioni da polmonite: un focolaio polmonare, ad esempio, riguarda un’infiammazione circoscritta e localizzata in una parte del polmone, ed è meno grave della polmonite generalizzata. La polmonite atipica è invece un tipo di infiammazione che si sviluppa solitamente negli interstizi polmonari.

La broncopolmonite è tipica dei soggetti anziani con scarse difese immunitarie o dei bambini il cui sistema immunitario non è ancora formato. Può insorgere in modo primario o essere secondaria ad altra infezione generale (influenza, morbillo, pertosse, tifo, difterite, ecc.) o ad uno scompenso cardiaco.

Quali sono le cause di broncopolmonite?

Gli agenti patogeni della broncopolmonite sono rappresentati per lo più dallo streptococco, stafilococco, pneumococco, emofilo, klebsiella, pseudomonas, eventualmente associati fra di loro o con altri germi infettivi. Altre cause possono anche essere virali o micotiche. Nelle infezioni ospedaliere sono più frequentemente chiamati in causa aerobi Gram-negativi e lo Stafilococco aureo che non in quelle acquisite in comunità.

Come avviene il contagio della broncopolmonite?

Entrambe le forme di broncopolmonite (batterica o virale) sono il risultato del contatto con virus e batteri

La polmonite (o broncopolmonite) causata dal batterio Streptococcus pneumoniae non è considerata contagiosa, in quanto tale batterio è un microrganismo ubiquitario (ovvero si trova anche nell’ambiente circostante di persone sane), per cui non è necessario isolare il malato.

Sono invece trasmissibili da persona a persona la polmonite da antrace, da ebola, e quella causata dal Mycobacterium tuberculosis, che può essere trasmesso anche tramite piccole gocce di saliva presenti nell’aria; in tutti questi casi è bene che il paziente malato rimanga isolato fino a guarigione. Qualora non si potesse evitare il contatto con questi casi più gravi, si raccomanda una profilassi con maschere da indossare, guanti, ed altri accorgimenti simili.

Sintomi broncopolmonite

sintomi possono svilupparsi gradualmente o improvvisamente.

broncopolmonite virale può iniziare con sintomi simil-influenzali, che diventano però più gravi in pochi giorni. Il sospetto di broncopolmonite nasce generalmente quando il paziente lamenta:

  • febbre alta
  • tosse ed espettorato mucopurulento.

Altri sintomi di una broncopolmonite includono:

  • brividi
  • mal di testa
  • tachicardia
  • tachipnea
  • dispnea
  • stato ansioso
  • agitazione
  • astenia
  • sonnolenza
  • sintomi gastrointestinali (vomito, distensione addominale,diarrea  e dolori addominali)
  • dolori muscolari, confusione o delirio, soprattutto nelle persone anziane

Come si manifesta la broncopolmonite nei bambini?

sintomi della broncopolmonite nel bambino dipendono anche dall’età. I sintomi principali della broncopolmonite in età infantile sono:

  • Febbre
  • Brividi
  • Tosse
  • Sibili / stridore
  • Congestione nasale
  • Respirazione affannosa, rapida e rumorosa
  • Dolori addominali
  • Nausea
  • Colore bluastro o grigio delle labbra
  • Perdita di appetito

Nei bambini che contraggono la polmonite batterica, i sintomi compaiono generalmente all’improvviso, mentre per quelli che sono colpiti dalla forma virale, i sintomi insorgono in maniera graduale e sono generalmente più lievi della forma batterica. L’analisi dei sintomi permette quindi, in molti casi, di poter effettuare una corretta diagnosi  patologica.

Come avviene la diagnosi?

la diagnosi della broncopolmonite avviene, principalmente, mediante l'anamnesi,  l'esame obiettivo ed eventualmente altri esami di primo e di secondo livello.

Esami di Primo livello:

  • Rx torace;
  • test di laboratorio per identificazione dell'agente etiologico.

I reperti radiografici della broncopolmonite possono consistere  in opacità nodulari mal definite che corrispondono a singoli lobuli o a gruppi di lobuli anche bilaterale. La broncopolmonite provoca frequentemente riduzione di volume dei lobi o dei segmenti interessati per frequenti atelettasie ed assenza di broncogramma aereo. La risoluzione radiografica di solito richiede 3-5 settimane, in contrasto con la risposta clinica che avviene in pochi giorni.

.Altri esami che vengono eseguiti sono l’esame colturale dell’espettorato, le emocolture (almeno due) se T°> 38°C o T°< 36°C, tamponi faringei (ricerca DNA di Streptococcus pneumoniaeMycoplasma pneumoniaeChlamydia pneumoniae mediante PCR), ricerca anticorpale (anticorpi anti MycoplasmaChlamydia e Legionella) e ricerca degli antigeni urinari (Legionella e Pneumococco).

Esami di Secondo livello:

  • TC torace;
  • broncoscopia diagnostica: esame colturale su Broncoaspirato /lavaggio bronco alveolare (BAL)/brushing bronchiale per germi comuni e/o indagini microbiologiche mirate;
  • se v'è un criterio epidemiologico ed un  sospetto clinico: ricerca di BAAR, Polymerase Chain Reaction per M.tuberculosis e colturale per Micobatteri.

Criterio di gravità clinica per le Polmoniti di comunità

Nei pazienti con polmonite contratta in comunità la stratificazione sulla base della gravità clinica è utile per la decisione del trattamento: ospedalizzazione vs gestione ambulatoriale e per la scelta del regime empirico-ragionato iniziale. Lo score di gravità clinica più frequentemente utilizzato è il seguente, che attribuisce 1 punto per ognuno dei seguenti 5 parametri:

  • Stato confusionale di nuova insorgenza
  • Azotemia > 20 mg/dL
  • Frequenza respiratoria > 30 atti/min
  • Pressione arteriosa sistolica < 90 mm Hg o Pressione arteriosa diastolica < 60 mmHg
  • Età > 65 anni
  • Se il punteggio è di 4 o 5 si consiglia  ospedalizzazione

Qual è la cura per la broncopolmonite?

In tutte le polmoniti batteriche la terapia con antibiotici deve iniziare non appena si pone la diagnosi e deve colpire il patogeno responsabile, quindi l'obiettivo sarebbe quello di iniziare con un antibiotico mirato, purtroppo nella maggior parte dei casi non vi è un riscontro microbiologico e, nell'attesa, si inizia con una terapia empirica. L'antibioticoterapia differisce se l'affezione è stata contratta in ambiente nosocomiale oppure  in comunità  e se, in tale evenienza, la cura si effettua al domicilio del paziente oppure in ospedale.  

Nei soggetti con polmonite  acquisita in comunità e per i quali non è previsto il ricovero,  si consiglia, per una settimana, l'uso di Amoxicillina come prima scelta oppure un Macrolide in caso di allergia ai beta lattamici oppure la Levofloxacina o Moxifloxacina solo in caso di alti livelli di resistenze a beta lattamici. Invece nei ricoverati si effettua terapia con  Aminopenicillina con o senza macrolide,  Cefalosporina senza azione anti-Pseudomonas, o Cefotaxime o Ceftriaxone con o senza macrolide o Levofloxacina o Moxifloxacina

Nelle polmonite nosocomiali la terapia antibiotica varia se l'affezione  brocopolmonare è  associata alla ventilazione o alla intubazione oppure se il paziente è ricoverato in terapia intensiva o in reparti non intensivi

Tra le cure per alleviare i sintomi vi sono:

  • riposo
  • assunzione di liquidi caldi in grande quantità
  • utilizzo di un umidificatore
  • assunzioni di grande quantità d’acqua
  • Ossigeno-terapia
Hai trovato questo contenuto utile?
Mostra commenti

Contenuti correlati

Bronchite asmatica
La bronchite asmatica è una malattia, per così dire, non più esistente, dal momento che oggi si parla di bronchite acuta, cronica o asma ...
Micoplasma
I micoplasmi sono le più piccole forme batteriche in grado di vita autonoma. Sono batteri ubiquitari che vivono sia come saprofiti sia co...
Pneumococco
Lo Streptococcus pneumoniae (pneumococco) è un batterio Gram-positivo responsabile della maggior parte delle polmoniti acquisite in comun...