Sei un professionista sanitario? Iscriviti
  1. Pazienti.it
  2. Risposte
  3. Terapia Dolore Farmaci

Quali sono i farmaci maggiormente impiegati nella terapia del dolore?

Quali sono i farmaci maggiormente impiegati nella terapia del dolore? Grazie mille.

Nella terapia del dolore, si usano e si prendono in considerazione tutti i possibili antidolorifici. Non esiste, purtroppo, un antidolorifico che funzioni per tutti o che sia tollerato da tutti. 

Le principali famiglie di farmaci antidolorifici sono: 
  • antinfiammatori: sono farmaci potenti che bloccano una delle tante sostanze che è coinvolta nell'infiammazione, riducendo quindi il dolore. È consigliato usare questi farmaci per periodi di tempo limitati, perché possono potenzialmente causare gravi effetti collaterali e danni agli organi. Non danneggiano solo lo stomaco, come è noto ormai a tutti, ma in alcuni casi anche intestino, reni, cuore, fegato
  • oppioidi: si dice che il dolore acuto (che dura poco, legato ad un danno) andrebbe trattato con gli antinfiammatori e il dolore cronico (quello che dura a lungo) con gli oppioidi. Gli oppioidi non provocano danni agli organi e per questo possono essere usati in terapie lunghe. In alcuni casi, possono non essere tollerati (causando rallentamento intestinale, nausea, confusione). La scelta del farmaco, la durata della terapia, gli scopi della terapia devono essere discussi con il medico prescrivente
  • antidolorifici non antinfiammatori e non oppioidi: il più noto di questa categoria è il paracetamolo (famoso perchè agisce anche sulla febbre)
  • farmaci contro l'epilessia e antidepressivi sono usati nella terapia del dolore neuropatico (che coinvolge in qualche modo il nervo).  È quindi importante riconoscere questo tipo di dolore
  • miorilassanti: agiscono rilassando i muscoli contratti
  • farmaci contro l'osteoporosi: ne esistono numerose categorie e agiscono rinforzando le ossa. 
Per terminare, ricordo che la prima terapia del dolore è sempre quella sulla causa. Se questo non è possibile, allora sono utili infiltrazioni e manipolazioni. Ogni terapia andrebbe poi accompagnata da riabilitazione specifica. 

I farmaci vanno usati per raggiungere uno scopo preciso: per aspettare la guarigione spontanea (nelle malattie cicliche) o in attesa di una terapia più definitiva o per permettere una fisiochinesiterapia. Alcuni pazienti purtroppo non hanno possibilità risolutive del dolore e allora è possibile prendere in considerazione una terapia che persista nel tempo.
Hai trovato questa risposta utile?
Risposta a cura di:
Dr. Luca Canzoneri
Dr. Luca Canzoneri
Torino - Via Circonvallazione,126, Caselle Torinese
Altre risposte di questo specialista
Dolore alla gamba post ischemia: cosa fare?
Gentile Signora,prima di decidere la strategia terapeutica, è importante valutare il paziente in modo diretto per cercare di trovare la causa del dolore. Se non...
Frattura dell'omero: è normale avere sempre dolore?
Vivere con il dolore non può essere considerato normale e nemmeno troppo umano. Trattare il dolore di una situazione del genere purtroppo può non essere...
Neuropatia arti inferiori: quale cura seguire?
Un dolore che persiste da 15 anni cambia veramente la vita. Per affrontare una simile situazione, è pensabile tentare le classiche possibilità farmacologiche, ma queste...
Dolore al collo: esistono farmaci omeopatici?
Non sono un medico omeopata. L'omeopatia nonostante sia molto diffusa nel mondo non è assolutamente chiaro come possa funzionare. In effetti i...
Terapia del dolore: cos'è?
La terapia del dolore o medicina del dolore o algologia è una disciplina medica che tratta il dolore cronico ossia quello che persiste...
Vedi tutte
Risposte simili
Vertebre schiacciate: cosa fare per il dolore?
Le vertebre schiacciate sono, nella terminologia medica, vertebre affetta da 'crollo vertebrale'. L'esordio è con dolore intenso, improvviso, non necessariamente conseguente a trauma, interessa generalmente...
Dolore ai piedi: come risolverlo?
Il Lyrica non è un analgesico, si associa ad un farmaco contro il dolore solo in alcuni casi e per certi tipi di...
Terapia del dolore: è indicata per una persona diabetica e ipertesa?
Il diabete e l'ipertensione non sono di ostacolo alle terapie per il dolore, quando presente per patologie diverse. ...