Demenza

Contenuto di: - Aggiornato il 20/02/2017

La demenza è una patologia che causa una diminuzione del funzionamento intellettuale. Il termine demenza è di solito usato nei casi di pazienti che presentano due o più funzioni vitali principali compromesse.

Cosa intendiamo con il termine demenza?

Demenza_ | Pazienti.it

La demenza è una patologia che causa una diminuzione del funzionamento intellettuale. Il termine demenza è di solito usato nei casi di pazienti che presentano due o più funzioni vitali principali compromesse, tra le quali:

  • memoria
  • linguaggio
  • percezione
  • giudizio
  • ragionamento
  • controllo emotivo e comportamentale alterato
  • personalità alterata
  • capacità di problem solving ridotta o persa.

Cosa è la demenza senile?

Studi recenti hanno scoperto che quasi la metà di tutte le persone di 85 di età hanno una qualche forma di demenza. Anche se è comune nei soggetti molto anziani, la demenza non è una parte del normale processo di invecchiamento.

Come si classifica la demenza?

Ci sono diversi schemi di classificazione per la demenza in base ai problemi riscontrati nel paziente. La demenza è classificata in:

  • demenza corticale: memoria, linguaggio, pensiero, rapporti sociali, compromessi
  • demenza desottocorticale: emozioni, movimento, memoria, compromessi
  • demenza progressiva: abilità cognitive compromesse nel tempo
  • demenza primaria: deriva da una determinata malattia, come il morbo di Alzheimer
  • demenza secondaria: si verifica a causa di malattie o lesioni.

La malattia di Alzheimer è la causa più comune di demenza senile nelle persone oltre i 65 anni di età. Questa patologia compromette quasi tutte le funzioni cerebrali, compresa la memoria, il movimento, il linguaggio, il giudizio, il comportamento e il pensiero astratto.

Demenza vascolare

La demenza vascolare è causata da danni al cervello e da problemi cardiovascolari o cerebrovascolari (ictus). Può anche derivare da malattie genetiche, endocardite (infezione di una valvola cardiaca), o angiopatia amiloide (un processo in cui la proteina amiloide si accumula nei vasi sanguigni del cervello, a volte causando ictus emorragico o “sanguinamento”). A differenza di persone con la malattia di Alzheimer, le persone con demenza vascolare spesso mantengono la loro personalità e normali livelli di reattività emozionale fino alle fasi successive della malattia. Le persone affette da demenza vascolare spesso vagano di notte e hanno altri problemi che si trovano comunemente nelle persone che hanno avuto un ictus, tra cui la depressione e l’incontinenza. Tra i diversi tipi di demenza vascolare c'è la demenza vascolare multi-infartuale, causata da numerosi piccoli colpi nel cervello. Questa patologia in genere include molteplici aree danneggiate, chiamate infarti, insieme con lesioni estese alle fibre nervose del cervello. Poiché gli infarti riguardano zone isolate del cervello, i sintomi sono spesso limitati ad un lato del corpo o possono influenzare solo una o alcune funzioni specifiche, come il linguaggio.

Demenza di Lewy

La demenza di Lewy (malattia a corpi di Lewy) provoca la morte progressiva delle cellule della corteccia cerebrale. Si manifesta con episodi di agitazione e allucinazioni. I sintomi sono simili a quelli della malattia di Alzheimer.

Demenza fronto-temporale

Questo tipo di demenza presenta una forma apatica e una forma agitatoria con comportamenti inappropriati, ed è legata alla degenerazione delle cellule nervose nel cervello nei lobi frontali e temporali. I sintomi evidenti nei pazienti comprendono problemi di comportamento come:

  • aumento dell’appetito
  • comportamento compulsivo
  • problemi di capacità motorie
  • perdita di memoria.

Demenza associata ad HIV

Questo tipo demenza è dovuta ad un’infezione del cervello associata al virus HIV. I sintomi comprendono:

  • difficoltà di memoria
  • apatia
  • ritiro sociale
  • problemi di concentrazione
  • problemi di movimento

I farmaci contro l'AIDS ritardano l’insorgenza della demenza e possono aiutare a ridurre i sintomi.

La malattia di Huntington e la demenza

Questa è una malattia ereditaria causata da un gene difettoso. I figli di una persona con questa malattia hanno una probabilità del 50% di contrarla. La malattia causa la degenerazione in molte regioni del cervello e del midollo spinale. Si manifesta con movimenti coreiformi. I sintomi iniziano intorno ai 30, 40 anni di età e sono:

  • ansia
  • depressione
  • comportamento psicotico
  • scatti involontari
  • movimenti aritmici del corpo.

Demenza pugilistica

Questa demenza è anche chiamata sindrome del Boxer, ed è dovuta a lesioni traumatiche al cervello; sintomi comuni sono:

  • tremori
  • anomalie dell’andatura

Demenza secondaria

Le demenze secondarie sono l'effetto di altre malattie o condizioni come deficit di vitamine del gruppo B, uso di anticolinergici e traumi. Queste forme di demenza si verificano in pazienti con altri disturbi del movimento come il morbo di Parkinson o la sclerosi multipla.

Demenza nei bambini

Le infezioni, i traumi e gli avvelenamenti possono portare alla demenza nei bambini. La malattia di Niemann-Pick, la malattia di Batten, la malattia di Lafora e altre anomalie mitocondriali portano alla demenza infantile.

Altre forme rare di demenza

Altre forme più rare di demenza includono:

  • Malattia di Gerstmann-Straussler-Scheinker: la **demenza in questa patologia insorge intorno ai 50 anni di età. La malattia può durare per diversi anni prima che i pazienti muoiano. Causa un’insonnia originata dai danni ad una regione del cervello chiamata talamo, che è in parte responsabile del controllo del sonno. L'insonnia progressiva conduce infine ad una totale incapacità di dormire. Essa può essere fatale nel giro di 7-13 mesi dopo l’inizio dei sintomi.
  • Malattia di Niemann-Pick: è un gruppo di malattie ereditarie che influenzano il metabolismo e sono causate da specifiche mutazioni genetiche. I pazienti con malattia di Niemann-Pick non riescono a metabolizzare correttamente il colesterolo e gli altri lipidi. Di conseguenza, una quantità eccessiva di colesterolo si accumula nel fegato e nella milza e quantità eccessive di altri lipidi si accumulano nel cervello, causando i sintomi della demenza. Queste malattie in genere compaiono nei giovani in età scolare.
  • Malattia di Batten: è una malattia ereditaria del sistema nervoso che inizia durante l’infanzia. I sintomi sono collegati ad un accumulo di sostanze chiamate lipopigments nei tessuti del corpo. I primi sintomi includono cambiamenti di personalità e comportamento, apprendimento lento, goffaggine, o inciampare. Nel corso del tempo, i bambini affetti soffrono di ritardo mentale, convulsioni e perdita progressiva della vista e delle capacità motorie. Alla fine, i bambini con malattia di Batten sviluppano la demenza. La malattia è spesso fatale.
  • Malattia di Lavora: è una malattia genetica rara che provoca crisi epilettiche, demenza e disordini del movimento.

Quali condizioni possono causare demenza?

I medici hanno individuato molte altre condizioni che possono causare la demenza, tra le quali:

  • alcuni farmaci
  • problemi metabolici
  • ridotta capacità di assorbire la vitamina B12
  • carenze nutrizionali
  • disidratazione
  • meningite e encefalite
  • leucemia
  • AIDS
  • tumori cerebrali
  • esposizione a metalli pesanti
  • anossia: minore fornitura di ossigeno ai tessuti di un organo
  • età avanzata
  • genetica (familiarità)
  • fumo
  • alcol
  • arteriosclerosi
  • colesterolo alto
  • diabete
  • elevati livelli plasmatici di omocisteina

Come viene diagnosticata la demenza?

Spesso esistono demenze miste con più forme insieme, per la diagnosi può essere interpellato neurologo, geriatra o psichiatra indifferentemente, lo stile di vita attivo mentalmente e fisicamente aiutano nella prevenzione e nella cura, nelle forme avanzate spesso si deve ricorrere all'uso di antipsicotici, nelle demenze parkinsoniane può essere utile l'uso di dopaminergici.

La demenza viene diagnosticata mediante:

  • analisi storica della famiglia
  • esame fisico
  • valutazioni neurologiche
  • test cognitivi e neuropsicologici
  • scansioni cerebrali
  • esami dello stato mentale
  • elettroencefalogrammi
  • esami del sangue
  • valutazioni psichiatriche
  • test di odore-identificazione

La demenza può essere prevenuta?

La ricerca ha rivelato una serie di fattori che possono essere in grado di prevenire o ritardare l’insorgenza della demenza in alcune persone. Tra questi:

  • controllo dei livelli di glucosio tendono
  • impegno in attività intellettualmente stimolanti
  • vitamine del gruppo B
  • basso colesterolo
  • abbassamento della pressione sanguigna
  • esercizio fisico regolare

Come si cura la demenza?

La maggior parte dei trattamenti per la demenza possono ridurre i sintomi e rallentare la progressione della malattia. Molti ricercatori stanno inoltre esaminando se questi farmaci possono essere utili per il trattamento dei diversi tipi di demenza. Molte persone affette da demenza, in particolare quelli nelle fasi iniziali, possono praticare alcune attività per migliorare le prestazioni del funzionamento cognitivo. Test mnemonici, dispositivi di richiamo computerizzati, o prendere appunti possono servire loro. Molti studi hanno, inoltre, dimostrato che gli inibitori della colinesterasi aiutano a rallentare il declino delle funzioni mentali associate, e che possono contribuire a ridurre i problemi comportamentali. Tuttavia, nessuno di questi farmaci può fermare o invertire il corso della demenza.

Argomenti: demenza diminuzione del funzionamento intellettuale demenza corticale demenza desottocorticale demenza progressiva demenza primaria