Sei un professionista sanitario? Iscriviti
  1. Pazienti.it
  2. I Nostri Contenuti
  3. Sintomi
  4. Emottisi

Emottisi

Emottisi
Curatore scientifico
Dr. Marialuisa Lugaresi
Specialità del contenuto
Pneumologia

Che cos’è l’emottisi?

Si indica con questo nome o con quello analogo di emoftoe, l’emissione dalla bocca di sangue proveniente dai bronchi e dai polmoni. La quantità di sangue può limitarsi a piccole striature presenti nell’espettorato, oppure essere notevole e di un colore rosso vivo e, ancora, ricca di schiuma (perché gorgoglia attraverso l’aria dei bronchi).

Anche la durata è variabile: può esaurirsi in poche ore o protrarsi per periodi di tempo anche lunghi, perfino settimane. Avvenuta l’emottisi, il sangue rimasto nei bronchi o negli alveoli polmonari viene eliminato nei giorni seguenti con l’espettorato e ha allora un colorito più scuro che tende a poco a poco al nerastro, a causa della successiva decomposizione del sangue fuoriuscito.

Quali sono le cause dell’emottisi?

Ci sono molti disturbi sottostanti che possono causare l’emottisi che vanno dai problemi cardiaci al trauma alle infezioni alla malattia polmonare. In tutto il mondo, la tubercolosi è la causa più comune di emottisi. Nei paesi industrializzati, le cause più comuni sono la bronchite asmatica, la bronchiectasia e il carcinoma broncogeno.

Nei pazienti ammalati di AIDS, la causa più comune di emottisi è la polmonite. In circa 15-30% dei casi, il problema sottostante non viene mai trovato.

Un micobatterio è un tipo di batteri che causa una serie di infezioni, tra cui la tubercolosi. Un'infezione micobatterica può distruggere i tessuti polmonari, solitamente formando cavità nelle pareti delle vie aeree.

L'emottisi che risulta è di solito lieve o moderata e può essere associata ad altri sintomi, compresa la perdita di peso non spiegata, la tosse, l'espettorato purulento (denso, opaco, di colore bianco giallastro) e una storia di esposizione micobatterica. Una radiografia del torace mostra solitamente segni di infezione, compresa una cavità visibile.

Bronchiti ed emottisi

La bronchite è un'infiammazione che causa gonfiore dei bronchi e può essere acuta o cronica. È una causa molto comune di emottisi che deriva da tosse ricorrente che irrita e alla fine rompe la mucosa delle vie aeree.

L'emottisi è di solito lieve e spesso associata ad un espettorato purulento, febbre di basso grado e, occasionalmente, affanno. Di solito, l’espettorato viene esaminato al microscopio per cercare il patogeno colpevole. Una radiografia del petto è sempre consigliata. Al paziente vengono prescritti dei farmaci per la tosse e antibiotici.

Bronchiectasie ed emottisi

La bronchiectasia è una dilatazione cronica con conseguente infezione dei bronchioli e dei bronchi che si traduce nell'ostruzione nei bronchi. La dilatazione è dovuta ai danni al tessuto sostenitore circostante ed è di solito frutto di infezione o fibrosi (la formazione anomala del tessuto cicatriziale).

La fibrosi cistica è un esempio di malattia che porta alla bronchiectasia. Oltre all'emottisi, i pazienti con bronciectasie presentano spesso una tosse grave e un espettorato purulento cronico.

Cancro ai polmoni ed emottisi

Il carcinoma broncogeno è il cancro che nasce dalla membrana dei bronchi. Circa il 90% dei tumori polmonari è broncogeno. L’altro 10% inizia da bronchioli, alveoli o trachea. Il carcinoma broncogeno è una causa meno comune di emottisi rispetto alla bronchite o alla bronchiectasia, ma è importante.

La maggior parte dei casi di carcinoma broncogeno si verifica nei fumatori. Se la malattia è avanzata, i pazienti possono subire una perdita di peso improvvisa e vari altri sintomi comuni del cancro al polmone.

Una radiografia del torace può rivelare la posizione del tumore e le cellule cancerose possono spesso essere rilevate dall’esame microscopico della saliva del paziente attraverso un antibiogramma. La diagnosi a volte non può essere confermata fino a quando il tessuto non viene sottoposto a biopsia.

Circa il 7% dei tumori broncogeni è inizialmente diagnosticato a causa dell’emottisi. Circa il 20% dei pazienti affetti da tumore broncogeno presenta emottisi ad un certo punto della malattia. Il sanguinamento è dovuto alla necrosi del tumore, la rottura dei piccoli vasi sanguigni nell'area o il tumore che invade uno dei vasi sanguigni polmonari.

L'emottisi può anche derivare da un cancro metastatico nei polmoni (in particolare il seno, il rene, il colon e metastasi esofagee).

Polmonite ed emottisi

La polmonite è un'infezione polmonare causata da diversi microrganismi. Quando una persona sana inala uno di questi microbi, il sistema immunitario risponde e impedisce alla microbica di riprodurre e causare un’infezione. Nelle persone con un sistema immunitario indebolito (ad esempio, pazienti con l’AIDS), i microbi si stabiliscono nei polmoni, dove crescono e si moltiplicano.

Mentre il tessuto polmonare tenta di proteggersi, i polmoni si riempiono di liquidi e di pus. Oltre all'emottisi, altri sintomi includono una febbre alta, tosse e dolore toracico.

Quali sono le altre cause dell’emottisi?

Altre cause dell'emottisi includono infarto polmonare o embolia, vari problemi cardiaci, disturbi vascolari e traumi.

Infarto polmonare o embolia e emottisi

Un’embolia polmonare è la chiusura improvvisa di un'arteria polmonare a causa di un coagulo di sangue o della presenza di materiale estraneo. L'infarto polmonare è la morte del tessuto polmonare dovuta alla mancanza di ossigeno risultante da un unico embolo o da più embolie ricorrenti. L'embolia polmonare può essere massiccia, con conseguente morte o gravi shock oppure può essere relativamente mite.

L'infarto è una causa relativamente poco frequente di emottisi. I sintomi associati includono il dolore toracico (dolore toracico pleuritico in particolare, il che significa che il dolore si percepisce quando il paziente inspira ed espira), tosse, febbre di basso grado, tachipnea (rapida respirazione), tachicardia (battito cardiaco veloce) e dispnea, anche senza sforzo.

Problemi cardiaci e emottisi

La stenosi mitralica (un restringimento della valvola mitrale del ventricolo sinistro) può portare a emottisi molto lieve, rosa, schiumosa, con leggere tracce di sangue.

Coagulopatia e emottisi

Una coagulopatia è una malattia che colpisce la coagulabilità ovvero la capacità del sangue di coagulare. In un paziente con coagulopatia, i coaguli possono formarsi anche dopo un leggero trauma alla mucosa delle vie aeree respiratorie, portando ad una leggera emottisi.

Altri segni di coagulopatia comprendono epistassi (sangue dal naso), purpura (comparsa di lesioni o contusioni sulla pelle a causa di vasi sanguigni rotti), menorragia e ematuria (sangue nelle urine).

Emottisi iatrogenica

Una condizione iatrogenica si verifica a seguito dell'attività di un medico o un chirurgo. L'emottisi iatrogenica può verificarsi dopo una biopsia del tessuto polmonare presa durante una broncoscopia. Di solito, il sanguinamento si ferma da solo, ma a volte può essere grave.

Aspergillosi e emottisi

L'aspergillosi è un'infezione polmonare causata dal fungo Aspergillus fumigatus. È raro, tranne nei pazienti con sistemi immunitari compromessi. Il fungo di solito cresce sottoforma di una palla (nota come un aspergilloma) che può invadere i vasi sanguigni della zona, provocando enormi emottisi e altri danni maggiori. Una radiografia del petto è consigliata e il trattamento comporta solitamente la rimozione chirurgica della lesione.

Ascesso polmonare ed emottisi

Un ascesso al polmone è un accumulo di pus (un prodotto fluido di infiammazione e infezione) che può causare emottisi.

Malformazione arteriovenosa e emottisi

La malformazione arteriovenosa è una malattia infantile congenita (presente alla nascita) caratterizzata dalla presenza di arterie e vene anormali in tutti i polmoni. Le anomalie causano danni interni ai polmoni e la perdita della loro funzione.

Emosiderosi polmonare idiopatica e emottisi

L'emosiderosi polmonare idiopatica è una malattia infantile rara che porta alla deposizione di emosiderina (un sottoprodotto del ferro dell'emoglobina) nei polmoni. Si ritiene che sia una malattia autoimmune, il che significa che il corpo attacca erroneamente il proprio tessuto sano, causando danni. I pazienti subiscono ripetuti attacchi improvvisi di emottisi e dispnea (respirazione difficile).

Sindrome di Goodpasture e emottisi

La sindrome di Goodpasture comporta un accumulo di ferro nei polmoni. Coinvolge anche i reni e la maggior parte dei pazienti muore per insufficienza renale diversi mesi dopo che è stata diagnosticata.

Traumi e emottisi

Un trauma al petto, ad esempio dopo un incidente d'auto, può causare l'emottisi subito dopo o più tardi.

Granulomatosi e emottisi di Wegener

La granulomatosi di Wegener è una malattia autoimmune, il che significa che il corpo attacca il proprio tessuto sano e normale, causando danni. E’ molto rara ed è caratterizzata da infiammazione.

Quali sono i segni e sintomi dell'emottisi?

L'emottisi è un sintomo di molti disturbi sottostanti, dal cancro a una lieve infezione bronchiale. Oltre a tossire sangue, un paziente può notare altri sintomi, tra cui:

I pazienti spesso non sono sicuri che il sangue arrivi dal tratto respiratorio. C'è una grande differenza, in termini di prognosi e trattamento, tra emottisi e ematemesi.

I segni di emottisi includono:

  • Qualsiasi sintomo respiratorio, come una tosse
  • Sangue rosso brillante
  • Sangue che presenta un aspetto liquido o coagulato e schiumoso

I segni dell’ematemesi includono:

  • Una storia di uso eccessivo di alcol o malattie epatiche
  • Qualsiasi sintomo esofago-gastrico, come nausea o vomito
  • Un colore marrone scuro
  • Sangue molto denso
  • Feci di colore scuro (una condizione nota come melena)

Come si diagnostica l’emottisi?

Una parte essenziale della diagnosi di emottisi è escludere l'ematemesi (vomito del sangue). Il sangue può provenire dalla parte posteriore della bocca o dal tratto gastrointestinale.

Dopo la conferma dell'emottisi, la diagnosi prevede la differenziazione tra le possibili cause del sanguinamento, dal cancro polmonare alla bronchite. La diagnosi comporta una storia medica dettagliata, test di laboratorio, tra cui l’emocromo e una radiografia del torace.

Possono anche essere utili una broncoscopia o una scansione CT, a seconda della natura dell'emottisi e della probabilità di cancro.

Hai trovato questo contenuto utile?
Mostra commenti

Contenuti correlati

Difficoltà respiratorie
Le difficoltà respiratorie possono sopraggiungere per varie cause. Occorre riconoscere il motivo della difficoltà respiratoria, per giung...
Tosse secca
La tosse secca è un sintomo particolarmente fastidioso che può avere più di un'origine. Occorre individuare la causa esatta del malessere...
Starnuto
Lo starnuto è una manifestazione fisiologica, spesso usata dall'organismo per espellere sostanze irritanti o batteri.