Gastroscopia

Contenuto di:

La gastroscopia è l'esame endoscopico dello stomaco e del primo tratto dell'intestino, attraverso l'introduzione di una sonda flessibile all'interno dello stomaco.

In cosa consiste la gastroscopia?

Gastroscopia | Pazienti.it

La gastroscopia è una procedura nella quale un tubo sottile e flessibile, chiamato endoscopio, viene usato per guardare dentro all'esofago, allo stomaco e nella prima parte dell'intestino tenue (duodeno).

A volte viene definita endoscopia gastrointestinale superiore.

L'endoscopio ha una luce e una fotocamera posti ad una estremità. La fotocamera trasmette immagini dall'interno dell'esofago, dello stomaco e del duodeno a un monitor.

Perché viene eseguita?

La gastroscopia può essere effettuata per:

  • Indagare problemi quali la difficoltà di deglutizione (disfagia) o un persistente dolore addominale.
  • Diagnosticare condizioni come ulcere allo stomaco o malattia da reflusso gastro-esofageo, esofagite, gastrite nervosa, gastrite erosiva.
  • Trattare condizioni come le ulcere sanguinanti, un blocco nell'esofago, crescite non cancerose (polipi) o i piccoli tumori.

La gastroscopia fatta per controllare i sintomi o confermare una diagnosi è nota come gastroscopia diagnostica. La gastroscopia effettuata per trattare una condizione già nota è chiamata gastroscopia terapeutica.

Come ci si prepara alla gastroscopia?

Le istruzioni su come prepararsi a una gastroscopia devono essere incluse al documento che viene rilasciato nel momento in cui si prende l’appuntamento.

Potrebbe essere necessario interrompere l'assunzione dei farmaci prescritti per indigestione fino a due settimane prima della procedura. Questo perché il farmaco potrebbe mascherare alcuni dei problemi che una gastroscopia potrebbe rilevare.

Se si stanno assumendo uno dei seguenti farmaci, si dovrebbe telefonare all'unità endoscopica prima di recarsi all'appuntamento, perché potrebbero essere necessari speciali provvedimenti:

  • Qualsiasi medicinale usato per trattare il diabete, come l'insulina o la metformina
  • Qualsiasi farmaco utilizzato per prevenire i coaguli di sangue, ad esempio l'aspirina a basso dosaggio

È importante che lo stomaco sia vuoto durante una gastroscopia, in modo che l'intera area sia chiaramente visibile. Viene chiesto di non mangiare nulla per sei-otto ore prima della procedura e di smettere di bere due o tre ore prima di eseguire l’esame.

Come si svolge l'esame?

Una gastroscopia richiede spesso meno di 15 minuti, anche se può volerci più tempo se viene utilizzata per trattare una condizione.

La procedura viene effettuata da un endoscopista (un professionista sanitario specializzato nell'esecuzione di endoscopie) e assistito da un'infermiera.

Di solito, viene eseguita come procedura ambulatoriale, il che significa che non sarà necessario trascorrere la notte in ospedale.

Prima della procedura, la gola sarà sedata con uno spray anestetico locale. Si può anche scegliere di farsi fare un sedativo, se si preferisce. Ciò significa che si sarà ancora svegli, ma si sentirà molto sonno e si avrà meno consapevolezza di quello che sta succedendo. I bambini piccoli possono effettuare l’esame sotto anestesia generale, il che significa che saranno addormentati mentre viene eseguita.

Il sedativo aiuterà a sentirsi rilassati, ma si dovrà rimanere in ospedale un po' più a lungo mentre ci si riprenderà e sarà necessario che qualcuno accompagni il paziente in ospedale e rimanga con lui per almeno 24 ore dopo l’esame.

Prima di iniziare la procedura, si dovranno rimuovere eventuali occhiali, lenti a contatto e dentiere. Non serve spogliarsi, ma potrebbe essere chiesto di indossare un camice da ospedale sui vestiti.

Viene quindi effettuato lo spruzzo anestetico locale e viene fornita una piccola protezione della bocca in plastica, per tenerla aperta e proteggere i denti.

Verrà chiesto di sdraiarsi sul lato sinistro e l'endoscopista inserirà il tubo nella parte posteriore della bocca e chiederà di ingoiarne la prima parte. Sarà quindi guidato all’interno dell’esofago e nello stomaco.

La procedura non è dolorosa, ma può essere spiacevole o scomoda.

Cosa aspettarsi dopo una gastroscopia?

Se non è stato iniettato un sedativo, il paziente può tornare a casa subito dopo che la procedura è terminata.

In caso contrario, dovrà riposare tranquillamente per qualche minuto o ore finché il sedativo non sarà stato smaltito. Bisognerà farsi portare a casa e avere qualcuno vicino per almeno 24 ore.

Anche se ci si sente bene, il sedativo può rimanere nel sangue per 24 ore e si possono verificare ulteriori episodi di sonnolenza. Non si dovrebbe quindi guidare, utilizzare macchinari pesanti o bere alcool durante questo periodo.

Prima di venir dimessi, l'infermiera o il medico dovrebbe spiegare i risultati della procedura.  

Verrà spiegato se c’è il bisogno di apportare modifiche alla dieta durante le ore o i giorni successivi.

È normale sentire gonfiore o avvertire un mal di gola per un giorno o due dopo una gastroscopia.

Se si sviluppano segni di un problema più grave, è necessario contattare immediatamente il medico di famiglia o l'unità di endoscopia, ad esempio:

  • Gravi dolore al torace o dolore addominale
  • Feci molto scure
  • Vomito persistente o vomito di sangue
  • Fiato corto
  • Temperatura elevata a 38C o superiore

Argomenti: gastroscopia reflusso gastroesofageo ulcere gastriche
Extrasistole | Pazienti.it
Extrasistole

L'extrasistole è un sintomo che provoca delle aritmie nel battito cardiaco. L'extrasistole può verificarsi sia in persone con un cuore sano che nei pazienti con malattia cardiaca.

Missing | Pazienti.it
Esofagoscopia

L'esofagoscopia è una tecnica diagnostica volta ad individuare la presenza di eventuali malformazioni e patologie riguardanti l'esofago.

Apparato_digerente | Pazienti.it
Apparato digestivo

L'apparato digestivo è un sistema di organi e strutture del corpo umano. Il compito dell'apparato digerente è di introdurre, assorbire e digerire gli alimenti ed eliminare i materiali residui.

Gastroscopia | Pazienti.it
Gastroscopia con esame istologico

La gastroscopia con esame istologico è l'esame endoscopico dello stomaco che si svolge attraverso l'introduzione di una sonda flessibile e il prelievo dei tessuti per poter effettuare un esame istologico.

Laringite | Pazienti.it
Laringite da reflusso

La malattia da reflusso gastroesofageo, è una malattia in cui, il contenuto acido dello stomaco risale in esofago.

Pillole | Pazienti.it
Omeprazolo

L'omeprazolo è un farmaco impiegato nei casi di ulcera peptica e malattia da reflusso gastroesofageo. L'omeprazolo, disponibile come soluzione iniettabile, è un farmaco di solo uso ospedaliero. Questo farmaco è...

Pillole | Pazienti.it
Zantac

Lo Zantac è un farmaco impiegato nella cura dell'ulcera peptica e della malattia da reflusso gastroesofageo, non acquistabile senza ricetta. Lo Zantac è in compresse effervescenti da sciogliere in acqua.