Sei un professionista sanitario? Iscriviti
  1. Pazienti.it
  2. Risposte
  3. Bacche Cranberry

Quali sono le proprietà delle bacche di Cranberry?

Bacche di Cranberry: quali sono le proprietà?

Il mirtillo rosso rimane una delle piante medicinali più efficace e più straordinaria. I succhi a base di mirtillo rosso avrebbero un effetto preventivo provato presso le donne sofferenti di cistite.

Degli studi effettuati in Finlandia, hanno dimostrato una riduzione importante delle cistiti presso le donne che ne bevevano regolarmente. È provato che le molecole presenti nel mirtillo rosso modificherebbero l’adesione del batterio Eschericha Coli (principale causa delle cistiti) e diminuirebbe così il numero e la frequenza delle infezioni urinarie.

Pubblicazioni su prestigiose riviste scientifiche internazionali attribuiscono al Cranberry svariate proprietà benefiche nella prevenzione e nella cura delle seguenti patologie: infezione delle vie urinarie, osteoporosi, carenza di antiossidanti e cardiopatie, solo per citarne alcune.

Il succo di Cranberry, bevuto regolarmente, rappresenta un'ottima alternativa per contrastare in modo semplice e gustoso i rischi di osteoporosi, proprio perché naturalmente ricco di calcio.

È ampiamente documentato che i tannini condensati contenuti nel Cranberry inibiscono l'azione dei batteri letteralmente avvolgendoli.

È stato possibile fare anche una valutazione quantitativa del Cranberry necessario per rendere efficace questo tipo di azione: nelle persone più anziane, un consumo giornaliero di circa 30 cl di succo, riduce significativamente l'incidenza dell'infezione alle vie urinarie.

Il Cranberry contiene alte concentrazioni di antiossidanti, grazie alla forte presenza di Vitamina C. Una sua assunzione regolare, quindi, risulta un valido aiuto nella prevenzione di varie patologie.

Il Cranberry, grazie all'alto contenuto di fibre (4,46 grammi di fibre ogni 100 grammi) combatte le degenerazioni arteriose, quali cumuli di cellule, grassi e colesterolo, ritenute tra i principali responsabili di infarti e arresti cardiaci.

Hai trovato questa risposta utile?
Risposta a cura di:
Andrea Massari
Andrea Massari
Torino
Risposte simili
Limone: può causare stitichezza?
Il limone non porta stitichezza: la stitichezza cronica è data dall'introito alimentare di cibi non idonei al nostro organismo, come per esempio formaggi stagionati,...
Celiachia: cosa mangiare?
Cara Lettrice, l'alimentazione è vastissima, ti consiglio di evitare cereali con glutine e mais, prediligi cereali come miglio, riso integrale, basmati semintegrale e...
Mancanza di fosforo: come si cura?
Alla luce dei dati scientifici disponibili, posso dirti che nell'alimentazione è importante che ci sia il giusto bilancio tra fosforo e calcio. Quest'ultimo...
Altre risposte di questo specialista
Dieta del dr Mozzi: in cosa consiste?
Si tratta della cosiddetta "Dieta dei gruppi sanguigni", che prevede l'assunzione di determinati alimenti in base al proprio gruppo sanguigno, sulla base...
Schisandra: combatte stanchezza e affaticamento?
La Schisandra (Schisandra chinensis) è una pianta utilizzata da sempre in medicina cinese e da alcuni anni anche in Occidente. Le sue proprietà sono...
Curcuma: quali sono i benefici?
La curcuma è una spezia dal colore giallo-arancio proveniente dall'India. Per secoli, è stata, ed è tutt'ora, uno degli ingredienti fondamentali della cucina mediorientale...
Bacche di Maqui: bruciano i grassi?
Alcune società affermano che le bacche di maqui siano capaci di accelerare il metabolismo del nostro organismo, facendo bruciare più velocemente i grassi. E viene...
Maca: aiuta in caso di spossatezza?
Sì, direi di sì. Il Maqui è una pianta sempreverde della famiglia delle Elaeocarpaceae che si presenta come un grosso arbusto dal fusto sottile ed...
Vedi tutte
Sai che su Pazienti.it puoi trovare sconti per prestazioni mediche? Scopri di più