Sei un professionista sanitario? Iscriviti
  1. Pazienti.it
  2. I Nostri Contenuti
  3. Condizioni
  4. Sottopeso

Sottopeso

Sottopeso
Curatore scientifico
Valentina Fratoni
Specialità del contenuto
Nutrizione

Essere in sottopeso

Ai nostri giorni, l’essere in sottopeso è diventata una condizione sottovalutata. Si è costantemente bombardati da articoli e notiziari che parlano di un preoccupante aumento del numero delle persone obese, che si finisce per trascurare la situazione opposta: essere in sottopeso. Se da un lato le persone hanno acquisito una maggiore consapevolezza sui rischi per la salute dell’obesità, sottoponendosi ad esempio a controlli periodici per misurare i livelli di colesterolo nel sangue, dall’altro sottovalutano le possibili complicanze legate all’essere in sottopeso.

In generale, una persona può essere considerata in sottopeso quando presenta un indice di massa corporea (BMI) inferiore a 18,5.

Calcolo del peso ideale

Per riuscire a definire il proprio peso forma ideale bisogna considerare diversi fattori, come l’età, il rapporto tra massa grassa e massa magra, l’altezza e il sesso.

Negli anni, sono stati elaborati diversi metodi che consentono di calcolare il proprio peso ideale. È opportuno quindi riuscire a fare chiarezza tra i diversi metodi.

Indice di massa corporea (BMI)

È probabilmente il metodo più diffuso per la sua semplicità di calcolo. Basta infatti conoscere la propria altezza espressa in metri e il proprio peso espresso in kg. Occorre poi dividere il peso per il quadrato dell'altezza. Il valore ottenuto servirà a capire in che fascia di peso si è:

  • valori inferiori a 18.5 corrispondono ad una condizione di sottopeso;
  • un BMI compreso tra 18.5 e 25 indica il peso ideale;
  • una persona con BMI compreso tra 25 e 30 è in sovrappeso;
  • valori superiori a 30 indicano obesità.

Il BMI è piuttosto semplice da calcolare, tuttavia presenta alcuni limiti in quanto non considera il giro vita della persona o la densità ossea.

Rapporto vita-fianchi (WHR)

Si ottiene dividendo la circonferenza della vita con quella dei fianchi. Il rapporto vita-fianchi è considerato un indicatore del peso corporeo ideale, e dà maggiori informazioni sui possibili rischi per la salute legati ai diversi valori ottenuti rispetto al più diffuso BMI. Tuttavia, il rapporto vita-fianchi non fornisce indicazioni sui livelli totali di grasso corporeo.

Percentuale grasso corporeo

La percentuale del grasso corporeo indica la quantità di massa grassa rispetto al peso totale e comprende sia i grassi essenziali, necessari alla sopravvivenza, sia quelli di riserva immagazzinati nel tessuto adiposo.

Questo metodo fornisce un quadro generale piuttosto accurato della composizione del proprio corpo, utile per prevenire l’insorgenza di eventuali malattie cardiache.

Sottopeso nei bambini

La condizione di sottopeso nei bambini può spaventare: alcuni bambini hanno una corporatura magra per natura, e tale fatto non deve spaventare; per scoprire se un bambino è sottopeso, è opportuno consultare il proprio pediatra, che potrà stabilire se la sua condizione è legata alla costituzione o una qualche patologia sottostante.

Nel mondo occidentale, è possibile che si verifichino in un bambino carenze nutritive specifiche (come ad esempio se non assume abbastanza vitamine), ma raramente ci si trova a che fare con casi di malnutrizione.

In genere, se un bambino è sottopeso, vi è una patologia specifica che fa sorgere questa condizione. A volte, alla base, potrebbe esservi, come per gli adulti:

Certamente tutte queste possibilità andranno indagate con esami più approfonditi.

Ogni tanto può capitare che, sebbene il bambino segua un'alimentazione sana ed equilibrata, bruci più calorie rispetto a quelle ingerite, perché magari è molto attivo: in questo caso, con un nutrizionista, si potrà valutare una dieta adeguata per aumentare le calorie nell'alimentazione quotidiana del bambino.

Calcolo del sottopeso

Ai fini di semplificare il calcolo del BMI sopra esposto, e sapere quando si è sottopeso, può essere utile tenere presente la seguente tabella:

BMI

 CONDIZIONE

  < 16.5

GRAVE MAGREZZA

  16-18.49

SOTTOPESO

  18.5-24.99

NORMOPESO

  25-29.99

SOVRAPPESO

  30-34.99

OBESITÀ CLASSE I (lieve)

  35-39.99

OBESITÀ CLASSE II (media)

  ≥ 40

OBESITÀ CLASSE III (grave)

Quali sono le conseguenze del sottopeso?

Una condizione di eccessiva magrezza non è per niente una buona notizia per la propria salute. Essere in sottopeso può infatti causare diversi problemi di salute. 

Quando si è in sottopeso, è molto probabile che non si sta seguendo una dieta equilibrata e sana, e questo porta a carenze nutrizionali che impediscono al corpo di funzionare correttamente. Il calcio, ad esempio, è un elemento fondamentale per avere ossa resistenti. Una carenza di calcio può portare ad osteoporosi con l’avanzare dell’età. Una carenza di ferro porta invece ad anemia, che si accompagna a sintomi come stanchezza e debolezza generale.

Una persona in sottopeso presenta in generale un sistema immunitario indebolito e ha più probabilità di ammalarsi (senza contare gli effetti sulla propria fertilità derivati dall’essere in sottopeso).

Qual è la differenza tra sottopeso e anoressia?

Nell’immaginario collettivo si tende ad associare un’eccessiva magrezza con una qualche forma di anoressia. Sarebbe però riduttivo confinare il fenomeno dell’anoressia con la semplice forma fisica. Se è vero che l’anoressia porta a un'eccessiva perdita di peso, ci sono anche casi in cui, inizialmente, una persona riesce a mantenere costante il proprio peso corporeo pur essendo a tutti gli effetti anoressica.

L’anoressia è infatti una condizione grave e complessa di interesse psichiatrico. La persona anoressica oltre a non nutrirsi in maniera corretta, mostra un’attenzione malsana verso il proprio corpo. Una persona che invece è in sottopeso non ha necessariamente un rapporto conflittuale con il proprio corpo; tuttavia potrebbe non riuscire ad ingrassare a causa di malattie croniche come il morbo di Crohn o l’ipertiroidismo.

Quali rimedi ci sono?

Essere in sottopeso può portare ad essere stanchi e poco attenti durante la giornata, perchè mancano nutrienti essenziali a svolgere la normale attività quotidiana.

Per prima cosa, se si è in sottopeso bisogna rivolgersi ad un nutrizionista o ad un dietista, per avere un parere sulla propria alimentazione. Con l’aiuto di un professionista, sarà possibile ottenere una dieta personalizzata per riuscire a prendere peso senza altri rischi per la salute.

Come ingrassare?

Una persona in sottopeso ha necessità di ingrassare e deve quindi seguire una dieta che garantisca un maggior apporto di calorie. Questo non vuol dire che si è liberi di abbuffarsi di cibo spazzatura. L’aumento di peso deve essere bilanciato tra massa grassa e massa magra. Analogamente alle più comuni diete per dimagrire, per una persona in sottopeso il dietista prepara un’apposita dieta per ingrassare, consigliando:

  • una maggiore frequenza dei pasti. Inizialmente, per evitare un rapido senso di sazietà, può essere utile mangiare spesso, ma in piccole porzioni;
  • dei cibi ricchi di nutrienti. È importante privilegiare frutta, verdure, legumi in grado di sopperire ad eventuali carenze nutrizionali;
  • un'idratazione abbondante. In genere, si raccomanda di bere almeno 6-8 bicchieri d’acqua al giorno. Tuttavia, meglio non bere immediatamente prima di un pasto, per evitare la sensazione di pienezza.

Per riuscire a mettere su peso, può essere stimolante variare la propria alimentazione, così da abituarsi a nuovi sapori, magari concedendosi anche un dolce di tanto in tanto. 

Hai trovato questo contenuto utile?
Mostra commenti

Contenuti correlati

Alimentazione equilibrata
L'alimentazione equilibrata consiste in un'alimentazione che segue la piramide alimentare, calibrata su quelle che sono le necessità nutr...
Dimagrimento
Con il dimagrimento si perde peso riducendo il grasso corporeo in eccesso, e solo quello in eccesso, poiché anche il grasso svolge funzio...
Fame
La sensazione di fame, detta anche “oressìa” (dal gr. ὄρεξις «desiderio, appetito») è una necessità fisiologica che avvisa il nostro org...