H1N1

Contenuto di:
Curatore scientifico: Dr. Tania Catalano, Biologo
Indice contenuto:
  1. Cos'è il virus H1N1?
  2. Come ci si contagia con il virus H1N1?
  3. Ci si può contagiare mangiando carne di maiale?
  4. Uomini e maiali possono trasmettersi il virus H1N1 reciprocamente?
  5. Quanto è lungo il periodo di incubazione?
  6. Quali sono i sintomi dell'H1N1?
  7. Quali sono le eventuali complicazioni?
  8. Chi è maggiormente a rischio?
  9. Quali sono le cure per l'H1N1?
  10. Esiste un vaccino per l'influenza suina?

Cos'è il virus H1N1?

H1n1

Nel 2009, il virus H1N1 (responsabile della cosiddetta "influenza suina"). si stava diffondendo rapidamente in tutto il mondo, quindi l'Organizzazione Mondiale della Sanità lo ha definito una pandemia. Da allora, diverse persone hanno continuato ad ammalarsi di influenza suina, ma non si sono contati numeri eccessivi.

Mentre l'influenza suina non sembra essere così spaventosa come sembrava qualche anno fa, è comunque importante proteggersi da essa.

Come l'influenza stagionale, può causare problemi di salute più gravi per alcune persone. La soluzione migliore è sottoporsi a un vaccino antinfluenzale o antinfluenzale ogni anno. L'influenza suina è uno dei virus inclusi nel vaccino.

Come ci si contagia con il virus H1N1?

Il contagio avviene esattamente allo stesso modo dell'influenza stagionale. Tosse e starnuti sono il veicolo del virus H1N1 che viaggia attraverso minuscole goccioline di saliva. Gli individui infetti che, mediante starnuti e tosse, infettano l’aria e le superfici vicine, possono contagiare le persone che ne vengono a contatto. 

Ci si può contagiare mangiando carne di maiale?

Nonostante il nome, non si può prendere l'influenza suina a causa del consumo di salsicce, pancetta, prosciutto o altri prodotti a base di maiale. In ogni caso, le norme basilari di igiene alimentare indicano di evitare di mangiare carne cruda per evitare malattie di origine alimentare.

Indispensabile l’utilizzo di norme igieniche alimentari nelle cucine e di lavare con il sapone mani, superfici e utensili, dopo aver maneggiato carne cruda. Cucinare il maiale accuratamente (a una temperatura interna di 70°C) uccide virus e batteri.

Uomini e maiali possono trasmettersi il virus H1N1 reciprocamente?

Nel 2009, l’Oms ha confermato il possibile rischio che il virus potesse essere trasmesso anche alle persone che avevano lavorato a stretto contatto con suini malati negli allevamenti o nei macelli. In passato, erano stati evidenziati diversi casi di persone contagiate da altri tipi di influenza suina mediante il contatto con suini infetti.

Tuttavia, le autorità sanitarie hanno ribadito che mangiare carne di maiale ben cotta è sicuro, perché il virus non si può trasmettere mangiando cibi ben trattati, carne di maiale cotta o prodotti di origine suina.

Quanto è lungo il periodo di incubazione?

Il periodo di incubazione è di 1-7 giorni. Il virus ha le stesse potenzialità di diffusione dei virus dell’influenza stagionale.

Perciò, gli adulti che si sono ammalati possono infettare altre persone per un periodo di circa 5 giorni dalla comparsa dei sintomi, mentre i bambini sono contagiosi per circa 7 giorni dall’inizio della sintomatologia. 

Quali sono i sintomi dell'H1N1?

I sintomi dell’influenza suina sono praticamente uguali a quelli dell'influenza stagionale. I sintomi possono includere:

Quali sono le eventuali complicazioni?

Così come l'influenza stagionale, l'influenza suina può causare problemi più gravi, tra cui polmonite, infezione polmonare e altri problemi respiratori.

Chi è maggiormente a rischio?

I soggetti ad alto rischio sono:

  • pazienti ospedalieri
  • pazienti ad alto rischio di problemi potenzialmente letali 
  • bambini sotto i 5 anni
  • persone dai 65 anni in su
  • donne in stato di gravidanza
  • adulti e bambini con problemi cronici a polmoni, cuore, fegato, sangue, sistema nervoso
  • soggetti con sistema immunitario compromesso (compresi coloro che assumono farmaci per sopprimere il loro sistema immunitario o che sono affette da HIV)

Quali sono le cure per l'H1N1?

Alcuni degli stessi farmaci antivirali usati per trattare l'influenza stagionale funzionano anche contro l'influenza suina H1N1, tra questi farmaci troviamo quelli aventi i seguenti principi attivi:

  • Oseltamivir
  • Peramivir
  • Zanamivir

Sono gli antivirali che sembrano funzionare meglio, anche se alcuni tipi di influenza suina non rispondono all'Oseltamivir.

Gli antibiotici non hanno alcun affetto sui virus, quindi se ci si contagia con l’influenza suina H1N1, essendo di origine virale e non batterica, l’assunzione di antibiotici non ha alcun significato terapeutico; anzi, si ricorda che un uso inadeguato di antibiotici è sempre nocivo per la salute.

I comuni medicinali da banco, assunti per il raffreddore e l'influenza stagionale, possono aiutare ad alleviare dolori e febbre. Non va somministrata l'aspirina ai bambini di età inferiore ai 18 anni a causa del rischio di sindrome di Reye

Esiste un vaccino per l'influenza suina?

Lo stesso vaccino antinfluenzale che protegge dall'influenza stagionale protegge anche dal ceppo dell'influenza suina H1N1.

Oltre a un vaccino antinfluenzale, ci sono altre precauzioni che chiunque dovrebbe mettere in atto per evitare il contagio non solo dell’H1N1 ma anche di altre malattie infettive:

  • lavare le mani con acqua e sapone prima di mangiare e di toccare le mucose;
  • se ci si trova fuori casa e non si ha acqua a disposizione, utilizzare un disinfettante per le mani a base di alcol;
  • non toccare gli occhi, il naso o la bocca;
  • evitare il contatto con le persone infette.