Sei un professionista sanitario? Iscriviti
  1. Pazienti.it
  2. I Nostri Contenuti
  3. Malattie
  4. Protusioni Discali

Protusioni discali

Protusioni discali
Curatore scientifico
Dr. Alfredo Bitonti
Specialità del contenuto
Ortopedia e traumatologia

Cos’è la protusione discale?

Si parla di protrusioni discali quando il nucleo polposo inizia la sua migrazione verso la zona posteriore del disco intervertebrale, sebbene rimanga ancora contenuto nei legamenti intervertebrali, dando luogo a riduzione dello spazio tra un disco e l'altro

Questa condizione colpisce soprattutto il tratto lombare (discopatia lombare) e il tratto cervicale (protrusione cervicale) della colonna vertebrale. Questa discopatia comporta una deformazione del disco intervertebrale, creando una protusione che si espande in spazi non dovuti causando, nei casi più gravi, la compressione delle radici nervose e la guaina del midollo spinale.

Una conseguenza della protusione discale è l’ernia del disco, ernia cervicale, ernia lombare, spondilosi cervicale. Le protusioni discali sono caratterizzate da una protusione di meno del 25% della circonferenza del disco; esse vengono distinte dal bulging discale in quanto questi ultimi hanno una protusione maggiore del 25% della circonferenza del disco.

Quali sono le cause?

L’invecchiamento e le normali attività quotidiane sono la causa principale della protusione discale. In ogni caso, altri fattori possono accelerare o favorire questa condizione degenerativa della spina dorsale:

  • trauma improvviso;
  • predisposizione genetica alla protusione discale;
  • condizioni congenite della spina dorsale;
  • obesità;
  • trasportare carichi eccessivi;
  • movimenti scorretti e postura scorretta;
  • mancanza di esercizio fisico o attività fisica regolare;
  • malnutrizione;
  • tabagismo.

Quali sono i sintomi delle protusioni discali?

I sintomi delle protusioni discali affiorano solitamente quando la protusione inizia a irritare o esercitare pressione su un nervo, causando un dolore localizzato, altrimenti la protusione discale si presenta asintomatica.

I sintomi dipendono dall’area in cui si trova il disco interessato e dalla severità della protusione. Sintomi generali includono:

  • dolore e intorpidimento nell’area interessata;
  • dolore localizzato alla schiena e al collo;
  • sciatalgia e lombosciatalgia;
  • debolezza muscolare;
  • compressione del sacco durale.

Quale terapia seguire in questi casi?

Tra le terapie da seguire:

  • terapia riabilitativa ed esercizio fisico. Rafforzare i muscoli addominali (benefico anche per la scoliosi), perdere peso in eccesso e migliorare la propria flessibilità può aiutare a ridurre il carico posto sulla spina dorsale attraverso sport come il nuoto o la bicicletta; per quanto riguarda la terapia riabilitativa, si consigliano la fisioterapia e l’osteopatia;
  • farmaci come antinfiammatori non steroidei e cortisonici. Questi sono utilizzati per ridurre l’infiammazione associata alla protusione discale. Possono essere impiegate anche iniezioni di cortisone;
  • utilizzo di impacchi freddi, impacchi caldi per alleviare il dolore;
  • ozonoterapia, benefica anche per l’artrosi interapofisaria. 

Quali esercizi fare?

Gli esercizi da fare in caso di protusioni discali devono essere concordati col proprio fisioterapista o figura professionale e viene sconsigliato il fai-da-te.

Questi esercizi saranno una combinazione di elementi provenienti dallo yoga, il pilates, esercizi di allungamento e massaggi.

I tre esercizi che seguono sono solo esemplari e devono essere concordati con la figura professionale che segue il paziente.

  1. Posizione rannicchiata: assumere la posizione supina e portare le gambe piegate al petto con un movimento molto lento. Mantenere la posizione per una decina di secondi e ritornare nella posizione di riposo. Questo esercizio aiuta a distendere la zona lombare, alleviando il carico sui muscoli e le articolazioni.

  2. Sedia: da posizione seduta, piegarsi in avanti fino a toccare le caviglie con le mani. Mantenere la posizione per cinque secondi e ritornare alla posizione iniziale. Questo esercizio aiuta a ridurre il carico esercitato sulla schiena.

  3. Piegamento da seduti: da posizione seduta a terra, con gambe distese, piegarsi in avanti sino a toccare le punte dei piedi con le mani. Questo esercizio ha un effetto distensivo su tutta la schiena.

Hai trovato questo contenuto utile?
Mostra commenti

Contenuti correlati

Ipercifosi
L'ipercifosi è una condizione patologica che interessa la colonna vertebrale, che consiste in un’accentuazione della normale curva toraci...
Olistesi
L'olistesi è una malattia che riguarda principalmente le vertebre lombari della colonna vertebrale.
Sindrome compartimentale
La sindrome compartimentale è una dolorosa condizione che avviene quando la pressione intramuscolare raggiunge livelli pericolosi.