Sindrome di Tourette

Contenuto di:
Curatore scientifico: Dr. Roberta Arca, Medico Chirurgo
Indice contenuto:
  1. Che cos'è la sindrome di Tourette?
  2. Quali sono i sintomi della sindrome di Tourette?
  3. Come sono classificati i tic?
  4. I soggetti affetti dalla Sindrome di Tourette presentano tutti i sintomi o solo alcuni?
  5. Quali sono le cause della sindrome di Tourette?
  6. Ci sono altri problemi comportamentali possono insorgere oltre ai tic?
  7. Come viene diagnosticata la sindrome di Tourette?
  8. Come viene trattata la sindrome di Tourette?

Che cos'è la sindrome di Tourette?

La Sindrome di Gilles de la Tourette o – più comunemente – Sindrome di Tourette (SdT) è una malattia neurologica che solitamente insorge tra i 2 e i 21 anni e dura per tutta la vita, senza degenerare. I soggetti affetti possono condurre una vita normale.

Non è da confondere con la Sindrome di Rett, nonostante il nome particolarmente simile. Sono infatti di due condizioni diverse.

Quali sono i sintomi della sindrome di Tourette?

I sintomi della sindrome di Tourette sono dei tic che vengono classificati come:

  • semplici
  • complessi

Quali sono i tic semplici?

I tic semplici che si avvertono se si è affetti da sindrome di Tourette, sono dei tic motori improvvisi e brevi che coinvolgono un numero limitato di gruppi muscolari. Alcuni dei più comuni tic semplici riguardano consistono nello strizzare gli occhi, fare smorfie del viso, stringersi nelle spalle, etc. Alcuni tic semplici possono riguardare le vocalizzazioni e comportano ripetitivi grugniti, tirare su col naso, etc.

Quali sono i tic complessi della sindrome di Tourette?

I tic complessi che si presentano nel momento in cui si soffre della sindrome di Tourette sono suddivisi in base ai movimenti coordinati che coinvolgono più gruppi muscolari.

I tic motori complessi includono smorfie del viso combinate con un tocco di testa e una scrollata di spalla; i tic vocali complessi riguardano più parole o intere frasi. I tic complessi più drammatici e invalidanti includono movimenti motori che si traducono in autolesionismo, come dare dei pugni in faccia a se stessi o tic vocali compresi coprolalia (pronunciando parolacce) o ecolalia (ripetizione delle parole o delle frasi degli altri).

Come sono classificati i tic?

Un tempo si pensava che i tic fossero automaticamente legati a problematiche di tipo psichiatrico (come isterismo o nevrosi varie), attualmente, invece, si è giunti alla conclusione che solo in alcuni casi può essere vero, ma che comunque si tratta di disturbi di tipo neurologico.

I tic possono essere di tipo semplice o complesso, entrambi sia di tipo motorio che vocale.

Alcuni comuni esempi di tic semplice:

  • motorio: battere l'occhio, muovere a scatti la testa, alzare le spalle, fare smorfie con la faccia, contorcere il naso;
  • vocale: schiarirsi la voce, abbaiare, gridare, grugnire, deglutire, annusare, schioccare la lingua.

Invece, comuni esempi di tic complesso:

  • motorio: saltare, toccare altre persone e oggetti, volteggiare, eseguire movimenti ripetitivi del tronco o degli altri, strattonare i vestiti, avere comportamenti autolesionisti (come colpire o mordere sé stessi);
  • vocale: pronunciare parole o frasi, soffrire di coprolalia (ossia dire in modo involontario parole inappropriate o oscene), di ecolalia (ossia ripetere suoni, parole o frasi appena sentite) e di palilalia (ossia ripetere più volte le proprie parole o frasi).

In generale, la SdT presenta una enorme varietà e complessità nei tic che si possono manifestare.

I soggetti affetti dalla Sindrome di Tourette presentano tutti i sintomi o solo alcuni?

Raramente i soggetti con SdT manifestano tutti i sintomi. Nella maggior parte dei pazienti insorgeranno alcuni o molti sintomi, per un lungo periodo di tempo e con diversa intensità: lieve, moderata o grave.

  • nei casi più lievi, si assisterà a solo pochi tic o movimenti, solitamente limitati alle zone del viso, degli occhi e delle spalle;
  • nei casi più gravi, le zone del corpo influenzate possono essere differenti.

I sintomi possono avere alti e i bassi da un giorno all'altro, ma più comunemente per un periodo pari a 3 – 4 mesi. Questa variabilità talvolta può essere spaventosa per i soggetti con questa condizione, soprattutto perché potrebbero riscontrare difficoltà nel capire l'intensificazione improvvisa oppure il declino dei sintomi.

Quali sono le cause della sindrome di Tourette?

Anche se le cause specifiche della sindrome di Tourette sono sconosciute, si pensa che riguardino delle anomalie di alcune regioni del cervello (tra cui i gangli della base, lobi frontali, e la corteccia), o dei circuiti di interconnessione tra queste regioni ed i neurotrasmettitori (dopamina, serotonina e noradrenalina), responsabili della comunicazione tra le cellule nervose.

Ci sono altri problemi comportamentali possono insorgere oltre ai tic?

Sì, talvolta possono insorgere altri sintomi oltre ai tic. Questi includono:

Il disturbo ossessivo compulsivo (DOC), in cui la persona sente il bisogno di ripetere un'azione più e più volte. Ad esempio, potrebbe sentire la necessità di toccare un oggetto con una mano per “mettere le cose a posto” oppure di controllare ripetutamente che la fiamma sui fornelli sia effettivamente accesa.

Le manifestazioni caratteristiche della DOC possono includere:

  • rituali di conteggio;
  • preoccupazioni ossessive;
  • pensieri sgradevoli.

I deficit di attenzione e/o iperattività (ADD / ADHD), il quale può comprendere: difficoltà di concentrazione, facilità nel distrarsi, non riuscire a finire i compiti, agire d'impulso, sembrare di non ascoltare, cambiare attività costantemente, aver bisogno di supervisione, non essere in grado di stare fermi, sfidare qualcuno e non avere autocontrollo.

Anche gli adulti possono avere segni residui di ADD, come un comportamento eccessivamente impulsivo, difficoltà di concentrazione e difficoltà di apprendimento (come dislessia, discalculia, disgrafia e difficoltà percettive).

Problemi comportamentali possono includere:

  • comportamenti compulsivi e ripetitivi;
  • problemi di attenzione;
  • disturbi del sonno;
  • depressione;
  • ansia;
  • scarsa autostima;
  • scarso rendimento scolastico;
  • isolamento sociale e fobia sociale.

Comunemente si assiste anche a:

  • comportamento oppositivo/provocatorio;
  • comportamento aggressivo;
  • comportamenti non cooperativi.

Talvolta è difficile eseguire una diagnosi differenziale tra questo disturbo ADHD e il disturbo bipolare, in quanto esiste una parziale sovrapposizione dei loro rispettivi quadri clinici.

La Sindrome di Asperger (SA), una patologia che rientra nello spettro autistico. É stata riconosciuta ufficialmente solo nel 1994, seppur il quadro clinico fosse stato già descritto ampiamente dal pediatra e psichiatra di Vienna Hans Asperger. In ogni caso, tuttora il dibattito è ancora acceso: alcuni la considerano una “forma lieve” di autismo mentre altri un disturbo a sé stante.

Nella SA, si riscontrano:

  • disturbi a livello di interazione sociale;
  • disturbi a livello di modelli comunicativi;
  • Interessi circoscritti e abilità particolari isolate.

Queste caratteristiche influenzano in modo massiccio la vita relazionale e affettiva dei pazienti, rendendola particolarmente difficoltosa.

L'agorafobia, ossia l'ansia dovuta al trovarsi in luoghi o situazioni in cui risulterebbe difficile allontanarsi o ricevere aiuto. Chi ne soffre, solitamente, evita di trovarsi in queste situazione o chiede di essere accompagnato da una persona fidata.

La tricotillomania è un disturbo del controllo degli impulsi, che influenza notevolmente la qualità della vita del paziente. Consiste in un “urgenza” ricorrente e compulsiva di strapparsi i propri capelli e  peli, che comporta una notevole perdita degli stessi; solitamente il cuoio capelluto e il viso sono le zone principali di estirpazione. Può essere causata da un senso crescente di tensione che, una volta strappati i capelli ed i peli, si tramuta in senso di gratificazione e sollievo.

Come viene diagnosticata la sindrome di Tourette?

La sindrome di Tourette è una diagnosi che i medici fanno dopo aver verificato che il paziente ha avuto sia tic motori che vocali per almeno un anno. Non ci sono esami del sangue o di laboratorio necessari per la diagnosi, ma gli studi di neuroimaging, come la risonanza magnetica, la tomografia computerizzata (TAC), e elettroencefalogramma, possono essere utilizzati per escludere altre condizioni che potrebbero essere confusi con la sindrome di Tourette.

Come viene trattata la sindrome di Tourette?

La cura deve essere prescritta in seguito alla visita di un medico specialista. Di seguito sono riportati alcuni esempi di trattamento dei sintomi più comuni.

Il trattamento dei tic mira ad attenuare i tic più persistenti. Sono solitamente utilizzati farmaci neurolettici approvati dalla Food and Drug Administration, come l'aloperidolo e la pimozide. Questi abbassano i livelli di dopamina e possono essere utilizzati anche nel caso di psicosi e psicomania.

I loro effetti collaterali includono:

  • sedazione;
  • depressione;
  • guadagno di peso;
  • fobia della scuola;
  • epatotossicità.

Il trattamento dei sintomi comportamentali è un punto essenziale nella cura della Sindrome. Possono essere utilizzati, ad esempio, stimolanti del sistema nervoso centrale, come il metilfeldato, la destroanfetamina e la pemolina, che sono molto efficaci nel difetto di attenzione/iperattività. Effetti collaterali possibili includono:

Questi farmaci, però, potrebbero aumentare l'intensità dei tic inizialmente. Nel caso in cui non si riuscisse a superare questa fase, al trattamento potrebbero essere associati farmaci antidopaminergici.

Quali effetti collaterali comportano i farmaci neurolettici?

Gli effetti collaterali dei farmaci neurolettici includono:

  • sedazione
  • aumento di peso
  • tremori
  • reazioni distoniche (movimenti di torsione o posture)

Tali effetti collaterali sono facilmente gestibili tramite la riduzione della dose.