Sei un professionista sanitario? Iscriviti
  1. Pazienti.it
  2. I Nostri Contenuti
  3. Malattie
  4. Polipo Endometriale

Polipo endometriale

Polipo endometriale
Curatore scientifico
Dr. Gianfranco Blaas
Specialità del contenuto
Ginecologia

Cos'è

Un polipo endometriale è una neoformazione che si sviluppa all'interno della cavità uterina. È diverso da un fibroma uterino (leiomioma) in quanto i fibromi hanno origine dalla muscolatura uterina e quindi possono presentarsi in qualsiasi parte dell'utero-interno (sottomucoso), esterno (sottosieroso) o nella parete (intramurale). I polipi invece provengono dal rivestimento dell'utero stesso.

Dal momento che il rivestimento dell'utero si trova all'interno della cavità, nota anche come cavità endometriale, i polipi si trovano sempre all'interno dell'utero. I polipi variano in dimensioni, da millimetri a centimetri, possono essere singoli o multipli e in genere si trovano nella parte più alta dell'utero.

Questa condizione che si verifica più spesso nelle donne tra i 40 e i 50 anni. Sono, infatti rari prima della menopausa, anche se il rischio aumenta con l’avanzare dell’età. Tuttavia, poiché spesso il polipo endometriale non comporta sintomi, può essere molto difficile capire di esserne colpite.

La cosa importante da ricordare sui polipi è che sono composti da cellule endometriali (o di rivestimento). A differenza dei fibroidi che hanno un potenziale quasi zero per la malignità, i polipi hanno una piccola probabilità di essere maligni - circa il 3%.

Cause

Non è ancora stato compreso il motivo per cui alcune donne sviluppino dei polipi uterini. Si pensa, però, che questo processo possa essere influenzato dal flusso di ormoni estrogeni. Durante il normale ciclo mestruale infatti, gli estrogeni favoriscono la crescita del rivestimento uterino. Nel caso questi fossero in eccesso o l’endometrio reagisce in modo esagerato, causando la formazione di un polipo endometriale.

Inoltre, chi soffre di pressione alta e obesità ha una percentuale maggiore di sviluppare il polipo. Anche i farmaci per la cura del cancro al seno sono uno dei possibili fattori di rischio.

La maggior parte dei polipi endometriali non sono cancerogeni. Pochissimi possono essere cancerogeni o precancerosi. La possibilità di cancro è maggiore se si è in post-menopausa, o sotto tamoxifene o si hanno mestruazioni forti o irregolari.

Altri fattori che possono aumentare il rischio di polipi endometriali sono:
  • obesità;
  • tamoxifene, (un trattamento per il cancro al seno);
  • terapia ormonale sostitutiva post menopausale;
  • storia familiare della sindrome di Lynch o sindrome di Cowden (condizioni genetiche che si verificano nelle famiglie);
  • i polipi endometriali sono comuni nelle donne tra i 30 e 50 anni.

Sintomi

I polipi sono spesso associati a sanguinamento uterino anormale. Possono causare sanguinamento tra le mestruazioni (sanguinamento o spotting intermestruale), mestruazioni irregolarmente abbondanti (metrorragia), emorragia post-coitale (sanguinamento conseguente al rapporto sessuale) e sanguinamento post-menopausale.

Occasionalmente i polipi endometriali possono anche causare forti crampi durante le mestruazioni (dismenorrea).

Polipo endometriale maligno

I polipi endometriali sono generalmente benigni sebbene alcuni possano essere precancerosi o cancerogeni. Circa lo 0,5% dei polipi endometriali contiene cellule di adenocarcinoma.

Polipo endometriale e gravidanza

I polipi possono aumentare il rischio di aborto nelle donne sottoposte a trattamento di fecondazione in vitro. Se si sviluppano vicino alle tube di Falloppio, possono portare a difficoltà a rimanere incinta.

Sebbene i trattamenti come l'isteroscopia solitamente curino il polipo interessato, la ricorrenza dei polipi endometriali è frequente. I piccoli polipi non trattati possono regredire da soli.

Intervento per il polipo endometriale

Esistono molte tecniche per rimuovere i polipi endometriali: la migliore è l'uso del resettoscopio.

Il resettoscopio è uno strumento che consente di osservare direttamente la cavità uterina e operare contemporaneamente. In cima al resettoscopio c’è un’ansa che permette di rimuovere i polipi endometriali e inviarli per l'analisi.

Un polipo endometriale di piccole dimensioni non richiede alcun tipo di trattamento. A volte, però, il ginecologo può consigliarne la rimozione per prevenire un cancro ed eliminare ogni dubbio per quanto riguarda la fertilità. La chirurgia è l’unica soluzione per rimuoverli.

L’intervento non è però invasivo. Il chirurgo utilizzerà un tubo sottile con una fotocamera che permette di osservare l’utero a partire dalla vagina. A quel punto rimuoverà il polipo endometriale che sarà poi inviato in laboratorio per ulteriori esami. Si tratta di un’operazione che viene svolta anche in ambulatorio, senza alcun rischio.

Ora poi con le tecnologie moderne il medico può effettuare la procedura di rimozione del polipo endometriale in day-hospital. Non è necessario il ricovero in ospedale e in poche ore la paziente è libera di tornare a casa e di riposare.
Hai trovato questo contenuto utile?
Mostra commenti

Contenuti correlati

Rettocele
Il rettocele è una condizione in cui l'ampolla rettale prolassa all'interno dell'utero.
Micoplasma
I micoplasmi sono le più piccole forme batteriche in grado di vita autonoma. Sono batteri ubiquitari che vivono sia come saprofiti sia co...
Polipo Cervicale
I Polipi Cervicali (o Polipi della Cervice) sono neoformazioni tumorali benigne, che si originano dall'epitelio della cervice uterina. Si...