Sei un professionista sanitario? Iscriviti
  1. Pazienti.it
  2. I Nostri Contenuti
  3. Esami
  4. Formula Leucocitaria

Formula leucocitaria

Formula leucocitaria
Curatore scientifico
Dr. Tania Catalano
Specialità del contenuto
Ematologia

Cos'è la formula leucocitaria?

È un esame del sangue attraverso il quale vengono contati i globuli bianchi in un millimetro cubo di sangue. Questo esame esprime anche il rapporto quantitativo e percentuale dei vari tipi di globuli bianchi.

La formula leucocitaria viene normalmente inserita all'interno dell'emocromo, un esame del sangue che include anche la conta dei globuli rossi e delle piastrine, oltre ad altri importanti parametri ematici.

Quindi la formula leucocitaria non è altro che un conteggio e un'analisi morfologica di ciascun tipo di globulo bianco. Quest'esame è di fondamentale importanza, poiché fornisce una prospettiva estremamente precisa di quella che è la composizione, in quanto a numero e qualità, dei globuli bianchi.

Leucociti

I leucociti (o globuli bianchi o GB) sono le cellule che attuano la difesa del nostro organismo.

Conosciamo cinque tipologie di GB:

Ogni categoria svolge funzioni specifiche e ha un rapporto percentuale piuttosto stabile da persona a persona. La quantificazione esatta delle sottopopolazioni di globuli bianchi mediante la formula leucocitaria è un supporto nella diagnosi di diverse patologie.

Valori della formula leucocitaria

La formula leucocitaria è un esame usato per determinare la composizione dei globuli bianchi all'interno del sangue. Si tratta di un esame in grado di offrire un'osservazione di importanza fondamentale per la diagnosi di alcune condizioni patologiche, poiché consente di capire con precisione se il numero di globuli bianchi è elevato o ridotto.

I valori di riferimento della formula leucocitaria sono:

  • Neutrofili: hanno il compito di difendere il nostro organismo dalle infezioni. Contengono proteine e sostanze chimiche che possono danneggiare le membrane dei microorganismi patogeni. I valori normali percentuali sono tra il 40% e il 75%, mentre i valori assoluti per millimetro cubo di sangue sono tra i 2.000 e gli 8.000.
  • Linfociti: gruppo vasto ed eterogeneo di globuli bianchi, comprendendo i linfociti B (che producono anticorpi) e i linfociti T (che non producono anticorpi, ma altre molecole indispensabili per la difesa dell’organismo dalle infezioni, prevalentemente virali). I valori normali percentuali oscillano tra il 25% e il 55%, mentre i valori assoluti per millimetro cubo variano tra 1.500 e 5.000.
  • Macrofagi: questi globuli bianchi fagocitano elementi estranei e cellule danneggiate. Sono molto importanti nella difesa dell’organismo da alcuni tipi di batteri. I valori normali percentuali variano tra il 2% e il 10%, mentre quelli assoluti per millimetro cubo sono compresi tra 100 e 900.
  • Eosinofili: sono globuli bianchi che difendono il nostro organismo da alcuni parassiti. Il loro numero aumenta nelle malattie allergiche e possono essere responsabili di alcuni sintomi di tali patologie. I valori normali percentuali sono compresi tra lo 0,5% e il 6% mentre i valori assoluti per millimetro cubo sono tra i 20 e i 600.
  • Basofili: così come gli eosinofili, aumentano il loro numero in caso di allergie. Al loro interno è contenuta l’istamina, che se liberata in eccesso può provocare sintomi fastidiosi come il prurito. Valori normali percentuali sono tra lo 0% e il 2%, mentre i valori assoluti per millimetro cubo sono tra i 2 e i 150.

Formula leucocitaria invertita

Per inversione della formula leucocitaria si intende la riduzione dei neutrofili associata all’aumento dei linfociti. L’inversione della formula leucocitaria può essere segno di:

  • Infezioni virali
  • Neoplasie solide ed ematologiche
  • Disordini immunitari
  • Assunzione di alcuni farmaci

Si hanno dei sintomi?

In alcuni casi i sintomi non sono presenti o sono lievi e/o aspecifici. In altri casi sono invece presenti i sintomi legati alla specifica patologia che ha determinato l’inversione della formula leucocitaria, che – come visto al paragrafo precedente – può essere, principalmente, un'infezione, un tumore o un'alterazione del sistema immunitario.

Nella maggior parte dei casi la causa dell’inversione della formula è una malattia virale, ed in tal caso il quadro clinico potrebbe presentarsi con i sintomi tipici di un’infezione virale:

Nel caso in cui l’inversione della formula sia dovuta a cause diverse dall’infezione, come ad esempio un disordine immunitario o una neoplasia, i sintomi saranno invece diversi e tipici della specifica patologia che ha determinato l’inversione della formula leucocitaria.

In alcuni casi l’inversione della formula leucocitaria è costituzionale, cioè è presente dalla nascita senza motivazioni patologiche.

Hai trovato questo contenuto utile?
Mostra commenti

Contenuti correlati

Rdw
Uno dei parametri ematici preso in considerazione nell’ambito dell’emocromo è l’RDW che misura la variabilità della dimensione o del volu...
Granulociti
I granulociti sono globuli bianchi che presentano, nel loro citoplasma, particolari granulazioni che hanno affinità diverse con i vari co...
IgE (immunoglobine E)
Le IgE (immunoglobuline E) sono una classe di anticorpi presenti in abbondanti quantità in caso di allergia.