Sei un professionista sanitario? Iscriviti
  1. Pazienti.it
  2. I Nostri Contenuti
  3. Malattie
  4. Artrite Reattiva

Artrite reattiva

Che cos'è l'artrite reattiva?

L'artrite reattiva si riferisce a un dolore articolare e ad un gonfiore innescato da un'infezione che si è scatenata in un'altra parte del corpo, più spesso nell’intestino, negli organi genitali o nel tratto urinario.

Colpisce generalmente le ginocchia e le articolazioni delle caviglie e dei piedi. Può anche influenzare gli occhi, la pelle e l'uretra.

In precedenza, l'artrite reattiva veniva chiamata sindrome di Reiter, caratterizzata da problemi agli occhi, all’uretra e infiammazione articolare.

L'artrite reattiva non è comune. Nella maggior parte delle persone, i segni e i sintomi vengono e vanno, per poi scomparire entro 12 mesi.

Quali sono i sintomi dell'artrite reattiva?

I segni e i sintomi dell'artrite reattiva iniziano generalmente da una a quattro settimane dopo l'esposizione a un'infezione che è stata innescata. Essi potrebbero includere:

  • dolore reumatico e rigidità. Il dolore articolare associato all'artrite reattiva si verifica più spesso alle ginocchia, alle caviglie e ai piedi. Si potrebbe avvertire dolore anche ai talloni, alla schiena o ai glutei
  • infiammazione dell'occhio. Molte persone che soffrono di artrite reattiva sviluppano anche un'infiammazione oculare (congiuntivite)
  • problemi urinari. Può verificarsi una maggiore frequenza e disagio durante la minzione, come l'infiammazione della ghiandola prostatica o della cervice
  • infiammazione del tessuto molle (entesite). Questa potrebbe includere muscoli, tendini e legamenti
  • gonfiore alle dita
  • problemi alla pelle. L'artrite reattiva può influenzare la pelle in vari modi, tra cui un rash sulle piante dei piedi, sulle palpebre, sui palmi delle mani e in bocca
  • dolore nella zona lombare. Il dolore tende ad essere peggiore di notte o di mattina
  • artrosi alle mani
  • artrosi cervicale
  • polimialgia reumatica
  • periartrite
  • reumatismi
  • osteoartrite
  • spondiloartrite

Le particolari articolazioni coinvolte sono di solito asimmetriche, cioè, un lato del corpo o l'altro è interessato, invece che entrambi i lati contemporaneamente. L'infiammazione porta a rigidità, dolore, gonfiore, calore e arrossamento delle articolazioni coinvolte.

L'artrite reattiva può essere associata a infiammazione della colonna vertebrale, causando rigidità e dolore alla schiena o al collo (caratteristica di tutte le spondiloartropatie). Nell'artrite reattiva, i punti di inserzione del tendine possono infiammarsi (tendinite). Le aree non comuni che si infiammano causano dolore e irritazione, le seguenti aree non comuni sono:

  • occhi
  • genitali
  • vie urinarie (uretra, vescica e prostata)
  • pelle
  • mucosa della bocca
  • intestino crasso
  • aorta

Quando è il caso di farsi visitare da un medico?

Se si sviluppano dolori articolari entro un mese dalla comparsa della diarrea o da un'infezione genitale, contattare il medico.

Che cosa causa l'artrite reattiva?

L'artrite reattiva nella maggior parte dei casi è di origine genetica, vi sono alcuni marcatori genetici che sono molto più frequenti nei pazienti con artrite reattiva rispetto alla popolazione normale. Inoltre, può verificarsi dopo infezioni veneree o dopo la dissenteria infettiva, con organismi batterici nell'intestino. In genere, l'artrite reattiva si sviluppa da una a tre settimane dopo l'inizio dell'infezione batterica.

Si potrebbe non essere a conoscenza dell'infezione se provoca sintomi lievi.

Numerosi batteri possono causare l’artrite reattiva. I più comuni includono:

L'artrite reattiva non è contagiosa. Tuttavia, i batteri che la causano possono essere trasmessi sessualmente o trovarsi nel cibo contaminato. Solo alcune persone che sono esposte a questi batteri sviluppano l’artrite reattiva.

Quali sono i fattori di rischio?

Alcuni fattori aumentano il rischio di ammalarsi di artrite reattiva:

  • età. L'artrite reattiva si verifica più frequentemente negli adulti tra i 20 e i 40 anni
  • sesso. Le donne e gli uomini hanno le stesse probabilità di sviluppare l'artrite reattiva in risposta alle infezioni alimentari. Tuttavia, gli uomini hanno maggiori probabilità delle donne di contagiarsi tramite il sesso
  • fattori ereditari. Un indicatore genetico specifico è stato collegato all'artrite reattiva, ma molte persone che hanno questo marcatore non sviluppano mai la condizione

Come viene diagnosticata l'artrite reattiva?

Durante l'esame fisico, il medico probabilmente controllerà le articolazioni per rilevare segni e sintomi di infiammazione, come il gonfiore e la gamma di movimenti di prova nella colonna vertebrale e nelle articolazioni colpite. Il medico potrebbe anche controllare gli occhi per valutare l'infiammazione e la pelle per i rash.

Il medico potrebbe suggerire che venga testato un campione del sangue per analizzare:

  • la prova dell'infezione passata o attuale
  • i segni dell'infiammazione
  • gli anticorpi associati ad altri tipi di artrite
  • un marker genetico legato all'artrite reattiva

Il medico potrebbe utilizzare un ago per asoirare un campione di fluido all'interno di un giunto affetto. Questo fluido sarà testato per:

  • il conteggio dei globuli bianchi. Un numero crescente di globuli bianchi potrebbe indicare la presenza di un’infiammazione o di un’infezione;
  • infezioni. I batteri nel fluido articolare potrebbero indicare la presenza dell'artrite settica, che può provocare gravi danni alle articolazioni;
  • cristalli. I cristalli di acido urico presenti nel fluido articolare potrebbero indicare la presenza di gotta.

I raggi X alla schiena bassa, al bacino e alle articolazioni possono indicare se si dispone di uno dei segni caratteristici dell'artrite reattiva. I raggi X possono anche escludere altri tipi di artrite.

Come viene trattata l'artrite reattiva?

L'obiettivo del trattamento è quello di gestire i sintomi e trattare un'infezione che potrebbe ancora essere presente.

Se l'artrite reattiva è stata attivata da un'infezione batterica, il medico potrebbe prescrivere un antibiotico se c'è prova di infezione persistente. Quale antibiotico si dovrà assumere dipenderà dai batteri presenti.

Per i segni e sintomi dell'artrite, il medico potrebbe raccomandare:

  • farmaci antinfiammatori non steroidei (FANS). I FANS possono alleviare l'infiammazione e il dolore provocati dall'artrite reattiva
  • corticosteroidi. L'iniezione di un corticosteroide nelle articolazioni colpite può ridurre l'infiammazione e consentire di tornare al livello di attività normale
  • steroidi topici. Questi possono essere usati per eruzioni cutanee causate da artrite reattiva
  • farmaci contro l'artrite reumatoide. Possono alleviare dolore e rigidità in alcune persone con artrite reattiva

Un fisioterapista può fornire una vasta gamma di esercizi mirati per le articolazioni e i muscoli. Gli esercizi di rafforzamento sviluppano i muscoli che si trovano intorno alle articolazioni affette, aumentando il supporto. Esercizi di gamma di movimento possono aumentare la flessibilità dei giunti e ridurre la rigidità.

Come si può prevenire l’avvento dell’artrite reattiva?

Se i fattori genetici sembrano svolgere un ruolo determinante, è probabile che si sviluppi l'artrite reattiva. Anche se non è possibile modificare il proprio tratto genetico, si può ridurre l'esposizione ai batteri che possono portare ad artrite reattiva.

Assicurarsi che il cibo sia conservato a temperature adeguate e sia cotto correttamente per aiutare a evitare i molti batteri alimentari che possono causare l'artrite reattiva, incluse salmonella, shigella, yersinia e campylobacter. Alcune infezioni sessualmente trasmesse possono innescare l'artrite reattiva. L'uso di preservativi potrebbe ridurre il rischio.

Hai trovato questo contenuto utile?
Mostra commenti

Contenuti correlati

Indigestione (colica addominale)
L'indigestione, medicalmente nota anche come colica addominale, è una condizione in cui lo stomaco
Pneumococco
Lo Streptococcus pneumoniae (pneumococco) è un batterio Gram-positivo responsabile della maggior parte delle polmoniti acquisite in comun...
Quarta Malattia
La quarta malattia o scarlattinetta è una malattia esantematica tipica dell’età pediatrica ma che può essere contratta anche dagli adulti...