Artrosi cervicale

Contenuto di: - Curatore scientifico: Dr. Roberto Gallina
Indice contenuto:
  1. Che cos'è l'artrosi cervicale?
  2. Quali sono i fattori di rischio dell'artrosi cervicale?
  3. Quali sono i sintomi dell'artrosi cervicale?
  4. Come si diagnostica l'artrosi cervicale?
  5. Quali sono i trattamenti per l'artrosi cervicale?
  6. Fisioterapia e artrosi cervicale
  7. Quali sono le cause dell'artrosi cervicale?
  8. Rimedi naturali: quali sono?
  9. La ginnastica consigliata per l'artrosi cervicale
  10. I farmaci per l'artrosi cervicale
  11. La chirurgia per l'artrosi cervicale

Che cos'è l'artrosi cervicale?

Artrosi cervicale

L’artrosi cervicale, o cervicartrosi, spondilosi cervicale (o, comunemente, cervicale), è una degenerazione del rachide cervicale, che interessa anche le articolazioni delle vertebre e i dischi di cartilagine tra una vertebra e l’altra.

E’ frequente nelle persone al di sopra dei 50 anni ed in coloro che passano molto tempo con il collo in posizione di lettura/scrittura.

L'artrosi cervicale è molto comune. Più dell’85% dei soggetti al di sopra dei 60 anni ne soffre. Questa patologia provoca dolore e rigidità al collo, anche se molte persone che ne sono affette non avvertono alcun sintomo. Nella maggior parte dei casi, la spondilosi cervicale risponde bene ai trattamenti conservativi che includono trattamenti farmacologici e fisioterapia.

Inizialmente vi è una degenerazione del disco, che causa una riduzione dello spazio tra le vertebre, e poi si formano degli osteofiti in periferia.

Vengono coinvolte anche le articolazioni invertebrali superiori causando, così, un dolore nella parte posteriore dell’arto superiore.

Quali sono i fattori di rischio dell'artrosi cervicale?

Le cause dell'artrosi cervicale possono essere molteplici; i fattori di rischio più rilevanti sono:

  • età avanzata
  • lavori sedentari ed errori posturali
  • pratica di sport particolarmente traumatici
  • attività lavorative particolarmente pesanti
  • lesione traumatica da flesso-estensione del rachide cervicale
  • genetica
  • familiarità per spondilosi
  • fumo.
  • occupazione: lavori con movimenti ripetuti del collo aumentano il rischio di artrosi cervicale
  • depressione e ansia
  • lesioni o traumi al collo

La patologia tende a peggiorare con l'avanzare del tempo e può coinvolgere le strutture nervose o vascolari che nascono o escono dal tratto cervicale.

Quali sono i sintomi dell'artrosi cervicale?

Nella maggior parte dei casi l’artrite cervicale non provoca sintomi, alcuni soggetti lamentano però rigidità e dolore al collo, da medio a severo. A volte il dolore è peggiorato dal guardare in basso o in alto a lungo o da attività nelle quali il collo è tenuto nella stessa posizione per un periodo di tempo prolungato. Altri sintomi possono includere:

  • Cefalea
  • Disturbi della vista
  • Disturbi del sonno
  • Scricchiolio quando si volta il collo
  • Spasmi muscolari al collo o alle spalle
  • Mal di schiena
  • Intorpidimento degli arti o formicolio
  • Vertigini
  • Addormentamento e/o senso di debolezza a carico di braccia, mani e dita
  • difficoltà nei movimenti di estensione, flessione e rotazione
  • emicrania
  • nevralgia del trigemino

Come si diagnostica l'artrosi cervicale?

Dopo aver raccolto l’anamnesi, il vostro medico procederà al controllo di collo, spalle, braccia e anche gambe. Solitamente se si sospetta un artrosi cervicale il medico potrà prescrivere uno o più di questi esami per verificare:

  • La forza delle braccia mani e dita
  • Riflessi
  • Flusso sanguigno
  • Flessibilità
  • Andatura

Per confermare la diagnosi il medico può decidere di sottoporvi a una serie di test radiografici in grado di fornire informazioni per orientare la diagnosi e il trattamento.

Per diagnosticare l'artrosi cervicale, dopo una normale visita, il medico può dunque prescrivere:

Quali sono i trattamenti per l'artrosi cervicale?

La terapia dell'artrosi cervicale dipende ovviamente dalle cause e dalla gravità. Nei casi meno gravi lo specialista può prescrivere riposo e ricorso a trattamento farmacologico con antiartrosici e antinfiammatori; spesso si utilizza un collare cervicale. Nei casi più gravi si può intervenire chirurgicamente.

Fisioterapia e artrosi cervicale

La fisioterapia è raccomandata per trattare l’artrosi cervicale e alleviarne i dolori, che colpiscono principalmente il collo e la testa, ma anche le scapole e le braccia con un intorpidimento o formicolio di mano e dita.

Inizialmente, il fisioterapista esamina il collo per effettuarne una valutazione completa e controllare anche la forza e i riflessi.

Prima degli esercizi, il fisioterapista potrebbe effettuare ellettrostimolazione, ultrasuono, massaggio del tessuto e applicazioni di freddo o di calore.

Durante la fisioterapia, si praticano esercizi per allungare e rinforzare i muscoli del collo e si insegna a migliorare la postura, magari di fronte allo specchio, in modo da comprendere i movimenti giusti e quelli sbagliati.

Anche i chiropratici possono usare le stesse tecniche dei fisioterapisti ed effettuare regolazioni per ristabilire le normali funzioni del collo. Manipolano il collo per ridurne la rigidità, migliorarne la mobilità e il movimento.

E’ sempre consigliabile, però, rivolgersi al medico prima di iniziare qualsiasi tipo di trattamento.

Tra le tecniche usate sia da fisioterapisti che chiropratici, vi è la trazione del collo che consiste nell’estendere delicatamente il collo, aprendo gli spazi tra le vertebre e alleviando la pressione sui dischi.

E’ anche possibile effettuare la trazione da soli, a casa, ma sempre avendo prima parlato con il fisioterapista, per imparare i giusti movimenti e usare la giusta attrezzatura.

Esistono anche dei cuscini cervicali, progettati per stabilizzare il collo quando si dorme o, ancora meglio, un collare cervicale, che può stabilizzare e allineare la colonna vertebrale, alleviando il dolore.

Quali sono le cause dell'artrosi cervicale?

Le cause dell'artrosi cervicale sono da imputare ai cambiamenti degenerativi che avvengono con l’avanzare dell’età. Questi cambiamenti sono normali e si verificano in tutti i soggetti.

Degenerazione dei dischi e osteofiti.

Con l’età invecchiano anche i dischi, perdono spessore e si verifica la comparsa di speroni ossei, inoltre perdono acqua e si indeboliscono. Questa serie di eventi provoca la sedimentazione e la perdita dello spazio tra i dischi che porta a sua volta allo svilupparsi dell’artrosi e la cartilagine che copre e riveste le giunture inizia a scomparire.

Se la cartilagine scompare del tutto, la risultante è lo sfregamento delle ossa, l’una contro l’altra. Per ovviare alla perdita di cartilagine, è possibile che il corpo faccia crescere nuove ossa per aiutare a supportare le vertebre (speroni ossei). Nel tempo, queste protuberanze ossee, vanno a ridurre lo spazio necessario ai nervi e al midollo spinale (stenosi).

Rimedi naturali: quali sono?

I rimedi naturali per la cura dell’artrosi cervicale possono essere assunti in forma di tinture madri o estratti secchi; oppure, come ingredienti di pomate e unguenti da spalmare sulle articolazioni doloranti. Sono consigliati per questa patologia:

  • Artiglio del diavolo: aiuta a ridurre dolore e infiammazione.
  • Boswellia: in grado di svolgere una potente azione antinfiammatoria e analgesica su diverse patologie del sistema osteo-articolare.
  • Spirea: allevia gli stati dolorosi causati da reumatismi articolari acuti e affezioni reumatiche in genere.
  • Curcuma: consigliata nel trattamento di infiammazioni, dolori articolari e artrosi cervicale.

In caso di dolore muscolare non usare il ghiaccio, soprattutto in caso di contratture (il ghiaccio le peggiora), il ghiaccio si usa infatti nei traumi per ridurre gonfiore e infiammazione.

La ginnastica consigliata per l'artrosi cervicale

La ginnastica e la fisioterapia sono il primo trattamento raccomandato dal medico.

Alcuni esercizi sono in grado di alleviare il dolore e allo stesso tempo di rinforzare e stirare alcuni muscoli. Solitamente si prescrive un ciclo di fisioterapia e/o la ginnastica posturale (i trattamenti durano dalle 6 alle 8 settimane 2-3 volte a settimana).

La ginnastica è molto utile nello sciogliere le tensioni, attraverso movimenti di rotazione e flessione. Chiedete al vostro fisioterapista di insegnarvi esercizi di ginnastica da effettuare quotidianamente e in autonomia, utili a rinforzare i muscoli di collo e spalle e a recuperare la mobilità articolare.

Un altro consiglio da seguire è quello di adottare una postura corretta. Una postura scorretta infatti si traduce in curvature innaturali della colonna vertebrale con conseguente tensione a carico del collo.

Fisioterapia

I farmaci per l'artrosi cervicale

Sono utilizzati per diminuire l’infiammazione e il dolore. Tra questi annoveriamo: acetamine, antiinfiammatori non steroidei e rilassanti muscolari in grado di ridurre gli spasmi muscolari. Le iniezioni di steroidi invece sono utili a curare il blocco cervicale.

La chirurgia per l'artrosi cervicale

Solitamente la chirurgia non è un trattamento raccomandato nei casi di artrosi cervicale a meno che il medico non determini la presenza di altre patologie ingravescenti quali la mielopatia cervicale spondilogenetica o in casi di ernia cervicale.

La chirurgia può essere raccomandata qualora il dolore sia molto severo e non è stato alleviato dai trattamenti non chirurgici.