Sei un professionista sanitario? Iscriviti
  1. Pazienti.it
  2. I Nostri Contenuti
  3. Sintomi
  4. Rinorrea

Rinorrea

Rinorrea
Curatore scientifico
Dr. Francesco Asprea
Specialità del contenuto
Otorinolaringoiatria

Cos’è la rinorrea?

La rinorrea è un sintomo che accomuna numerose patologie a carico delle vie respiratorie, è una condizione in cui le mucose nasali sono piene di liquido mucoso. La rinorrea è conosciuta comunemente come naso che cola o gocciola, le perdite di muco sono frequenti e fastidiose.

La rinorrea è un sintomo del raffreddore comune, di allergie. Ma può essere anche causato da:

  • Pianto
  • Esposizione a temperature fresche
  • Abuso o astinenza da cocaina, o da oppioidi come il metadone
  • Esposizione ad odori forti, come profumi o cibi speziati

Inizialmente le secrezioni nasali sono acquose e trasparenti poi tendono a diventare dense, biancastre o giallastre. Nei bambini è molto frequente la rinorrea da raffreddore, a cominciare dal periodo neonatale, i bambini piccoli possono soffrire di questo disturbo con episodi che si ripetono con una cadenza settimanale o quindicinale.

Tipologie: acquosa, posteriore, sierosa

La rinorrea può avere diversi tipi di secrezione. Può trattarsi di una secrezione limpida, acquosa e fluida oppure purulenta, sierosa, più densa, giallo-verdastra.

Si distinguono due tipi di rinorrea, anteriore e posteriore:

  1. la rinorrea anteriore è caratterizzata da un’ipersecrezione che cola dalle narici;
  2. la rinorrea posteriore consiste nel passaggio delle secrezioni dietro le fosse nasali. In tal caso il liquido viene deglutito o espulso per bocca.

Se viene deglutito non sempre il paziente si accorge della sua presenza, ma il medico può vederlo esaminando la gola.

Quali sono le cause?

Le cause della rinorrea, come accennato nel paragrafo introduttivo, sono diverse. La più comune è la rinorrea da raffreddore o da influenza, ma può essere causata da un’infezione virale, la sinusite.

La rinorrea allergica invece è un’infiammazione dovuta a eccessiva sensibilità verso agenti allergizzanti come pollini, farmaci, polveri e sostanze chimiche. La rinorrea in questo caso può essere stagionale o perenne. Per le rinorree allergiche stagionali, i maggiori responsabili sono i pollini, gli acari e le muffe che, nel periodo di fioritura e durante il ciclo vitale degli insetti o dei parassiti, causano maggiormente i sintomi.

Tra i fattori che possono determinare la rinorrea perenne o cronica ci sono: il fumo di tabacco, i profumi, gli spray, il talco, l’acro della polvere, il pelo degli animali domestici ma anche cibi speziati e pepe.

 All’origine della rinorrea allergica c’è una predisposizione familiare. I sintomi di rinorrea allergica sono: starnuti, prurito al naso, alla gola e al palato, lacrimazione e arrossamento congiuntivale.

La rinorrea è comune anche durante l’inverno a causa del freddo. Una delle cause più gravi di rinorrea è il trauma cranico, una frattura del cranio basilare può provocare una rottura della barriera tra la cavità sino nasale e le fosse craniche anteriori o le fosse craniche medie. Questa frattura può portare al riempimento della cavità nasale con il liquido cerebrospinale.

Altre cause sono:

Rimedi per la rinorrea

Le cure e i rimedi per la rinorrea sono legati alle cause che la scatenano. Per la forma batterica o virale della rinorrea si raccomanda di assumere antibiotici o antivirali, ed è possibile assumere sussidi terapeutici, come antidolorifici e antipiretici. In associazione agli antibiotici, si raccomanda di assumere probiotici per il ripristino della flora batterica intestinale alterata dalla somministrazione del farmaco.

Pazienti con frequenza affetti da rinorrea traggono beneficio dall'applicazione di spray nasali ad azione vasocostrittrice; tuttavia l’uso prolungato di tali farmaci può causare rinite da farmaci.

Quando la rinorrea è sintomo di malattie come il cancro al naso, la cura più idonea può essere la chemioterapia, essenziale è ricorrere al medico che saprà indicare la cura più giusta. Se la rinorrea è causata da comuni affezioni a carico delle vie respiratorie come l’influenza, è possibile assumere farmaci specifici per la malattia che si pone alle origini. Curando l’influenza curiamo anche la produzione di muco nasale.

Per la rinorrea allergica i farmaci per il trattamento dei sintomi come la congestione nasale o il naso che cola sempre, solitamente sono gli antistaminici, che riducono il prurito, il gonfiore. I cortisonici vengono riservati ai casi più gravi.

Tra i rimedi omeopatici per il naso che cola c’è anche la Sabadilla 5 CH, utile se sono presenti secrezioni nasali acquose abbondanti, con starnuti, e se gli occhi sono arrossati.

Poumon histamine 9 CH e Hitaminum 9 CH sono efficaci perché modulano la produzione dell’istamina nelle mucose nasali. Sanguinaria 5 CH è particolarmente utile per le mucose nasali secche, se si starnutisce e si ha difficoltà a respirare. Il manganese assunto regolarmente per un lungo periodo di tempo, attenua la predisposizione allergica.

Ribes nigrum MG 1 DH stimola la produzione del cortisone da parte dell’organismo ed è un buon antinfiammatorio. Viburnum lantana MG 1 DH ha un’azione antistaminica e broncodilatatrice.

Hai trovato questo contenuto utile?
Mostra commenti

Contenuti correlati

Bolle sulla lingua
Le bolle sulla lingua, o più comunemente afte, sono delle formazioni che si verificano a seguito dell'attacco di virus e di batteri, o qu...
Naso chiuso
Il naso chiuso è un sintomo molto comune, tipico delle infezioni alle vie respiratorie e, in particolare del raffreddore. In genere non s...
Nodo alla gola (bolo isterico)
Il nodo alla gola o bolo isterico è un sintomo associato a numerose patologie; questa sensazione può dipendere da numerose cause, ma occo...