Sei un professionista sanitario? Iscriviti
  1. Pazienti.it
  2. I Nostri Contenuti
  3. Sintomi
  4. Batteriuria

Batteriuria

Batteriuria
Curatore scientifico
Dr. Andrea Militello
Specialità del contenuto
Urologia

Cosa è la batteriuria?

La batteriuria è uno stato caratterizzato da una significativa presenza di batteri nelle urine. Una presenza elevata di questi microorganismi nelle urine può essere la spia di altre problematiche in corso, come per esempio infezioni urinarie.

Quanto sono frequenti la betteriouria asintomatica e le infezioni urinarie nei bambini?

Le infezioni urinarie nei bambini sono abbastanza frequenti, tuttavia la batteriouria asintomatica è piuttosto rara nella popolazione pediatrica.

Quali batteri causano la betteriouria asintomatica?

Le caratteristiche dei pazienti influenzano anche la microbiologia dell'Abu. L'Escherichia coli è l'organismo più comune ed è quello che con maggiore probabilità si presenta in persone sane.

Tuttavia è possibile trovare una varietà di microrganismi, compreso l'Enterobacteriaceae, la Pseudomonas aeruginosa, alcune specie di Enterococcus e lo streptococco del gruppo B. Negli uomini, sono abbastanza comuni  l'Enterococcus e bacilli gram-negativi. Anche i pazienti cateterizzati residenti in casa di cura residenti possono avere una batteriouria causata da più microbi.

Qual è l'incidenza della batteriuria asintomatica?

La batteriuria asintomatica (ABU) è abbastanza comune. La frequenza varia tra le diverse popolazioni, a seconda di fattori quali l'età, il sesso e disturbi sottostanti (ad esempio, il diabete mellito o lesioni del midollo spinale). Uno studio in pazienti ospedalizzati ha identificato nell'obesità e nell'anemia dovuta a carenza di ferro i principali fattori di rischio indipendenti per ABU.

La frequenza di batteriuria asintomatica nelle diverse popolazioni è la seguente:

  • ragazze in età prescolare: < 2%
  • donne in gravidanza: 2-9,5%
  • donne di età compresa tra i 65 e 80 anni: 18-43%
  • uomini di età compresa tra 65 e 80 anni: 1,5-15,3%
  • donne di età superiore a 80 anni: 18-43%
  • uomini di età superiore a 80 anni: 5,4-21%

Quali sono i disturbi provocati dalla batteriuria?

La batteriuria può non provocare l'insorgere di sintomi: in questo caso si parla di batteriuria asintomatica.

A volte, invece, i sintomi corrispondono a quelli delle comuni infezioni delle vie urinarie, come:

Che rapporto c'è tra batteriouria e infezioni urinarie negli adulti?

Nelle donne in pre-menopausa e non gravide, la frequenza di batteriuria asintomatica è dello 0,8-5,2%. La batteriuria in questi caso è associata a infezioni più frequenti del tratto urinario (UTI) e successiva ABU, ma con nessun altro esito negativo a lungo termine. Lo screening per ABU in questa popolazione di pazienti non è raccomandato, e il trattamento antibiotico non riduce la frequenza di UTI sintomatica.

La frequenza di betteriouria in giovani uomini sani è sostanzialmente pari a zero. Di conseguenza, lo screening per ABU in questa popolazione non è raccomandato.

La frequenza di batteriouria negli anziani è invece la seguente:

  • Età 50-65 anni: 2,8-8,6% nelle donne, 0,6-1,5% negli uomini;
  • Età 65-80 anni: 5,8-16% nelle donne, 1,5-15,3% negli uomini;
  • Età superiore a 80 anni - 18-43% nelle donne, 5,4-21% negli uomini

Diversi fattori sembrano spiegare la crescente frequenza di batteriouria con l'avanzare dell'età, tra cui i seguenti:

  • uropatia ostruttiva (ad esempio, calcoli urinari, ipertrofia prostatica, prolasso uterino, o cistocele)
  • attività battericida ridotta nelle secrezioni prostatiche
  • sporco perineale con materia fecale nelle donne affette da demenza
  • malattia neuromuscolare
  • cateteri urinari
  • riduzione della secrezione della proteina di Tamm-Horsfall nelle urine.

La batteriouria può essere rischiosa, specie negli anziani?

Nessun morbilità o mortalità a seguito di batteriouria è stata dimostrata nelle persone adulte più anziane, anche se i dati sono limitati; il 76% degli episodi batteriouria si risolve spontaneamente. Lo screening infatti non è raccomandato.

Il trattamento antibiotico non riduce la frequenza di infezioni sintomatiche o migliora la sopravvivenza; anzi, può causare un aumento dell'incidenza di effetti avversi e  una successiva infezione con organismi resistenti agli antibiotici.

Come viene diagnosticata la batteriouria?

La diagnosi di batteriuria viene effettuata mediante l'analisi di un campione di urine. Questo esame dà un esito positivo se l'urinocoltura evidenzia una notevole carica batterica (superiore a 105 colonie/ml).

Come si cura la batteriuria?

Nella maggior parte dei pazienti, il trattamento di batteriuria non è clinicamente utile, e, di conseguenza, non è raccomandato lo screening.

Un'eccezione importante riguarda le donne in gravidanza, per i quali la batteriuria comporta rischi significativi e il trattamento offre vantaggi importanti. Il trattamento antibiotico può essere utile anche per i bambini di età compresa tra 5-6 anni e prima di procedure invasive genito-urinarie.

Tuttavia, gli esperti concordano sul fatto che il cateterismo non ha alcun significato clinico e che la prescrizione di antibiotici non è indicata nei pazienti anziani con batteriuria, così come nelle ragazze sane in età scolare, e nelle giovani donne; nelle donne diabetiche; e in pazienti che hanno cateteri permanenti o sottoposti a cateterizzazione urinaria intermittente.

Qual è il trattamento per la batteriouria in gravidanza?

Nelle donne in gravidanza, la frequenza di batteriuria asintomatica nel primo trimestre può variare dal 2 al 9,5%. Le infezioni del tratto urinario sono spesso associate a una maggiore frequenza di batteriouria.

Questa problematica in gravidanza può essere motivo di allarme, perché il 20-30% dei casi non trattati progredisce in pielonefrite acuta, di solito alla fine del secondo trimestre o all'inizio del terzo; Inoltre, la batteriouria può essere associata a un ritardo della crescita intrauterina e morte neonatale. Ricordiamo che la pielonefrite acuta in gravidanza è spesso associata a un parto prematuro.

A causa dei pericoli rappresentati dalla batteriouria in questo contesto, lo screening è considerato uno standard di cura prenatale. Almeno 1 coltura delle urine deve essere eseguito al termine del primo trimestre; 2 culture consecutive sono preferibili, poiché l'1-2% delle donne con una cultura delle urine iniziale negativa sviluppa e sperimentare una pielonefrite acuta in seguito alla gravidanza.

Il trattamento della batteriouria in gravidanza consiste nell0'assunzione di antibiotici orali per 14 giorni. Può essere utilizzato dei seguenti agenti:

  • amoxicillina
  • amoxicillina-acido clavulanico
  • ampicillina
  • cefuroxime
  • cephalexin
  • nitrofurantoin

Il trattamento di batteriouria in gravidanza riduce la frequenza di pielonefrite acuta al 2-3%. Dopo il trattamento, sono raccomandati periodici esami delle urine (ad esempio, mensili).

Hai trovato questo contenuto utile?
Mostra commenti

Contenuti correlati

Oliguria
Con il termine oliguria si intende una diminuzione della quantità di urina durante la minzione. Le cause possono essere diverse ed esiste...
Urine scure
Le urine scure si formano quando, ad esempio, non si beve abbastanza; nonostante la disidratazione sia una delle cause principali di urin...
Stranguria
La stranguria è il sintomo caratterizzato da minzione dolorosa e frequente, di piccoli volumi, che vengono espulsi lentamente solo con te...