Sei un professionista sanitario? Iscriviti
  1. Pazienti.it
  2. I Nostri Contenuti
  3. Sintomi
  4. Capogiri

Capogiri (giramenti di testa)

Capogiri (giramenti di testa)
Curatore scientifico
Dr. Leila Turnava
Specialità del contenuto
Neurologia

Cos'è un capogiro?

Un capogiro (o giramento di testa) è una sensazione di imminente svenimento, instabilità e stordimento, a volte accompagnato da nausea, vomito e difficoltà a mantenere l’equilibrio.

Il capogiro, a differenza delle vertigini (disturbo con cui è spesso confuso), è un disturbo improvviso, occasionale ed il più delle volte transitorio, non sempre indicativo di una patologia in atto.

Episodi frequenti e/o costanti di giramenti di testa possono ripercuotersi negativamente sulla vita di un individuo, sia a livello fisico che psicologico, ma raramente sono segnali di condizioni patologiche severe.

Quali sono le cause dei capogiri?

Soffrire occasionalmente di capogiri è una condizione piuttosto comune, ma le possibili cause di questo disturbo possono essere le più svariate, tanto che sarebbe difficile riuscire a fornirne un elenco esaustivo.

Di seguito, indicheremo le cause più comuni e significative dei giramenti di testa, ma proprio perché così numerose, per un inquadramento diagnostico corretto e nel caso i sintomi fossero persistenti è assolutamente necessario consultare il proprio medico curante.

Tra le cause più comuni citiamo:

Ci sono altri sintomi che accompagnano i giramenti di testa?

I capogiri sono solitamente accompagnati da altri sintomi quali:

Tutti questi sintomi sono accompagnati dalla sensazione che tutto intorno stia girando senza sosta. Oltre a questi sintomi possono manifestarsi nausea e in rari casi vomito, diarrea, stati d’ansia o addirittura attacchi di panico. I sintomi sopra elencati possono verificarsi sporadicamente oppure assiduamente e durare a lungo, fino a diventare invalidanti e causare una grave compromissione nelle principali aree di vita di un individuo, quindi l’area familiare, sociale, lavorativa o scolastica.

Questi sono solo alcuni dei sintomi che solitamente si manifestano contestualmente ai giramenti di testa, se questi tendono a presentarsi con frequenza e intensità sempre crescenti vi consigliamo di richiedere un consulto medico.

I capogiri sono normali in gravidanza?

Nei primi mesi di gravidanza è molto frequente avvertire dei giramenti di testa, in particolar modo al mattino e se a digiuno. La causa principale di questo disturbo è da attribuirsi alle modificazioni cui l’organismo va incontro per adattarsi alla gravidanza e soprattutto all’azione degli ormoni, primo fra tutti il progesterone.

Sin dai primi mesi della gravidanza per azione del progesterone, si verifica un aumento della vasodilatazione, allo scopo di favorire un maggiore afflusso di sangue verso l’utero, come conseguenza di ciò il sangue scorre più lentamente e provoca un generale calo dei valori della pressione.

Nelle ultime settimane della gravidanza, invece, la pressione esercitata dall’utero sui vasi sanguigni più voluminosi (come la vena cava situata nell’addome) ostacola il ritorno del sangue al cuore, ed inoltre la progressiva crescita dell’utero comporta anche un innalzamento del diaframma e quindi la compressione di cuore e polmoni, tutti fattori che hanno come potenziali conseguenze: capogiri, senso di stordimento, affaticamento e palpitazioni.

Qualora gli episodi di capogiri dovessero essere particolarmente frequenti, intensi e di lunga durata è consigliabile avvertire il proprio ginecologo per stabilirne le cause e trovare il trattamento più adeguato.

Qual è il trattamento più indicato per i giramenti di testa?

In caso di capogiri, non collegati a patologie particolarmente severe, il rischio maggiore è quello di perdere l'equilibrio, rischiando di cadere e farsi male. Per questo chi ne è soggetto dovrebbe evitare movimenti bruschi ed improvvisi ed alzarsi in piedi lentamente.
Nel momento in cui si manifesta un giramento di testa è opportuno sedersi o sdraiarsi subito, preferibilmente con le gambe alzate all’altezza del cuore. Per evitare di aumentare il rischio di capogiri sarebbe opportuno ridurre o eliminare del tutto il consumo di caffeina, alcol e tabacco.

Per quanto riguarda il trattamento più indicato teso a ridurre la frequenza dei capogiri, questo dipende dalla loro origine e dai sintomi a questi associati. In caso di ansia o attacchi di panico, ad esempio, il trattamento d’elezione è senza ombra di dubbio la psicoterapia, in situazioni che traggono origine da patologie organiche è invece necessario il ricorso a terapie farmacologiche o fisioterapia, accompagnate ad un cambiamento nello stile di vita o nell’alimentazione.

Quali sono i rimedi per i capogiri?

Se il giramento di testa è dovuto a disidratazione, la solozione migliore sarà reintrodurre quanta più acqua possibile nell'organismo, in poco tempo.

Se invece il capogiro è dovuto a una carenza di zuccheri, occorrerà fornire al corpo energia sufficiente a ripristinare il mancato apporto calorico (una bustina di zucchero in qusto caso è la cura migliore).

Se si soffre spesso di capogiri, tra le sostanze in grado di contrastare questa sensazione, si possono assumere, in varie forme:

Inoltre, pepe sale e limone, disciolti insieme in acqua, aiutano a contrastare la sensazione delle vertigini, così come una bevanda a base di latte caldo e foglie di basilico in infusione.

Hai trovato questo contenuto utile?
Mostra commenti

Contenuti correlati

Incubi
Gli incubi sono manifestazioni notturne, rappresentate da sogni infelici o spaventosi, che possono anche svegliare chi li sta facendo. Gl...
Crisi epilettiche (attacchi epilettici)
Si stima che in Italia circa il 5% della popolazione abbia avuto o avrà almeno una volta nella vita una crisi epilettica, ovvero una scar...
Dolore neuropatico
Il dolore neuropatico si manifesta come diretta conseguenza di un danno o di una malattia che colpisce il sistema nervoso.