Sei un professionista sanitario? Iscriviti
  1. Pazienti.it
  2. I Nostri Contenuti
  3. Sintomi
  4. Xerostomia

Xerostomia (secchezza delle fauci)

Xerostomia (secchezza delle fauci)
Curatore scientifico
Dr. Davide Andrea Macario
Specialità del contenuto
Odontoiatria e stomatologia

Cos’è la xerostomia?

Avere occasionalmente la bocca asciutta non è poi così insolito, soprattutto se si è disidratati o particolarmente nervosi. Tuttavia, avere costantemente la gola secca può essere il preludio di una condizione più complessa, nota come xerostomia.

La xerostomia è una condizione in cui le ghiandole salivari presenti nella bocca non producono saliva a sufficienza.

La saliva è un elemento fondamentale del processo digestivo. È grazie alla saliva che già dalla bocca, ha inizio una prima parte della digestione del cibo. Fornisce inoltre una difesa contro i batteri garantendo l’integrità dello smalto dentale.

Un’insufficiente produzione di saliva può quindi esporre la bocca al rischio di infezioni, di carie e di altre malattie.

Quali sono le cause della xerostomia?

Ci sono diverse possibili cause responsabili di una ridotta produzione di saliva da parte delle ghiandole salivari. Queste comprendono:

  • farmaci. Sono diversi i farmaci che possono portare ad avere una bocca asciutta come effetto collaterale. In particolare, i farmaci che maggiormente provocano xerostomia sono gli antidepressivi, gli antistaminici, i farmaci usati per il trattamento dell’ipertensione, così come decongestionanti, antidolorifici e antispastici;
  • malattie varie. Alcune patologie come la sindrome di Sjögren, il diabete, l’Alzheimer, il morbo di Parkinson e la fibrosi cistica possono causare xerostomia;
  • altri trattamenti farmacologici. Le ghiandole salivari possono essere danneggiate in seguito ai trattamenti farmacologici contro il cancro come la chemioterapia e la radioterapia;
  • lesione dei nervi. Una lesione ai nervi della testa e del collo in seguito ad un intervento chirurgico o altro trauma può portare ad una ridotta produzione di saliva e conseguente gola secca;
  • disidratazione. Febbre, vomito, diarrea, sudorazione eccessiva, sono tutte condizioni che determinano una considerevole perdita di liquidi e possono causare xerostomia;
  • stile di vita. Fumare e masticare gomme sono attività che possono interferire con la produzione di saliva.

Quali sono i sintomi associati alla xerostomia?

Quando le ghiandole salivari non producono abbastanza saliva, la bocca può apparire particolare secca e impastata e anche la lingua e le labbra tendono ad essere asciutte.

Altri sintomi associati alla xerostomia comprendono:

  • sensazione di avere la bocca secca;
  • sete;
  • sensazione di gola asciutta;
  • labbra screpolate;
  • lingua asciutta e arrossata;
  • difficoltà durante la masticazione, la deglutizione e durante la fonazione;
  • bruciore alla gola;
  • alito cattivo.

La saliva inoltre svolge una funzione protettiva nei confronti dei denti. Una scarsa produzione di saliva può quindi causare un aumento della formazione della placca dentale e conseguentemente di carie.

Come si diagnostica la xerostomia?

Per risalire alle cause della bocca secca, il medico ha bisogno di diverse informazioni riguardanti eventuali patologie e relativi farmaci che si stanno assumendo. Inoltre, il medico procede con un controllo generale dell’interno della bocca.

Talvolta, il medico può ritenere opportuno eseguire alcune analisi del sangue, o esami volti a valutare la quantità di saliva prodotta dalle ghiandole salivari così da identificare la causa della xerostomia. Se il medico sospetta che la bocca secca è legata ad una patologia come la sindrome di Sjögren, può decidere di prelevare alcune cellule delle ghiandole salivari da far esaminare in laboratorio.

Qual è la cura?

Il miglior trattamento per risolvere il problema di avere la bocca asciutta dipende dalla causa alla base del problema. Sono disponibili diversi rimedi, come ad esempio:

  • cambiare il farmaco che causa la xerostomia. Se il medico ritiene che la causa sia da rintracciare in un farmaco specifico, può consigliare un farmaco diverso o cambiare il dosaggio dello stesso;
  • idratare la bocca. Può essere utile talvolta acquistare colluttori orali in modo da lubrificare la mucosa orale;
  • stimolare la produzione di saliva. Nei casi in cui la bocca appaia particolarmente secca, il medico può consigliare l’assunzione di appositi farmaci che stimolano le ghiandole salivari a produrre più saliva.

Quali sono i rimedi naturali?

Oltre ai consigli del medico, è possibile provare a risolvere il problema di avere costantemente la bocca secca seguendo alcuni semplici consigli:

  • cercare di bere acqua o bevande senza zucchero durante i pasti così da aiutare la masticazione e lubrificare la bocca;
  • masticare chewing gum senza zucchero può essere un’altra strada percorribile per aumentare la produzione di saliva;
  • acquistare dei sostituti della saliva facilmente reperibili in farmacia, prediligendo magari prodotti contenenti xilitolo. I sostituti della saliva più comune sono disponibili come gel o spray;
  • cercare di non esagerare con la caffeina e i prodotti alcolici perchè possono accentuare la secchezza della bocca e l’irritazione.

La saliva è fondamentale per la salute dei nostri denti ed è quindi importante prendersi cura della propria igiene orale. In questo modo non solo si riducono i rischi della formazione di carie ma è anche possibile risolvere il problema della bocca asciutta. 

Hai trovato questo contenuto utile?
Mostra commenti

Contenuti correlati

Difficoltà di deglutizione
La difficoltà di deglutizione è una condizione che può essere collegata a disturbi transitori che interessano bocca e gola o può essere p...
Denti sporgenti
I denti sporgenti sono causati da una relazione impropria tra i denti e la mascella. Affrontiamo le cause più comuni e i possibili rimedi...
Denti storti
I denti storti rovinano l’armonia e l’estetica del sorriso, causando anche problemi di salute: come si può rimediare a tale problema? Sco...