Sei un professionista sanitario? Iscriviti
  1. Pazienti.it
  2. I Nostri Contenuti
  3. Malattie
  4. Tumore Al Fegato

Tumore al fegato

Tumore al fegato
Curatore scientifico
Dr. Bruno Tozzi
Specialità del contenuto
Epatologia Oncologia

Cosa intendiamo per tumore al fegato?

Il tumore al fegato (cioè quello nato nell'organo e non provocato da cellule staccatesi da altri tumori e migrate fino al fegato, le cosiddette metastasi) è una forma rara ma grave che colpisce soprattutto le persone anziane.

Tumore al fegato: sintomi

Il tumore al fegato di solito non causa alcun sintomo evidente fino a quando non ha raggiunto uno stadio avanzato. I sintomi del tumore al fegato comportano:I sintomi percepibili allo stadio iniziale del tumore al fegato sono spesso vaghi e non specifici. Essi includono:

  • perdita inspiegabile di peso
  • nausea / vomito
  • spossatezza
  • ittero (colorazione giallastra della pelle e del bianco degli occhi)
  • inappetenza anche per periodi superiori a 7 giorni
  • estrema sazietà dopo i pasti
  • sensazione di malessere
  • gonfiore dell'addome (pancia)
  • prurito della pelle
  • temperatura elevata (febbre) di 38 °C o maggiore

Nel caso in cui si dovessero avvertire i sintomi sopra elencati si consiglia un consulto del medico.

Quali funzioni del fegato possono essere compromesse se colpite da tumore?

Il fegato è uno degli organi più complessi del corpo umano ed esegue più di 500 funzioni. Alcune delle più importanti funzioni del fegato includono:

  • sintesi delle proteine e dei grassi
  • eliminazione delle tossine (veleni) dal corpo
  • controllo della coagulazione del sangue (ispessimento)
  • rilascio della bile, un liquido che rompe i grassi e aiuta la digestione

Il tumore al fegato è una condizione grave, in quanto può alterare queste funzioni o deficitarle completamente.

Quanto è comune il tumore al fegato?

La percentuale di persone colpite da tumore al fegato aumenta in proporzione con l'età. Il 70% dei casi riguarda persone che hanno all'incirca 65 anni.

Quali sono gli stadi iniziali del tumore al fegato?

Il tumore al fegato inizia a svilupparsi tramite il cambiamento delle informazioni codificate dalle cellule del corpo, che dice loro quando crescere e replicarsi.

Il codice viene letto dall'acido desossiribonucleico (DNA) che si trova in tutte le cellule umane.

La modifica del codice è conosciuta come una mutazione, che può alterare le istruzioni che controllano la crescita cellulare.

La mutazione comporta la crescita inappropriata delle cellule, le quali continuano a crescere anche quando dovrebbero arrestare la loro crescita.

Il risultato è la riproduzione incontrollata delle cellule e la produzione di un pezzo di tessuto meglio noto come tumore.

Quali sono i fattori di rischio più comuni del tumore al fegato?

Alcuni tra i fattori di rischio più importanti includono:

La ragione per cui l'obesità è un fattore di rischio per il tumore al fegato è che nel tempo ingenti quantità di grasso nel corpo possono danneggiare il fegato, allo stesso modo in cui l'alcool danneggia il fegato.

Il termine medico per questo tipo di danno epatico è steatosi epatica. Le persone affette da diabete di tipo 2 corrono un rischio maggiore nello sviluppare sia la steatosi epatica sia il tumore al fegato.

Cirrosi

La cirrosi corrisponde ad una terminologia medica che significa che il tessuto del fegato è deficitato e non può svolgere molte delle sue normali funzioni. Le principali cause di cirrosi sono:

  • prolungato abuso di alcool
  • patologia epatica alcolica
  • epatite C
  • steatosi epatica

Abuso di alcol

Il fegato è un organo molto duro e resistente. Ha una soglia alta di sopportabilità di lesioni per cui altri organi sarebbero stati già distrutti.

È anche in grado di rigenerare i propri tessuti; nonostante però tale resistenza del fegato, l'abuso di alcool prolungato nel corso degli anni può comunque danneggiarlo. Ogni volta che si abusa di alcool, i filtri del fegato hanno la funzione di espellere le sostanze nocive dal sangue. Ogni volta che il fegato filtra l'alcool, alcune delle cellule del fegato muoiono. Il fegato può rigenerare nuove cellule, ma se si beve assiduamente per molti anni, il fegato perde la sua capacità di rigenerare nuove cellule.

Questo provoca gravi danni, e si traduce in cirrosi (cicatrizzazione del fegato). Si stima che un caso su tre di tumore al fegato sia legato all'abuso di alcool.

Steatosi epatica

La steatosi epatica si verifica quando piccoli depositi di grasso si accumulano all'interno del tessuto del fegato. La patologia è comune e non causa sintomi evidenti nella maggior parte dei soggetti affetti. Tuttavia, in alcune persone un alto livello di grassi può far scaturire l’infiammazione del fegato. Nel corso del tempo, l'infiammazione assumerà la forma di cicatrice del fegato. L’anamnesi della steatosi epatica non è chiara, in ogni caso può essere associata a:

  • obesità
  • diabete di tipo 2
  • alta percentuale di lipidi nel sangue (lipidi sono un gruppo di molecole che esistono in natura, essi comprendono grassi e vitamine)

Epatite C

L'epatite C è un’infezione ematica che causa l'infiammazione e la cicatrizzazione del fegato. La maggior parte delle persone che sono infette da epatite C possono contrarre l'infezione mediante aghi contaminati o strumenti utilizzati durante l’assunzione di droghe, come cucchiai di miscelazione durante l'iniezione di droghe come l'eroina. In passato, alcuni soggetti possono avere contratto l'epatite C per mezzo di una trasfusione di sangue o emoderivati come parte del trattamento medico.

Quali sono altri fattori di rischio del tumore al fegato?

Altri fattori di rischio per il tumore al fegato sono:

  • epatite B, un'infezione virale
  • emocromatosi, una condizione genetica in cui il corpo assorbe troppo ferro dagli alimenti
  • epatite autoimmune, una rara condizione genetica in cui il sistema immunitario attacca le cellule del fegato
  • cirrosi biliare primitiva, una rara condizione in cui piccoli tubi chiamati dotti biliari vengono danneggiati

Epatite B

L'epatite B è un virus che può essere diffuso attraverso il sangue contaminato e altri tipi di fluidi corporei, come la saliva, liquido seminale e vaginale. Il virus è più diffuso in:

  • Cina
  • Africa
  • isole del Pacifico, come le Hawaii

Le prospettive per le persone che sviluppano un’infezione da epatite B sono molto variabili. Molte persone hanno solo sintomi lievi per cui sono inconsapevoli di aver contratto l’infezione. Una piccola percentuale di persone che hanno gravi sintomi paragonabili a quelli del tumore al fegato, sviluppano estese cicatrici nella zona del fegato. Il rischio di una persona che sviluppa un tumore al fegato da epatite B sembra essere influenzata dall'etnia. Persone di origine asiatica infettate da epatite B hanno una percentuale superiore alla media di probabilità nello sviluppare il tumore al fegato, indipendentemente dal fatto che abbiano sviluppato anche cirrosi epatica. Persone di altre etnie sembrano avere un rischio maggiore di poter contrarre il tumore al fegato anche nel caso in cui sviluppano cirrosi o un'altra patologia legata al fegato, come l'epatite C.

Emocromatosi

Emocromatosi è una condizione genetica in cui il corpo assimila troppo ferro dagli alimenti. Si stima che 1 ogni 250/300 persone svilupperà emocromatosi. Le persone affette da emocromatosi e cirrosi hanno 1 possibilità su 10 di sviluppare il tumore al fegato. Questo rischio si riduce a 0.1/10 quando si dà inizio ai trattamenti atti alla rimozione del ferro in eccesso dal corpo.

Epatite autoimmune

L'epatite autoimmune è una rara condizione genetica che interessa 1 ogni 7.150 persone. Nell'epatite autoimmune, il sistema immunitario (le difese naturali dell'organismo contro le infezioni) attacca le cellule del fegato come se fossero dei corpi estranei.

La causa che fa scattare l'attacco è attualmente sconosciuta. Nel caso di epatite autoimmune, il rischio di sviluppare il tumore al fegato si riduce nel caso in cui si abbia come causa scatenante la cirrosi. Questo può verificarsi poiché la maggior parte dei casi di epatite autoimmune può essere trattata con immunosoppressori. Gli immunosoppressori sono farmaci che evitano al sistema immunitario di danneggiare il fegato.

Cirrosi biliare primitiva

La cirrosi biliare primitiva è una malattia del fegato rara e poco conosciuta. Una delle funzioni principali del fegato è la creazione di un fluido chiamato bile, utilizzato dal corpo per contribuire a sintetizzare il grasso.

La bile viene trasportata nel sistema digerente attraverso una serie di tubi chiamati dotti biliari. Per ragioni non note, in caso di cirrosi biliare primitiva i dotti biliari sono progressivamente danneggiati. Questo alla fine porta a un accumulo di bile all'interno del fegato, che lo danneggia provocando cirrosi. Un soggetto su 20 affetto da cirrosi biliare primaria avanzata si stima possa contrarre il tumore al fegato.

Quali sono gli esami per diagnosticare il tumore al fegato?

I test utilizzati per diagnosticare il tumore al fegato sono:

  • TAC
  • risonanza magnetica per immagini la quale utilizza un forte campo magnetico e onde radio per ricostruire un quadro della parte interna del fegato
  • biopsia, un ago viene utilizzato per rimuovere un piccolo campione di tessuto epatico, poi testato in un laboratorio per cellule cancerose
  • laparoscopia, un test che viene eseguito in anestesia totale. Nel corso di una laparoscopia, si effettua una piccola incisione nell'addome (pancia) attraverso cui una fotocamera flessibile chiamata endoscopio viene utilizzata per esaminare il fegato

Cosa si intende per messa in scena in caso di tumore al fegato?

Messa in scena è un termine che gli operatori sanitari utilizzano per descrivere in quale misura un particolare tumore si è diffuso. Ci sono vari meccanismi che possono essere utilizzati per mettere in scena il tumore al fegato.

Molti specialisti del tumore al fegato utilizzano sistemi di stadiazione.

Tali combinazioni includono caratteristiche di entrambi i tumori al fegato funzionali al soggetto analizzato. Questo perché la durata della vita di un soggetto dipende da quanto si è predisposti a potenziali trattamenti. La ripresa dal tumore al fegato sarà determinata non solo dal modo in cui il tumore è avanzato, ma anche dallo stato di salute del soggetto e dalla sua funzionalità epatica.

Quali sono gli esami per valutare la stadiazione del tumore al fegato?

Un sistema combinato per la stadiazione del tumore al fegato è meglio conosciuto come Clinic di Barcellona (BCLC) sistema di stadiazione. Il sistema di stadiazione Clinic di Barcellona è costituito da cinque fasi. Queste sono:

  • fase 0 - il tumore è inferiore ai 2 cm (20 mm) di diametro, la persona sta bene e usufruisce delle normali funzioni del fegato
  • fase A - un singolo tumore si è sviluppato, ma è inferiore a 5 cm (50 mm) di diametro, ci sono tre o un numero inferiore di tumori minori che hanno meno di 3 cm (30 mm) di diametro, la persona sta bene e usufruisce delle normali funzioni epatiche
  • fase B - ci sono tumori multipli nel fegato, il soggetto sta bene e la sua funzionalità epatica non è stata influenzata
  • fase C - si verifica una delle circostanze di cui sopra, ma in questo caso il soggetto non sta bene e la sua funzionalità epatica è stata alterata; il tumore ha iniziato a diffondersi nei vasi sanguigni principali del fegato, nei linfonodi vicini o in altre parti del corpo
  • fase D - in cui il fegato ha perso gran parte della sua capacità di funzionamento e la persona comincia ad avere i sintomi della fase terminale della malattia del fegato, come ad esempio un accumulo di liquido all'interno del proprio addome (pancia)

Come prevenire il tumore al fegato?

I quattro modi più efficaci per prevenire il tumore al fegato sono:

  • bere alcolici con moderazione
  • mangiare sano e svolgere esercizio fisico per evitare di incorrere in obesità o patologie cardiovascolari (malattie del cuore o dei vasi sanguigni)
  • evitare di esporsi ai fattori di rischio come epatite C ed epatite B
  • smettere di bere alcol

Per quanto riguarda i consumi adeguati di alcool si consigliano:

  • 3-4 unità al giorno per gli uomini
  • 2-3 unità al giorno per le donne

Nel caso in cui si sia tossicodipendenti da eroina, il modo migliore per evitare una infezione da epatite C è quello di non condividere i propri aghi e siringhe con altre persone. Questo non vale solo per gli aghi, bensì per tutto ciò che può entrare in contatto con il sangue come:

  • cucchiai di miscelazione
  • filtri
  • acqua utilizzata per sciogliere la droga
  • lacci emostatici

Importante è evitare di contrarre l'epatite C che non provoca sintomi evidenti per diversi anni, così molte persone possono non essere a conoscenza della loro infezione. È quindi più sicuro supporre che chiunque può contrarre l'infezione. Anche nel caso in cui non si sia tossicodipendenti, è importante prendere alcune precauzioni per ridurre al minimo l'esposizione al sangue di altre persone, come:

  • evitare la condivisione di qualsiasi oggetto che potrebbe essere contaminato da sangue, come rasoi o spazzolini da denti
  • avere rapporti sessuali con qualcuno che non è stato infettato implica meno rischio di contrarre l'epatite C che può causare tumore al fegato

Un vaccino protegge anche contro l'epatite B. La vaccinazione è generalmente consigliata solo per le persone in gruppi ad alto rischio, quali:

  • tossicodipendenti (compresi i loro partner, figli e altri conviventi)
  • persone che cambiano frequentemente partner sessuali
  • stretti familiari di una persona con una infezione cronica da epatite B
  • persone che operano con prodotti del sangue e loro accompagnatori
  • persone con insufficienza renale cronica
  • persone che hanno malattie croniche del fegato
  • detenuti e membri del personale di servizio penitenziario
  • persone che vivono in residenze per persone con difficoltà di apprendimento
  • famiglie che adottano bambini i quali sono stati esposti in precedenza in ambienti a rischio di epatite B
  • persone che viaggiano o che vanno a vivere in zone dove c'è un'alta incidenza di epatite B, come la Cina
  • persone che hanno un'occupazione che aumenta la loro esposizione al virus dell'epatite B

Come si fa prevenzione del tumore al fegato?

Nel caso in cui si appartenga ad un ceppo considerato ad alto rischio nel contrarre il tumore al fegato, test periodici sono raccomandati. Questo perché più il tumore al fegato viene diagnosticato in modo precoce, maggiori sono le possibilità di curarlo. I controlli sono raccomandati in caso di:

  • soggetto malato di cirrosi legata all'abuso di alcool
  • soggetto con cirrosi legata a epatite B o epatite C
  • soggetto con epatite B
  • soggetto con cirrosi da emocromatosi (una condizione genetica in cui il corpo assorbe troppo ferro dagli alimenti)
  • soggetto con cirrosi legata a qualsiasi causa

Il monitoraggio del tumore al fegato non sarà produttivo nel caso in cui il soggetto, affetto da cirrosi e sotto cura, continui ad abusare di alcool o droghe. Questo perché la continua assunzione di droghe e alcool riduce la probabilità di efficacia del trattamento per il tumore al fegato. I controlli sono solitamente effettuati ogni sei mesi e richiedono un processo bifase:

  • esami del sangue - poco più della metà delle persone affette da tumore primitivo del fegato producono una proteina nel sangue chiamata alphafetoproteina (AFP). Questa può essere rilevata mediante test regolari
  • ecografia - onde sonore ad alta frequenza vengono utilizzate per riprodurre un'immagine del fegato, mediante cui evidenziare eventuali anomalie

Ci sono inoltre diversi test che possono essere usati per avvallare una diagnosi di tumore al fegato, anche se sarebbe insolito che un soggetto necessiti di tutti i test per confermare la diagnosi di tumore al fegato.

Quali sono i trattamenti di prevenzione per il tumore al fegato?

Per quanto riguarda la prevenzione per il tumore al fegato, questa si raccomanda in particolare per i soggetti più a rischio nella contrazione della patologia, come ad esempio soggetti affetti da infezione da epatite C o soggetti che hanno avuto la cirrosi a causa dell'abuso di alcool, diabete o obesità.

Nel caso in cui vi sia un'alta probabilità nello sviluppare il tumore al fegato, eseguire regolari controlli contribuirà a garantire che la patologia venga diagnosticata precocemente, facilitandone quindi i trattamenti.

In generale, le prospettive di vita per le persone affette da tumore al fegato sono alquanto scarse. Questo accade perché la maggior parte dei casi vengono rilevati in stadi ormai avanzati della malattia.

Tuttavia, se il tumore al fegato viene diagnosticato in una fase iniziale, vi sono diverse operazioni a cui si può ricorrere:

  • resezione chirurgica per rimuovere una parte di fegato
  • trapianto di fegato
  • ablazione con radiofrequenza, durante la quale piccole quantità di corrente elettrica vengono utilizzate per distruggere le cellule cancerose

Tuttavia, benché vi siano varie opzioni di trattamenti curativi potrebbe non essere sempre possibile trovare una cura adeguata anche nel caso in cui il tumore al fegato sia stato diagnosticato precocemente, negli stadi iniziali.

Questo può verificarsi in quanto il fegato è troppo danneggiato da cicatrici (cirrosi), ablazione o resezione del tumore, o il soggetto non è abbastanza forte fisicamente per sopportare gli effetti conseguenti al trapianto del fegato.

Attualmente, solo ad 1 persona su 10 viene diagnosticato il tumore al fegato in una fase iniziale. Nella maggior parte dei casi in cui viene diagnosticato il tumore al fegato, spesso si tratta di stadi avanzati della malattia, per cui difficilmente si hanno cure adeguate; ne risulta che solo 1 persona su 5 vive per almeno un anno dalla diagnosi, solo 1 persona su 20 vive per almeno cinque anni dalla diagnosi.

Tuttavia, si spera che questa tendenza possa cambiare rotta in quanto l’osservazione e il controllo del tumore al fegato sono sempre più incentivati.

Come viene trattato il tumore al fegato?

Molti ospedali utilizzano gruppi multidisciplinari per il trattamento del tumore al fegato.

I gruppi multidisciplinari sono squadre di specialisti che lavorano insieme per prendere decisioni circa il modo migliore per procedere con il trattamento.

Gli specialisti consiglieranno quello che pensano sia la migliore opzione terapeutica, ma la decisione finale spetta comunque al soggetto affetto.

Prima di effettuare le visite per discutere le possibili opzioni di trattamento, può risultare utile scrivere una lista di domande da porre allo specialista. Per esempio, è possibile scoprire i vantaggi e gli svantaggi dei trattamenti particolari.

Esiste un piano terapeutico per i pazienti affetti da tumore al fegato?

Il piano terapeutico raccomandato dipende dallo stadio in cui si trova il tumore al fegato. Se il tumore al fegato è nella fase A, quando viene diagnosticato, una guarigione completa può essere auspicabile. I tre modi principali per cui questa può essere raggiunta sono:

  • rimuovere la sezione del fegato interessata
  • eseguire un trapianto di fegato, un intervento per rimuovere il fegato infetto e sostituirlo con uno sano
  • utilizzare il calore per uccidere le cellule cancerose. Questo processo è conosciuto come ablazione con radiofrequenza

Se il cancro è in stadio B o C, una cura non è generalmente possibile.

La chemioterapia (farmaci potenti) può essere molto dannosa per un fegato cirrotico. Se indicata, verrà iniettata nell'arteria (vaso sanguigno) che alimenta il tumore per cercare di evitare i possibili effetti collaterali dell’organo e danni ai tessuti non causati dal tumore.

La chemioterapia può rallentare la progressione del tumore, alleviare i sintomi e prolungare la vita per mesi o, in alcuni casi, anni. Vi è anche un farmaco chiamato sorafenib, che può aiutare a prolungare la vita.

Se il tumore è in fase D quando viene diagnosticato, di solito è troppo tardi per rallentare la diffusione del tumore. Il trattamento si concentra invece per alleviare i sintomi di dolore e di disagio che ne possono derivare.

Cosa prevede la resezione chirurgica in caso di tumore al fegato?

Se il danno al fegato è minimo e il tumore è contenuto in una piccola parte del fegato, può essere possibile rimuovere le cellule cancerose durante l'intervento chirurgico.

Questa procedura è nota come resezione chirurgica. Dal momento in cui il fegato può rigenerarsi, può essere possibile rimuovere una larga parte di esso senza mettere a repentaglio la salute.

Tuttavia, la maggior parte delle persone affette da tumore al fegato non hanno un fegato normale, il che significa che la capacità rigenerativa del fegato può essere significativamente ridotta e la resezione potrebbe non essere sicura.

Una resezione può essere eseguita e spesso determinata attraverso la stima della gravità della cirrosi.

Un modo per farlo è quello di misurare il grado di cicatrizzazione e rigenerazione nodulare del fegato, che riflette il grado di ipertensione portale.

La pressione portale è un’analisi del sangue che procede dentro e fuori dal fegato. In un fegato normale, la misura è bassa, ma può essere molto più alta se la cirrosi è grave perché il tessuto malato ostruisce il flusso di sangue.

Nel caso in cui una resezione epatica è consigliabile, sarà effettuata in anestesia totale. La maggior parte delle persone si riprendono dal trattamento abbastanza in fretta da lasciare l'ospedale 12 giorni dopo l'intervento.

Tuttavia potrebbero essere necessari fino a tre o quattro mesi per la ripresa completa dalla chirurgia.

Quali sono le possibili complicazioni di resezione del fegato?

Le possibili complicazioni di resezione del fegato sono:

  • infezione nella sede della chirurgia
  • sanguinamento dopo l'intervento
  • coaguli di sangue che si sviluppano nelle gambe
  • fuoriuscita di bile dal fegato
  • ittero
  • insufficienza epatica se il fegato restante è insufficiente e non si rigenera in modo adeguato

La resezione del fegato a volte può causare complicazioni fatali, come ad esempio un attacco di cuore.

Quando è consigliata l'ablazione con radiofrequenza in caso di tumore al fegato?

L’ablazione con radiofrequenza può essere raccomandata come alternativa alla chirurgia per curare il tumore al fegato in una fase iniziale in cui il tumore o i tumori hanno diametro inferiore a 2 cm.

L’ablazione con radiofrequenza consiste nel far passare piccoli aghi contenenti elettrodi attraverso la pelle e nel fegato.

La pelle sarà anestetizzata localmente in modo da non sentire alcun dolore nell'inserimento degli aghi. Nel momento in cui gli aghi sono stati inseriti nel fegato, piccole quantità di corrente elettrica vi saranno infiltrate.

La corrente genera calore mediante cui si disintegrano le cellule tumorali. Il processo di ablazione con radiofrequenza impiega circa 30/35 minuti.

Potrebbe essere necessario impiegare più sessioni, compatibilmente alla gravità del tumore.

Le complicazioni più frequenti derivanti da ablazione a radiofrequenza sono sintomi simil-influenzali, come brividi e dolori muscolari, che si verificano circa in un caso su quattro. Questi sintomi di solito iniziano 3-5 giorni dopo la procedura, e hanno durata di circa cinque giorni.

Quali sono le complicazioni meno comuni di ablazione a radiofrequenza?

Le complicazioni meno comuni di ablazione a radiofrequenza sono:

  • danni a organi e tessuti in prossimità del fegato
  • ascesso che si sviluppa all'interno del fegato

Quando è consigliato il trapianto nel caso di tumore al fegato?

Nel caso in cui si sia affetti da un singolo tumore inferiore a 5 cm di diametro, potrebbe essere idoneo sottoporsi a trapianto di fegato. T

uttavia, se si è affetti da tumori multipli, o da tumore con misura maggiore di 5 cm, il rischio di recidiva del tumore di solito è così alta che un trapianto di fegato non porterà alcun beneficio.

In alcuni casi, può essere utilizzata una piccola parte del fegato di un parente in vita. Questo processo è noto come trapianto di fegato da donatore vivente.

Il vantaggio nell'utilizzare un donatore vivente di fegato è che la persona che riceve il trapianto è in grado di pianificare le relative procedure con la propria équipe medica e inoltre non si attende molto a lungo.

Tuttavia, ci sono anche degli svantaggi associati a questo tipo di trapianto, come le eventuali complicazioni che ne conseguono. Ricerche scientifiche hanno comprovato che i risultati dei trapianti di fegato da donatore vivo tendono a non avere la stessa riuscita dei trapianti di fegato da donatore morto.

Dopo il trapianto, verrà somministrato un tipo di farmaco noto come immunosoppressore. Gli immunosoppressori diminuiscono il rischio di rigetto dove il sistema immunitario attacca il nuovo fegato in quanto riconosciuto come oggetto estraneo. Uno degli effetti collaterali da assunzione di immunosoppressori è che l'infezione aumenti.

Quando è consigliata la chemioterapia in caso di tumore al fegato?

La chemioterapia comporta l'uso di una combinazione potente di farmaci atti al rallentamento della diffusione del tumore al fegato. Un tipo di chemioterapia noto come chemioembolizzazione arteriosa transcatetere (TACE) è di solito consigliato per il trattamento di casi di stadio B e C di tumore al fegato.

Questo è però un trattamento palliativo atto a prolungare la vita ma non è curativo. Non è raccomandato per il tumore al fegato allo stadio D perché può peggiorare i sintomi della malattia epatica.

Il trattamento può essere utilizzato anche per aiutare a prevenire la diffusione del tumore nelle zone limitrofe al fegato, in particolare nelle persone che sono in attesa di ricevere un trapianto di fegato.

Il trattamento chemioembolizzazione arteriosa transcatetere utilizza una combinazione di due tecniche:

  • farmaci chemioterapici iniettati direttamente nel fegato
  • gel o piccole sfere in plastica iniettati nei vasi sanguigni che pompano sangue nelle zone tumorali

Una sessione di chemioembolizzazione arteriosa transcatetere dura di solito 1-2 ore. Dopo la procedura si può restare in ospedale durante la notte prima di tornare a casa. I risultati al trattamento verranno valutati circa un mese dopo la procedura.

Iniettare i farmaci chemioterapici direttamente nel fegato, piuttosto che nel sangue, ha il vantaggio di evitare l'ampia gamma di effetti collaterali che sono associati alla chemioterapia tradizionale, come la perdita dei capelli e spossatezza.

Tuttavia, la procedura non è priva di effetti collaterali e complicazioni. L'effetto collaterale più comune di chemioembolizzazione arteriosa transcatetere è conosciuta come la sindrome post-chemioembolizzazione, che si verifica in circa un caso su tre. La sindrome di post-chemioembolizzazione può causare i seguenti sintomi:

Questi sintomi possono perdurare per una o due settimane dopo la seduta. Vi sono altre complicazioni meno comuni nel trattamento, ovvero:

  • peggioramento della funzionalità epatica, che di solito è temporaneo
  • gonfiore del ventre a causa di un accumulo di liquido
  • ascesso epatico
  • danni al tratto biliare o cistifellea

Quali trattamenti sono consigliati nello stato di tumore al fegato avanzato?

I trattamenti consigliati per il tumore al fegato nello stadio avanzato si concentrano sull'alleviare i sintomi di dolore e disagio piuttosto che tentare di rallentare la progressione del tumore.

Alcune persone affette da tumore al fegato nello stadio avanzato richiedono potenti antidolorifici, come la codeina o, eventualmente, la morfina, forniti in caso di necessità.

La nausea e la stipsi sono effetti collaterali comuni a questo tipi di antidolorifici, quindi insieme ad essi sono auspicabili la somministrazione di compresse anti-nausea e lassativi.

Hai trovato questo contenuto utile?
Mostra commenti

Contenuti correlati

Teratomi
Il teratoma è un tumore embrionale diffuso, di solito, nelle ovaie e nei testicoli rispettivamente di donne e uomini.
Tumore alle cellule di Sertoli-Leydig
Le cellule di Leydig, dette anche cellule endocrine interstiziali di Leydig, sono site nello stroma, tra i tubuli seminiferi dei testicol...
Tumore benigno
I tumori benigni rappresentano una forma tumorale (massa) generalmente non pericolosa per l'uomo. Alcune tipologie possono comunque trasf...