Allergie alle punture di insetti

Contenuto di:

Le punture di insetti causano in tutti i soggetti un lieve dolore nella sede della puntura, gonfiore e prurito che si risolvono da soli nell’arco di poche ore. Se ad essere punto, specie ad opera di api o vespe, è un soggetto che ha sviluppato una sensibilizzazione allergica verso il veleno di questi insetti, allora c’è il rischio della comparsa di reazioni gravi (anafilassi), a volte anche mortali.

Qual è la differenza tra una reazione normale e una reazione allergica alla puntura di insetti?

Allergies_to_insect_bites | Pazienti.it

Nella maggior parte dei casi si può confondere una normale reazione ad una puntura con una reazione allergica. Conoscere la differenza, può contribuire a evitare inutili preoccupazioni. Esistono tre tipi di reazioni, ovvero normale, localizzata e allergica: una reazione normale causa dolore, gonfiore e arrossamento nella zona circostante la parte punta; la reazione localizzata estesa è caratterizzata da gonfiore che si estende oltre la zona circostante la parte punta. Anche se spesso sembra allarmante, questo tipo di reazione è generalmente non più grave di una reazione normale; si parla di reazione allergica quando la risposta locale è troppo estesa, grave e duratura.

Come si manifestano le allergie alle punture di insetti?

Le allergie alle punture di insetti provocano:

  • lieve dolore nella zona interessata dalla puntura
  • gonfiore nella zona interessata dalla puntura
  • arrossamento della zona interessata dalla puntura
  • prurito
  • formicolii
  • nausea e vomito

Possono verificarsi anche gravi reazioni allergiche che possono portare alla morte se non bloccate in tempo. Gli insetti responsabili di queste allergie sono:

  • api
  • calabroni
  • vespe
  • formiche rosse

Chi è a rischio di allergie alle punture di insetti?

I soggetti più colpiti dalle allergie alle punture di insetti sono i maschi di età inferiore ai 20 anni, probabilmente perché più esposti alle punture. Le allergie alle punture di insetti sono molto comuni anche nelle donne e nei bambini.

Quali sono le complicazioni delle allergie alle punture di insetti?

La più grave complicazione causata dalle allergie alle punture di insetti è l'anafilassi, che, talvolta, può essere fatale. L'anafilassi provoca:

  • difficoltà di respirazione
  • difficoltà di deglutizione
  • raucedine
  • gonfiore della lingua
  • vertigini e svenimenti

Questi tipi di allergie alle punture di insetti si verificano di solito a pochi minuti dalla puntura. Importante, in questi casi, è il trattamento immediato.

Allergia | Pazienti.it

Come evitare le allergie alle punture di insetti?

Alcune misure cautelari diminuiscono le possibilità di allergie alle punture di insetti. Tra queste:

  • evitare di camminare a piedi nudi sui prati
  • evitare di avvicinarsi a cespugli dove spesso nidificano gli insetti
  • evitare di indossare indumenti dai colori accesi che attirano gli insetti
  • evitare profumi che attirano gli insetti
  • evitare pic-nic all'aperto
  • coprirsi se si trascorre molto tempo all'aperto

Cosa prevede l'immunoterapia per le allergie alle punture di insetti?

I pazienti soggetti ad allergie alle punture di insetti possono sottoporsi ad immunoterapia. Questo tipo di trattamento di solito comporta l'iniezione di una dose gradualmente crescente del veleno per 10 o 20 settimane. Poi una dose di una dose di mantenimento ogni quattro-otto settimane. La terapia conferisce protezione a lungo termine nella maggior parte delle persone.

Cosa fare nei casi di allergie alle punture di insetti?

Nei casi di allergie alle punture di insetti è importante rimuovere il pungiglione con delicatezza. Subito dopo aver eliminato il pungiglione, è opportuno trattare localmente la zona interessata, disinfettandola e applicando del ghiaccio per limitare il gonfiore. Creme di corticosteroidi topici sono a volte utilizzate per diminuire l'infiammazione, mentre gli antistaminici possono aiutare a controllare il prurito. Se le allergie alle punture di insetti risultano gravi, il paziente è trattato con epinefrina (adrenalina). Le allergie alle punture di insetti non durano, solitamente, più di 48 ore.

Argomenti: allergia Cortisone ALLERGIE ALLE PUNTURE DI INSETTI punture d'insetti antistaminico
Sangue | Pazienti.it
Basofili alti

I basofili sono una classe di globuli bianche (detti anche leucociti) presenti nel sangue. I globuli bianchi aiutano a proteggere il corpo contro le malattie, contrastando le infezioni. I basofili...

Anafilassi | Pazienti.it
Anafilassi

L'anafilassi è una grave reazione allergica ad una sostanza chimica che è diventato un allergene. Tale patologia rappresenta la manifestazione più grave dell’allergia poiché, se non s’interviene prontamente, può...

Test_allergie | Pazienti.it
Test cutaneo per allergie

Durante il test cutaneo per allergie, la pelle è esposta ai presunti allergeni e viene osservata per valutare i segni di una eventuale reazione allergica.

Prurito_nasale | Pazienti.it
Prurito nasale

Il prurito nasale è un sintomo molto comune che può essere dovuto ad allergia ma a volte è presente anche in altre situazioni.

Congiuntivite_allergica | Pazienti.it
Congiuntivite allergica

La congiuntivite allergica è un’allergia oculare che, come la maggior parte delle condizioni allergiche degli occhi, è più irritante che pericolosa.

Pillole | Pazienti.it
Immunoterapia specifica (ITS)

L'immunoterapia è una forma di trattamento per le allergie. Vengono somministrate delle iniezioni che contengono una piccola quantità della sostanza o delle sostanze che scatenano le reazioni allergiche, chiamati allergeni.

Antistaminici | Pazienti.it
Antistaminici

Gli antistaminici sono farmaci in grado di contrastare gli effetti delle reazioni allergiche.

Cortisone | Pazienti.it
Cortisone

Il cortisone è un farmaco anti-infiammatorio potente, in grado di offrire un rapido sollievo dal dolore causato dall’infiammazione di articolazioni e tendini Le complicazioni a seguito di un suo...

Allergene | Pazienti.it
Allergene

Un allergene è un tipo di antigene che produce una risposta immunitaria vigorosa in cui il sistema immunitario combatte una minaccia che altrimenti sarebbe innocua per l'organismo. Tali reazioni sono...

Farmaci_adrenergici | Pazienti.it
Farmaci adrenergici

I farmaci adrenergici, noti anche come farmaci simpaticomimetici, sono medicinali che stimolano il sistema nervoso simpatico (SNS), che fa parte del sistema nervoso autonomo (SNA).