Sei un professionista sanitario? Iscriviti
  1. Pazienti.it
  2. I Nostri Contenuti
  3. Sintomi
  4. Bolle Sulla Lingua

Bolle sulla lingua

Bolle sulla lingua
Curatore scientifico
Dr. Francesco Asprea
Specialità del contenuto
Otorinolaringoiatria

Cosa sono le bolle sulla lingua?

Le bolle sulla lingua, note anche con il termine afte, sono un problema particolarmente fastidioso che può presentarsi sia negli adulti che nei bambini, sintomo di un disturbo più ampio.

Le bollicine sulla lingua possono essere di vario genere e posizionate su tutta la superficie del cavo orale, anche a zone. Infatti la presenza delle bolle può interessare varie aree della lingua: possono essere in fondo, ai lati della lingua, nella parte posteriore della lingua, sulla punta, o persino vicino alla gola. Inoltre, spesso le bolle si trovano sotto la lingua.

Le bolle in bocca possono essere di vario genere:

  • bolle biancastre sulla lingua,
  • dal rosso al giallo, 
  • piccole ulcere. 

Spesso, la presenza dell’afta può essere estremamente fastidiosa, tanto da impedire la masticazione. Nei casi più gravi si può andare incontro anche a malnutrizione indotta dall’incapacità di alimentarsi normalmente. 

Quali sono le cause delle bolle sulla lingua?

Le afte costituiscono delle vere e proprie lesioni nel cavo orale, e possono interessare persino le gengive. La causa più comune della loro insorgenza sono le infezioni in bocca ad opera dei virus, specie dopo una lunga malattia, nel momento in cui il sistema immunitario è particolarmente debole e il corpo esposto all’attacco di virus e batteri.

L’infezione più comune alla base delle afte è quella da virus herpes simplex, che provoca anche arrossamento e dolore di tutto il cavo orale. Altre cause comuni alle bolle in bocca sono:

  • stomatite, patologia che causa delle vescicole bianche sulla lingua, che si rompono molto facilmente lasciando delle piccole ulcere dolorose;
  • reazioni allergiche e intolleranze, dovute ad una reazione immunitaria che genera un’infiammazione delle mucose, vescicole rosse e gonfiore generalizzato, specie per i celiaci;
  • eventi traumatici, come protesi, denti appuntiti, alimenti particolarmente duri;
  • candidosi orale, infezione micotica caratterizzata dalla presenza ulcere sulla lingua, rivestita di patina bianca;
  • varicella, che può provocare le bollicine rosse non solo su tutta la superficie del corpo, ma anche sulla lingua;
  • mononucleosi, caratterizzata da bollicine biancastre seguite da febbre, alterazioni delle funzioni epatiche, linfadenopatia, malessere generale;
  • gastrite da reflusso, che provoca alitosi e lesioni sulla lingua a causa del reflusso acido che risale l’esofago.

Quali sono i sintomi concomitanti?

Generalmente, le afte insorgono come delle piaghe rossastre e dolorose nell’arco di poche ore e possono estendersi fino a 2,5 cm. Prima che appaiano, è possibile avvertire nel cavo orale e sulla lingua un formicolio o l’infiammazione. L’ulcera appare dopo circa 24 ore.

Le bolle aperte possono essere biancastre o giallastre, una colorazione che indica la presenza di pus, ed essere circondate da un alone. Spesso possono insorgere delle bolle sporadiche, oppure a gruppi.

Una volta insorte, le ulcere guariscono completamente tra un attacco e l’altro. Nella maggior parte dei casi hanno una durata media che va da 7 a 10 giorni. La recidività può avvenire a distanza di pochi mesi.

Qual è la cura per le bolle sulla lingua?

Alla prima comparsa delle bolle, è necessario approfondire l’igiene orale, lavando i denti con dentifricio e collutorio subito dopo aver mangiato. In questo modo, è possibile risolvere la situazione nell’arco di meno 3 giorni.

Se le bolle nella bocca sono causate da infezioni virali o micotiche è necessario continuare con un’igiene orale approfondita per una decina di giorni e farsi visitare dal proprio medico curante, per associare eventualmente una terapia farmacologica, per alleviare il fastidio delle afte.

Altre volte è necessario assumere farmaci antivirali, antimicotici, antibatterici e antipiretici, nel caso in cui la stomatite è associata alla febbre.

Quali sono i rimedi naturali per le bolle sulla lingua?

È possibile anche prevenire il problema delle bolle sulla lingua e delle infezioni del cavo orale, prestando particolare attenzione agli alimenti che si assumono. Per esempio, si consiglia di assumere molti cibi ricchi di vitamina C per rinforzare il sistema immunitario, specie dopo una lunga malattia debilitante. Inoltre, è utile evitare cibi troppo duri a favore di alimenti freschi e cremosi. Anche gli alimenti troppo caldi sono da evitare, perché tendono a creare delle bolle sulla lingua in seguito all’ustione.

Se sulla lingua sono presenti delle bollicine vicino alla gola, si consiglia di effettuare dei gargarismi con acqua e bicarbonato, oppure con qualche goccia di olio essenziale al tè verde disciolto in acqua, perché ha un potere altamente disinfettante e rinfrescante.

Altri rimedi naturali sono i gargarismi all’olio essenziale di cocco e all’aloe vera, che oltre a idratare la lingua, permettendo un rapido recupero dalle afte in bocca, tendono ad alleviare il fastidio e il dolore.

Hai trovato questo contenuto utile?
Mostra commenti

Contenuti correlati

Ronzio alle orecchie
Il ronzio alle orecchie è un fastidio che colpisce l'apparato uditivo e che può avere molteplici cause. Dal momento che può essere molto ...
Rinorrea
La rinorrea è un disturbo a carico delle vie respiratorie che può avere diverse cause; occorre arrivare a una diagnosi precisa per capire...
Nodo alla gola (bolo isterico)
Il nodo alla gola o bolo isterico è un sintomo associato a numerose patologie; questa sensazione può dipendere da numerose cause, ma occo...