Sei un professionista sanitario? Iscriviti
  1. Pazienti.it
  2. I Nostri Contenuti
  3. Sintomi
  4. Ipossia

Ipossia

Ipossia
Curatore scientifico
Dr. Virgilio De Bono
Specialità del contenuto
Medicina generale

Che cos’è l’ipossia?

L’ipossia è quella condizione che si verifica quando i tessuti dell’organismo sono in carenza di ossigeno.

Questo fenomeno può interessare solo alcune zone dell’organismo (ipossia tissutale) o può essere esteso a tutto il corpo (ipossia generalizzata). L’insorgenza, a seconda delle cause, può essere rapida o può invece diventare una malattia cronica che si sviluppa in un arco di tempo esteso.

L’ipossiemia (i.e. basso livello di ossigeno nel sangue), può causare ipossia (i.e. basso livello di ossigeno nei tessuti), quando il circolo non riesce a distribuire abbastanza ossigeno per soddisfare i bisogni di ogni distretto. La parola ipossia viene talvolta impiegata per indicare entrambi i problemi.

L’ipossia, come tutte le condizioni che determinano una carenza di ossigeno sono molto pericolose, poichè senza questo gas il cervello, il fegato ed altri organi possono subire dei danni, anche solo dopo pochi minuti dopo la comparsa dei sintomi. Come già citato, la condizione è particolarmente pericolosa per le funzioni cerebrali, infatti la mancanza di ossigeno nel cervello può causare la morte di moltissime cellule nel giro di soli 4-5 minuti.

Quali sono le cause di ipossia?

Ad esempio, un attacco d’asma particolarmente acuto può causare l’ipossia in adulti e bambini. Durante un attacco le vie respiratorie si restringono rendendo particolarmente difficile inspirare aria nei polmoni. Tossire per cercare di liberare i polmoni utilizza ancora più ossigeno peggiorando ulteriormente i sintomi.

L’ipossia può risultare anche dal danneggiamento polmonare di origine traumatica. Ancora, altre possibili cause di ipossia comprendono:

L’ipossia potrebbe, inoltre, verificarsi ad alta quota – l’altitudine causa, infatti, una diminuzione della disponibilità dell’ossigeno presente nell’aria – e in seguito a intossicazione da farmaci, da metalli pesanti o da monossido di carbonio.

Infine, l’ipossia può essere meno comunemente collegata a varie altre patologie tra le quali ci sono:

Quali sono i sintomi concomitanti dell'ipossia?

Nonostante possano variare da persona a presona, i sintomi più comuni concomitanti all’ipossia sono:

Se si accusano questi sintomi occorre chiamare immediatamente l’ambulanza.

Come si cura l’ipossia?

Il trattamento per l’ipossia richiede il ricovero immediato del paziente in modo che possano essere monitorati costantemente i livelli di ossigeno corporei.

La cosa più importante è ripristinare i livelli di ossigeno nel paziente e questo di solito viene ottenuto tramite un piccolo inserimento nel naso o tramite una mascherina sul volto del paziente. Di solito questi metodi sono sufficienti per riportare l’ossigeno ad un livello normale.

Se l’ipossia è stata causata da un attacco d’asma, allora un inalatore apposito potrebbe aiutare a respirare meglio. Se non fosse possibile utilizzare un inalatore allora il medico può somministrare il medicinale tramite vena. Potrebbe essere necessario assumere dei corticosteroidi per diminuire velocemente l’infiammazione nei polmoni.

Nei casi più estremi, se i trattamenti non funzionano è possibile aiutare il paziente a respirare tramite una macchina ospedaliera che agevola la ventilazione.

Come si previene l’ipossia?

Il modo migliore per prevenire l’ipossia è mantenere sotto controllo le patologie come l’asma. Occorre seguire la cura ogni giorno con attenzione: 

  • prendere le medicine che sono state indicate dal medico;
  • prediligere la prevenzione dell’asma rispetto all’utilizzo degli inalatori di emergenza;
  • mangiare sano e fare attività fisica;
  • lavorare per capire quali siano i trigger dell’asma e trovare il modo di evitarli.

Ipossia e anossia

I termini ipossia e anossia non vanno confusi. Con il primo termine si indica una situazione di carenza di ossigeno, mentre con il secondo si indica la totale assenza di ossigeno a livello cellulare, quindi si potrebbe dire che sia un’ipossia molto più grave.  

“Ipo”, suffisso di ipossia, deriva infatti dal greco “upo” e significa sotto, mentre la “a” davanti alla parola anossia ha valore privativo indicando l’assenza di ossigeno.

Hai trovato questo contenuto utile?
Mostra commenti

Contenuti correlati

Fame nervosa
La fame nervosa può avere una serie di cause, che si distinguono principalmente in due gruppi: cause di tipo psicologico e cause di tipo ...
Bernoccolo
Un bernoccolo è un sintomo di origine traumatica che insorge generalmente sulla fronte dopo aver battuto violentemente la testa.
Uricemia alta
Si parla di Uricemia Alta quando il livello di Acido Urico nel Sangue è superiore ai valori fisiologici di riferimento.