Sei un professionista sanitario? Iscriviti
  1. Pazienti.it
  2. I Nostri Contenuti
  3. Sintomi
  4. Sudore

Sudore

Sudore
Curatore scientifico
Dr. Salvatore Pacenza
Specialità del contenuto
Endocrinologia

Cos'è il sudore?

Il sudore consiste in un liquido incolore dalla composizione molto variabile, distribuita tra varie sostanze come:

Il fenomeno attraverso cui il sudore viene espulso dal corpo viene detto sudorazione. Proprio a causa della presenza di sodio, il sudore ha un sapore leggermente salato. Questo fluido è prodotto da circa quattro milioni di ghiandole sudoripare distribuite nello strato intermedio della cute e presenti in tutto il corpo, in particolar modo in:

  • Fronte
  • Ascelle
  • Cuoio capelluto
  • Palmi delle mani
  • Piante dei piedi

La produzione del sudore permette al corpo di mantenere la temperatura costante. Una persona è in grado di produrre anche fino a un litro e mezzo di sudore all’ora e di espellere fino a 6 litri in sessanta minuti in caso di particolari condizioni climatiche e attività fisica.

Le perdite di acqua devono essere quindi rimpiazzate prontamente. Per questo motivo l’organismo mette in atto una serie di azioni che portano alla sensazione della sete, attraverso l’aumento dell’ormone ADH, cioè l’ormone antidiuretico.

Contemporaneamente, viene rilasciato l’aldosterone, un ormone che incrementa il riassorbimento del sodio a livello renale, per preservare l’equilibrio elettrolitico dell’organismo. 

Cosa si intende per sudore acido?

Il sudore umano, prodotto dalle ghiandole apocrine, è inodore. A renderlo acido, e quindi fortemente puzzolente, è l’accumulo di batteri. Infatti, tali organismi trovano nell’umidità un ambiente perfetto per riprodursi.

La bromidrosi, altro nome con cui si identifica il sudore acido, dipende strettamente dalle abitudini alimentari e in particolar modo da:

  • consumo di bevande alcoliche e caffeina;
  • consumo eccessivo di aglio;
  • consumo eccessivo di cipolla;
  • consumo di alimenti particolarmente speziati. 

Il sudore acido può anche essere causato da situazione particolarmente stressanti e da diverse patologie, quali:

E per sudore freddo?

La sudorazione fredda è caratterizzata da pelle improvvisamente fredda e umida e si presenta in concomitanza con brividi e tremori. Le zone più colpite sono:

  • Mani
  • Ascelle
  • Piedi
  • Schiena

Il sudore freddo può essere sintomo di condizioni patologiche anche gravi come ictus e infarto, ma sono espressione anche di malessere intestinale, dissenteria e indigestione

Altre malattie che possono causare sudore freddo sono:

Dermatite da sudore

La dermatite da sudore consiste in un’infiammazione cutanea che viene innescata proprio dal sudore. L’eritema da sudore è particolarmente comune d’estate, il periodo dell’anno durante il quale si suda di più. La dermatite da sudore provoca:

L’irritazione da sudore può essere facilmente trattata con impacchi di camomilla o di amido di riso, talco mentolato oppure pomate ad azione specifica.

Sudore notturno

L’iperidrosi notturna, ossia sudare di notte in modo abbondante, è una normale reazione alle temperature elevate, nonostante in alcuni casi possa essere segno di determinate patologie e condizioni cliniche, come:

La sudorazione notturna può essere inoltre causata dall’uso di farmaci antidepressivi o da tachicardia notturna. 

Sudore eccessivo

Per diaforesi si intende l’iperidrosi, ossia la sudorazione eccessiva, che può essere localizzata in alcune aeree oppure generalizzata. La diaforesi consiste in una risposta naturale alla necessità di adattamento della temperatura corporea dopo uno sforzo muscolare intenso, oppure può essere causata da un clima particolarmente umido e caldo.

Per diaforesi, tuttavia, si intende il periodo immediatamente successivo all’assunzione di farmaci per trattare gli stati febbrili. Inoltre, nei soggetti obesi si assiste spesso ad un fenomeno di diaforesi localizzata in punti quali ascelle, inguine, mani e fronte.

Questo fenomeno, quando è fortemente invalidante, può essere curato attraverso un’operazione chirurgica nota come simpaticectomia toracica, che prevede l’interruzione dei gangli e delle fibre nervose responsabili della sudorazione eccessiva.  

Test del sudore

Come è stato descritto, il sudore rappresenta una parte importantissima dell’organismo, ma non solo perché equilibra la temperatura corporea ed espelle le tossine. Attraverso il test del sudore, infatti, è possibile diagnosticare la fibrosi cistica, una malattia genetica grave che colpisce spesso l’apparato respiratorio e quello digerente. Questo esame si basa sulla misurazione delle concentrazioni di ioni cloro nel sudore, indotta da stimolazione cutanea ionoforetica.

Il test del sudore è particolarmente indicato per i giovani adulti in cui si sospetta la presenza di fibrosi cistica, in quanto tale malattia è caratterizzata da sintomi molto diversi tra loro, la cui sola presenza non permette di effettuare una diagnosi corretta, come ad esempio:

Per eseguire il test del sudore è necessario stimolare la sudorazione e analizzare il fluido raccogliendolo con carta assorbente particolare. L’esame non provoca dolore dura circa cinque minuti. 

Hai trovato questo contenuto utile?
Mostra commenti

Contenuti correlati

TSH basso
Il TSH è un ormone che regola la attività della tiroide; se basso solitamente segnala una iperattività tiroidea.
Iperfagia
L’iperfagia è un grave disturbo alimentare, caratterizzato da un’insoddisfazione di base e da una voglia estrema di consumare cibo. Una p...
Linfonodo sentinella
Per linfonodo sentinella si intende il primo linfonodo che viene raggiunto da eventuali metastasi ( cellule ) proveniente da un tumore ma...