Arnica

Contenuto di:
Curatore scientifico: Dr. Carmela Loredana Balice, Medico Chirurgo
Indice contenuto:
  1. Quali sono le proprietà dell'arnica?
  2. Cosa trattare con l'arnica?
  3. Come si usa l'arnica?
  4. Altri rimedi naturali, dalle proprietà simili all'arnica

Quali sono le proprietà dell'arnica?

A questa pianta, e in particolari ai suoi fiori, sono attribuite importanti proprietà medicali antinfiammatorie e analgesiche, grazie all’elevata concentrazione di principi attivi in essa presenti, quali:

  • Polifenoli (ad es. prociamidi, lattoni, arnicolide A), che stimolano l’azione delle cellule immunitarie;
  • Oli essenziali, dalle proprietà disinfettati;
  • Timolo, che allevia il dolore.

Cosa trattare con l'arnica?

L’arnica è un rimedio naturale per:

  • Traumi muscolari (ad es. distorsioni, stiramenti, contratture);
  • Traumi ossei o articolari (ad es. artrite, reumatismi);
  • Traumi esterni (ad es. lividi, gonfiori, ferite, emorroidi);
  • Gravi shock psicofisici;
  • Stati di alterazione di coscienza;
  • Emorragie medie o lievi;
  • Interventi chirurgici;
  • Infezioni della pelle (acne, foruncoli, punture di insetto).

Come si usa l'arnica?

In commercio è possibile trovare l’arnica sotto varie forme:

  • Tintura madre di arnica: è una soluzione alcolica preparata con i fiori esiccati. Essendo potenzialmente tossica non va mai utilizzata allo stato puro, è necessario diluirla con 1:5 di acqua. Si utilizza esclusivamente per via esterna con applicazioni di impacchi sulle parti doloranti. L’uso è consigliato in caso di slogature, contusioni, lussazioni e altri fenomeni simili. Essendo una soluzione alcolica, è consigliabile consultare un medico o un farmacista per maggiori indicazioni sul dosaggio e sui tempi di utilizzo. Non è indicata per i soggetti con pelle sensibile.
  • Arnica Gel: un aiuto indispensabile in casa per strappi muscolari, per ematomi, per artrosi, per cicatrizzazione delle ferite. Una soluzione gelatinosa di intensa freschezza da applicare in piccole dosi per 2 o 3 volte al giorno sulla parte dolorante. Dona un’immediata sensazione di sollievo.
  • Decotto: facile da preparare anche in casa, è sufficiente far bollire i fiori di arnica in un litro d’acqua per 5 minuti e filtrate il succo da eventuali residui.  All’occorrenza  applicare il decotto tiepido sulla parte dolorante con l’ausilio di una garza, lasciando riposare per 20 minuti.
  • Granuli: disponibili varie diluzioni, la più diffusa è la 9CH, da assumersi nelle dosi di 5 granuli per 3 o 4 volte al giorno. Diluzioni alla 15CH o all 30CH sono consigliabili in caso di gravi contusioni.

In viaggio o in escursione è utile portare sempre con se l’arnica, preferibilmente in gel o granuli, da utilizzare in caso di piccoli incidenti.

Altri rimedi naturali, dalle proprietà simili all'arnica

Calendula

È una pianta che appartiene alla famiglia delle Composite, tipica delle regioni mediterranee.

È nota per le sue proprietà antispasmodiche e antinfiammatorie, grazie alla riserva di olii essenziali, caroteni, mucillaggini e flavonoidi contenuti nei suoi fiori.

La tintura madre, gli estratti o gli impacchi di calendula sono prevalentemente utilizzati per:

  • Attenuare dolori mestruali e addominali;
  • Attenuare patologie a carico dei tessuti interni (ad es. colite, gastrite, ulcere);
  • Facilitare la cicatrizzazione di ferite, scottature e piccole ustioni;
  • Donare sollievo ad arrossamenti o irritazioni della pelle.

Nux Vomica

È il rimedio omeopatico che deriva dai semi della pianta Strychnos Nux vomica, appartenente alla famiglia delle Loganiaceae coltivata nello Sri Lanka, in Malesia e in Australia.

La presenza di due sostanze, la stricnina e la brucina, conferisce ai fiori di questa pianta importanti proprietà medicali.

Disponibile in gocce o granuli, tale rimedio risulta utile per varie patologie, per:

  • Cefalee, emicrania, vertigini;
  • Nervosismo, irritabilità, sonnolenza, affaticamento;
  • Reflusso, gastrite, singhiozzo, coliche, emorroidi;
  • Sciatalgia, spasmi, crampi, reumatismi;
  • Erezioni eccessive, dolori mestruali o post parto.

Pulsatilla

Genere di pianta erbacea di tipo perenne, fiorisce nel Nord d’America e d’Eurasia. Si distingue per fiori campaniformi di viola scuro con la zona centrale arancione con le foglie ricoperte da una sottile peluria di color argento.

Anch’essa disponibile in tintura madre o in granuli, è impiegata in particolare per alleviare dolori dovuti:

Cocculus

È il frutto dell’Anamirta Cocculus, un arbusto della famiglia delle Menispremacee, coltivato in India.

Idoneo per  contenere molteplici problematiche, tra cui:

  • Eccessiva sudorazione;
  • Vertigini;
  • Artrosi cervicale;
  • Sonnolenza;
  • Cefalea;
  • Gastrite;
  • Coliche.

Prima di utilizzare qualsiasi tipologia di rimedio omeopatico, è bene effettuare una diagnosi presso un medico, per conoscere bene le cause dei disturbi avvertiti ed individuare la terapia (tipologia, dosaggio e durata) più affine.