Herpes genitale femminile

Contenuto di:
Curatore scientifico: Dr. Gianfranco Blaas, Medico Chirurgo
Indice contenuto:
  1. Che cos’è l'herpes vaginale?
  2. Che cosa causa l'infezione?
  3. Quali sono i sintomi dell’herpes vaginale?
  4. Come viene diagnosticato?
  5. Come si cura l'herpes genitale?
  6. Come può essere prevenuto?
  7. Qual è la prognosi?
  8. Come si trasmette l’herpes vaginale?
  9. Quanto è diffuso l'herpes genitale?
  10. Esistono rimedi domestici o trattamenti naturali efficaci?
  11. Quali farmaci trattano l'herpes genitale?
  12. Come è gestito l'herpes genitale durante la gravidanza?
  13. C'è un legame tra l'herpes genitale e l'HIV?

Che cos’è l'herpes vaginale?

Herpes

L'herpes genitale, anche comunemente chiamato “herpes”, è un’infezione virale da virus herpes simplex (HSV) che si trasmette attraverso il contatto intimo con la mucosa infetta della bocca o della vagina o della pelle dei genitali.

Una volta all'interno, attraverso anche microscopiche lesioni di mucose o cute, il virus viaggia verso le radici nervose vicino al midollo spinale e si stabilisce permanentemente.

L'herpes genitale non è da confondere con le verruche genitali. Le verruche genitali, infatti, sono escrescenze color carne che compaiono sulle zone esposte a infezioni genitali sessualmente trasmesse da alcuni tipi di papillomavirus umano (HPV).

Ci sono 2 tipi di HSV:

  • l'Herpes simples virus-1 (HSV-1), che in genere provoca l'herpes labiale;
  • l'Herpes virus simples-2 (HSV-2), che in genere causa l'herpes genitale.

Entrambi i celli di virus dell'herpes simplex possono causare ferite sulle zone genitali.

Che cosa causa l'infezione?

L’HSV-1 spesso provoca bolle nella zona della bocca, mentre l'HSV-2 più spesso causa ulcere genitali o lesioni nella zona intorno all'ano. L'epidemiologia di herpes è strettamente legata al funzionamento del sistema immunitario.

Le donne che hanno un sistema immunitario depresso, a causa di stress, infezioni, o farmaci, hanno epidemie più frequenti e più durature. Si stima che ben 50 milioni di persone negli Stati Uniti siano infette di herpes genitale.

L'herpes genitale è diffuso solo con il contatto diretto da persona a persona. Si ritiene che il 60% degli adulti sessualmente attivi trasportino il virus dell'herpes. Parte del motivo per cui il tasso di infezione continua a essere alto è che la maggior parte delle donne infettate con il virus dell'herpes non sanno di essere infette perché hanno pochi o nessun sintomo.

In molte donne l'unico sintomo può essere prurito lieve o minimo disagio. Inoltre, più a lungo la donna ha avuto il virus, minori sono sintomi che ha. Infine, l'herpes genitale femminile può entrare dalla cervice nella vagina nelle donne che non hanno alcun sintomo. 

Quali sono i sintomi dell’herpes vaginale?

I sintomi dell’herpes genitale sono simili negli uomini e nelle donne.

Una volta esposti al virus, c'è un periodo di incubazione che dura in genere 3-7 giorni prima che una lesione si sviluppi. Durante questo tempo, non ci sono sintomi e il virus non può essere trasmesso ad altri. Un focolaio inizia di solito entro due settimane dall’infezione iniziale e si manifesta come un prurito o una sensazione di formicolio seguita da arrossamento della pelle. Infine, si formano le vesciche e le ulcere.

L'infezione è decisamente contagiosa dal momento del prurito al momento della completa guarigione delle ulcere, di solito entro due-quattro settimane. Tuttavia, come notato sopra, i soggetti infetti possono trasmettere il virus ai loro partner sessuali, in assenza di un focolaio riconosciuto.

Specifici segni e sintomi dell’herpes genitale femminile includono piccole vescicole o bolle piene di liquido sulla vulva e sulla vagina. Quando avviene la rottura delle vescicole, si formano delle ulcere dolorose.

Nella maggior parte delle pazienti, l'infiammazione della cervice è coinvolta (cervicite). La cervicite può essere l'unico segno di herpes genitale in alcune donne. Le donne affette da herpes genitale possono avere dolori durante la minzione con infezioni e infiammazioni dell'uretra (uretrite). 

Molte persone infette da herpes genitale hanno sintomi lievi o sintomi che sono confusi con quelli di un'altra condizione. È anche possibile essere infettati e non avere alcun tipo di sintomi, quindi non tutte le persone che sono state infettate sono a conoscenza dell'infezione.

Quando i sintomi sono presenti, possono includere:

A seguito della prima infezione genitale da herpes alcuni individui possono sviluppare anche altri sintomi come

I sintomi dell'herpes genitale vanno e vengono nel corso della vita di una persona a causa di successive riattivazioni del virus.

I sintomi differiscono leggermente da uomo a donna. Questo tipo di infezioni genitali femminili di solito provoca vesciche e lesioni sulla vulva e intorno l'apertura vaginale, che favoriscono la formazione di ulcere. L'infezione si diffonde fino a coinvolgere, nella maggior parte dei casi, la cervice, portando allo sviluppo della cervicite (infiammazione della cervice).

Negli uomini, invece, l'herpes genitale si può manifestare sotto forma di vesciche sul pene.

Come viene diagnosticato?

L'herpes genitale è sospettato quando alcune dolorose vesciche si formano in una zona esposta sessualmente.

Durante il focolaio iniziale, un campione di fluido può essere inviato al laboratorio per cercare la cultura del virus, ma queste culture restituiscono un risultato positivo in circa il 50% delle persone infettate. In altre parole, un test negativo non è attendibile quanto un risultato positivo del test, perché il test potrebbe essere un falso negativo.

Le culture prelevate durante un focolaio iniziale della condizione hanno maggiori probabilità di risultare positive per la presenza di HSV rispetto alle culture da epidemie successive. Esistono anche esami del sangue in grado di rilevare gli anticorpi ai virus herpes che possono essere utili in alcune situazioni.

Questi test sono specifici per HSV-1 o HSV-2 e sono in grado di dimostrare che una persona è stato infettata, e possono essere utili per identificare l'infezione che non produce i sintomi caratteristici. Tuttavia, a causa dei falsi positivi che possono verificarsi e siccome i risultati dei test non sono sempre chiari, non sono raccomandati per l'uso di routine.

Altri test diagnostici come la reazione a catena della polimerasi (PCR) per identificare il materiale genetico del virus e test di screening rapidi per gli anticorpi vengono utilizzati per identificare l’HSV in alcuni laboratori. 

Come si cura l'herpes genitale?

Anche se non esiste una cura per l'herpes, non ci sono trattamenti per i focolai. Ci sono farmaci per via orale, che impediscono al virus di moltiplicarsi e perfino di ridurre la durata dell'eruzione.

È importante ricordare che non vi è ancora alcuna cura per l'herpes genitale e che questi trattamenti servono solo a ridurre la gravità e la durata dei focolai. Dal momento che l'infezione iniziale con HSV tende ad essere l'episodio più grave, l’uso di un farmaco antivirale per via generale di solito è consigliato. Si possono usare anche parafarmaci ad azione protettiva e lenitiva, che , applicati localmente, diminuiscono la sintomatologia e facilitano la guarigione.(es: Clareva gel).

Questi farmaci possono ridurre significativamente il dolore e diminuire il periodo di tempo in cui le ferite guariscono, ma il trattamento della prima infezione non sembra ridurre la frequenza di episodi ricorrenti. A differenza di un nuovo focolaio di herpes genitale, gli episodi ricorrenti di herpes tendono a essere lievi, e il beneficio dei farmaci antivirali è solo correlato al fatto che la terapia venga avviata nei momenti immediatamente precedenti lo scoppio o entro le prime 24 ore dalla comparsa del focolaio. Pertanto, il farmaco antivirale deve essere fornito al paziente immediatamente. Al paziente viene chiesto di iniziare il trattamento appena avverte la sensazione di “formicolio”. Infine, la terapia soppressiva per prevenire le recidive frequenti può essere indicata per quelle persone che hanno più di sei epidemie in un anno. 

In sintesi, i farmaci da assumere in caso di herpes genitale sono:

  • Farmaci antivirali vengono usati per ridurre la gravità e la frequenza dell'herpes genitale.
  • Alcuni rimedi naturali e possono aiutare ad alleviare e lenire i sintomi, ma non rappresentano una cura.
  • Farmaci antivirali orali possono essere utilizzati anche in gravidanza. Verificare con il proprio ginecologo o medico curante, prima di assumere qualsiasi farmaco, si è in uno stato di gravidanza.

La prognosi di herpes genitale è variabile: non esiste una cura, e le manifestazioni ricorrenti possono variare in frequenza e intensità.

Come può essere prevenuto?

L'herpes può essere trasmesso da una parte del corpo ad un altra durante un'epidemia. Alcune tecniche di prevenzione possono ridurre le possibilità di diffondere l'infezione ad altri.

Pertanto, è importante non toccare gli occhi o la bocca dopo aver toccato le vesciche o ulcere. Un accurato lavaggio delle mani è un must durante le epidemie. L’abbigliamento che viene a contatto con le ulcere non deve essere condiviso con gli altri.

Le coppie che vogliono ridurre al minimo il rischio di trasmissione dovrebbero sempre usare il preservativo se uno dei partner è infetto. Purtroppo, anche quando un partner infetto non ha al momento un focolaio attivo, l'herpes può diffondersi. Si può prendere in considerazione l’evitare ogni contatto sessuale, compresi baci, durante un'epidemia di herpes. È importante evitare il contatto sessuale, dal momento in cui iniziano i sintomi iniziali (se presenti) fino a quando le croste sono sparite.

Dal momento che un focolaio di herpes genitale attivo (con bolle) durante il travaglio e il parto può essere dannoso per il bambino, le donne incinte che sospettano di avere l'herpes genitale dovrebbero riferirne al proprio medico. 

Qual è la prognosi?

Recidive ricorrenti sono la norma per le persone con herpes genitale. Mentre alcune persone possono sviluppare solo uno o due focolai ogni anno, altri avranno fino a otto epidemie in un anno. I sintomi sono più lievi nella maggior parte degli attacchi ricorrenti rispetto all’infezione iniziale.

Se gli attacchi ricorrenti sono gravi (in genere più di sei l'anno), possono essere necessari farmaci antivirali come terapia soppressiva.

Come si trasmette l’herpes vaginale?

L'herpes genitale viene trasmesso mediante qualsiasi tipo di contatto sessuale con l'area genitale di persona infetta, abbia o meno sintomatologia.

  • L'herpes genitale può anche essere causato dal contatto genitale con la bocca di una persona che ha l'herpes labiale o infezione da herpes in bocca.
  • Per l'herpes il contagio da un maschio infetto a una partner di sesso femminile è più probabile che la trasmissione da una donna infetta a un partner maschile.

I primi sintomi di herpes genitale si sviluppano di solito circa quattro giorni dopo il contatto con una persona infetta.

Quanto è diffuso l'herpes genitale?

L'infezione da Herpes simplex virus è molto comune. Tra le persone di età compresa tra 14 e 49 anni, si stima che 1 su 6 (15,5% della popolazione) sia stata infettati dall'HSV-2, il virus che è prevalentemente responsabile dell'herpes genitale. L'infezione virale è più comune nelle donne che negli uomini. Secondo stime dell'OMS, l'HSV-1 infetta il 67% della popolazione mondiale al di sotto dei 50 anni di età.

La maggior parte delle persone infette non è consapevole di esserlo.

Esistono rimedi domestici o trattamenti naturali efficaci?

Non esistono rimedi naturali, l'infezione non può essere curata. E’ consigliabile mantenere le bolle asciutte dopo il lavaggio e indossare biancheria intima in cotone per contribuire a lenire i sintomi.

Quali farmaci trattano l'herpes genitale?

Sono disponibili farmaci antivirali che possono aiutare a gestire la gravità e la durata degli epidemie, se presi immediatamente prima (quando ci sono formicolio o sensazioni di pelle insoliti, ma non la presenza di vesciche) o entro 24 ore da un focolaio.

Questi sono tutti tipicamente presi per bocca. Nei casi gravi di infezione virale, i farmaci antivirali possono essere somministrati per via endovenosa, ma questo non è di solito necessario per l'herpes genitale. I farmaci topici che vengono applicati direttamente sono disponibili anche per le piaghe, ma sono meno efficaci dei farmaci orali e non sono generalmente utilizzati.

Tutti questi farmaci possono anche essere somministrati quotidianamente come terapia soppressiva per ridurre il numero di epidemie nelle persone che hanno frequenti episodi (più di 6 focolai all'anno).

Come è gestito l'herpes genitale durante la gravidanza?

I farmaci antivirali orali possono venir usati durante la gravidanza. Una grave preoccupazione per l'herpes genitale in gravidanza è la trasmissione dell'infezione al bambino durante il parto. Nel bambino, l'infezione genitale da herpes può diffondersi attraverso il flusso sanguigno e avere gravi conseguenze.

Il parto cesareo viene fatto per le donne che entrano in sala parto mentre c'è un focolaio attivo di herpes genitale al fine di prevenire l'infezione del bambino durante la nascita.

C'è un legame tra l'herpes genitale e l'HIV?

Il virus dell'HIV che causa l'AIDS non è lo stesso del virus dell'herpes genitale.

Tuttavia, avere le ulcere e le piaghe da herpes rende più probabile che si possa contrarre l'HIV se si viene esposti o trasmettere l'HIV se si è stati infettati.