Sei un professionista sanitario? Iscriviti
  1. Pazienti.it
  2. I Nostri Contenuti
  3. Anatomia
  4. Apparato Genitale Maschile

Apparato genitale maschile

Apparato genitale maschile
Curatore scientifico
Dr. Andrea Militello
Specialità del contenuto
Andrologia Urologia

Cos'è l'apparato genitale maschile?

Per apparato genitale maschile (o apparato riproduttore maschile), si intende l’insieme di organi e strutture che hanno la funzione di riproduzione sessuale. Questo apparato riproduttore è un complesso di organi sia interni che esterni. L’organo maschile è anche considerato come apparato urinario maschile, poiché dal pene fuoriesce sia lo sperma che l’urina.

Apparato genitale maschile: anatomia

I genitali maschili si sviluppano sia verso l’interno che l’esterno del corpo. All’esterno, sono presenti pene e scroto, una sorta di sacca che contiene testicoli ed epididimi. Gli organi non visibili, invece, sono:

  • vie spermatiche, che hanno la funzione di consentire e facilitare il transito degli spermatozoi e favorirne la maturazione;
  • vescicole seminali, due ghiandole situate al di sopra della prostata, con il compito di secernere una sostanza vischiosa che insieme agli spermatozoi, alle secrezioni della ghiandola prostatica e delle ghiandole bulbouretrali, forma lo sperma;
  • ghiandole bulbouretrali;
  • prostata, o ghiandola prostatica, formata da un tessuto fibroso e muscolare, ha il compito di produrre e conservare liquido seminale, espulso con l’eiaculazione;
  • testicoli, sebbene siano di fondamentale importanza per il corretto funzionamento dell’organo maschile sono posti all’esterno e non all’interno del corpo ben protetti, perché le alte temperature corporee interferiscono con la produzione degli spermatozoi;
  • pene, che costituisce l’ultimo tratto dell’organo riproduttivo maschile e delle vie urinarie, è privo di ossa e cartilagini, ma costituito da un tessuto del tipo spugnoso, ossia i corpi cavernosi, irrorato da molti vasi sanguigni. 

Come funziona l'apparato riproduttore maschile?

Normalmente, il pene si trova in stato di riposo, ossia lo stato contrario all’erezione, che può essere provocata da stimoli sul sistema nervoso di carattere fisico, psichico e sensoriale.

Questi impulsi stimolano l’erezione, che consiste in un improvviso afflusso di sangue nei corpi cavernosi, vuoti a riposo. Il pene a questo punto aumenta di volume e dimensioni, diventando rigido.

Dopo l’eiaculazione, cioè l’uscita del liquido seminale dal pene, il sangue comincia a defluire dai corpi cavernosi, lasciando il pene a riposo e flaccido. 

Malattie dell'apparato genitale maschile

Le patologie che interessano l’apparato riproduttore maschile possono essere numerose, proprio perché sono numerosi gli organi e le strutture che collaborano insieme con lo scopo della funzione di riproduzione e per eliminare le urine.

Le malattie prevalenti dell’organo maschile nei giovani sono quelle a trasmissione sessuale, mentre negli anziani i problemi principali interessano prostata ed erezioni.

I sintomi più comuni sono:

Le malattie più frequenti sono:

  • blenorragia, malattia venerea nota anche con il nome gonorrea;
  • impotenza, impossibilità o difficoltà di andare in erezione;
  • orchite, ingrossamento acuto o cronico di uno o entrambi i testicoli;
  • sterilità, impossibilità di avere figli;
  • tumore alla prostata;
  • varicocele, dilatazione del cordone spermatico;
  • seminoma, tumore maligno che colpisce le cellule germinali dei testicoli;
  • fimosi, restringimento dell’orifizio del prepuzio, che non permette di retrarre il prepuzio del pene oltre al glande;
  • criptorchidismo, mancata discesa dei testicoli nel sacco scrotale, molto diffuso nei primi anni di età dei bambini;
  • malattie a trasmissione sessuale.

Apparato genitale maschile e femminile: le differenze

La principale differenza tra l’apparato genitale maschile e femminile è la posizione. Infatti, mentre le strutture dell’organo maschile sono situate per lo più all’esterno, con pene e testicoli, quello femminile è maggiormente posizionato all’interno. Le donne, infatti, all’esterno presentano le grandi labbra, che rivestono le piccole labbra più sottili e l’uretra.

Nel genere femminile, l’uretra è molto vicina all’ano e questo è spesso causa di infezioni all’apparato riproduttore femminile.

Inoltre, le donne hanno l’utero all’interno del corpo, deputato ad accogliere il feto una volta instaurata la gravidanza, un organo assente negli uomini. Un altro organo completamente assente negli uomini, sono le ovaie, che assolvono la funzione riproduttiva nelle donne producendo regolarmente le cellule uovo, durante il periodo fertile. Questo processo è noto come mestruazione

Le donne, al contrario, non hanno la prostata, l’organo responsabile della produzione di liquido seminale. 

Hai trovato questo contenuto utile?
Mostra commenti

Contenuti correlati

Testicoli
I testicoli, o didimi, sono le gonadi maschili, poste nello scroto, responsabili della produzione del liquido seminale; possono essere co...
Liquido seminale
Il liquido seminale è la secrezione delle gonadi maschili; permette la fecondazione della cellula uovo, in quanto contiene spermatozoi.
Sperma
Lo sperma si presenta come un liquido lattescente prodotto dalle gonadi e da alcune ghiandole annesse all'apparato riproduttivo maschile.