Sei un professionista sanitario? Iscriviti
  1. Pazienti.it
  2. I Nostri Contenuti
  3. Condizioni
  4. Prediabete

Prediabete

Prediabete
Curatore scientifico
Dr. Salvatore Pacenza
Specialità del contenuto
Diabetologia

Cos'è il prediabete?

Con il termine prediabete si indica una condizione in cui il livello di zucchero nel sangue è più alto del normale ma non abbastanza alto da essere diagnosticato un diabete conclamato. È una condizione iniziale che “preannuncia” un disordine nel metabolismo dei glucidi.

Il prediabete è uno stato sul quale è ancora possibile lavorare per cercare di evitare che si trasformi in diabete vero e proprio.

Se, però, il soggetto non adotta i dovuti cambiamenti nel proprio stile di vita, il rischio che il prediabete si trasformi in diabete è concreto. Già nelle fasi del prediabete, il danno a lungo termine al cuore, ai vasi sanguigni e ai reni, potrebbe già essere iniziato.

La progressione da prediabete al diabete non è inevitabile. Mangiare cibi sani, fare attività fisica nella routine quotidiana e mantenere un peso sano può riportare il livello di zucchero nel sangue alla normalità.

Il prediabete colpisce adulti e bambini. Gli stessi cambiamenti nello stile di vita che possono aiutare a prevenire la progressione del diabete negli adulti potrebbero anche riportare i livelli di zucchero nel sangue dei bambini alla normalità.

Quali sono le cause?

La causa esatta del prediabete è sconosciuta. Ma la storia familiare e la genetica sembrano avere un ruolo importante. Anche l'inattività e il grasso in eccesso, specialmente il grasso addominale, sembrano essere fattori importanti. Ciò che è chiaro è che le persone con prediabete non elaborano più correttamente lo zucchero (glucosio). Di conseguenza, lo zucchero si accumula nel sangue invece di essere immagazzinato nelle cellule che formano i muscoli e altri tessuti.

La maggior parte del glucosio presente nel corpo deriva dall’alimentazione. Quando il cibo viene digerito, lo zucchero entra nel flusso sanguigno. Lo spostamento di zucchero dal flusso sanguigno alle cellule del corpo richiede un ormone, l’insulina che viene prodotta dal pancreas.

L'insulina riduce la quantità di zucchero nel sangue, immagazzinando lo zucchero nelle cellule. Quando si ha il prediabete, il meccanismo che regola l’insulina funziona in modo improprio e lo zucchero si accumula nel sangue. La glicemia alta si verifica quando il pancreas non produce abbastanza insulina o le cellule diventano resistenti all'azione dell'insulina.

Quali sono i sintomi di prediabete?

Il prediabete generalmente non dà segni o sintomi. In alcuni casi si verifica una iperpigmentazione della pelle in alcune parti del corpo. Le aree interessate possono includere il collo, le ascelle, i gomiti, le ginocchia e le nocche.

I segni e i sintomi classici che suggeriscono un eventuale passaggio dal prediabete al diabete includono:

Fattori di rischio

Gli stessi fattori che aumentano il rischio di sviluppare diabete aumentano il rischio di sviluppare il prediabete. Questi fattori includono:

  • Peso. Essere in sovrappeso è un fattore di rischio primario per il prediabete. Più grasso si ha, specialmente tra i muscoli e la pelle attorno all'addome, più le cellule diventano resistenti all'insulina.
  • Girovita. Un girovita di grandi dimensioni può indicare resistenza all'insulina. Il rischio di insulino-resistenza sale per gli uomini con la vita superiore a 102 cm e per le donne con la vita più grande di 90 cm.
  • Modelli dietetici. Mangiare carne rossa e insaccati, bere bevande zuccherate, sono comportamenti alimentari associati a un rischio più elevato di prediabete. Una dieta ricca di frutta, verdura, noci, cereali integrali e olio d'oliva è associata ad un minor rischio di prediabete.
  • Inattività. L'attività fisica ti aiuta a controllare il peso, utilizza il glucosio come energia e rende le cellule più sensibili all'insulina.
  • Età. Sebbene il diabete possa svilupparsi a qualsiasi età, il rischio di prediabete aumenta dopo i 45 anni. Ciò può essere dovuto al fatto che le persone tendono a muoversi meno, a perdere massa muscolare e ad aumentare di peso con l'avanzare dell'età.
  • Storia familiare. Il rischio di prediabete aumenta se si ha un genitore o un fratello con diabete.
  • Diabete gestazionale. Se durante la gravidanza la madre ha sviluppato il diabete gestazionale il bambino avrà un rischio maggiore di sviluppare prediabete. 
  • Sindrome dell’ovaio policistico. Questa condizione caratterizzata da cicli mestruali irregolari, eccesso di crescita dei capelli e obesità, aumenta il rischio di prediabete delle donne.

Altre condizioni associate a prediabete includono:

Quando queste condizioni si verificano in soggetti obesi, sono associate all'insulino-resistenza. La combinazione di tre o più di queste condizioni è spesso chiamata sindrome metabolica.

Complicazioni

La conseguenza più grave del prediabete è la progressione verso il diabete di tipo 2; questo perché il diabete di tipo 2 può portare a:

Prevenzione del prediabete

Le scelte di uno stile di vita sano possono aiutare a prevenire il prediabete e la sua progressione verso il diabete di tipo 2. La prevenzione consiste in un cambio dello stile di vita:

Diagnosi di prediabete

Ci sono diversi esami del sangue che permettono di diagnosticare la condizione di prediabete

  1. Test dell'emoglobina glicata (A1C), questo esame indica il livello medio di zucchero nel sangue negli ultimi due o tre mesi. In particolare, il test misura la percentuale di zucchero nel sangue legata all’emoglobina (proteina che trasporta ossigeno nei globuli rossi). Più alti sono i livelli di zucchero nel sangue, maggiore è l'emoglobina legata allo zucchero. In particolare:
    1. un livello di A1C inferiore al 5,7% è considerato normale;
    2. un livello di A1C tra il 5,7 e il 6,4% è considerato prediabete;
    3. un livello di A1C del 6,5% o superiore su due test separati indica diabete di tipo 2.
    • Alcune condizioni possono rendere incerto il test A1C, ad esempio nelle donne in gravidanza o in alcune varianti di emoglobina.
  2. Test di glicemia a digiuno. Un campione di sangue viene prelevato dopo aver digiunato per almeno otto ore o durante la notte. In particolare:
    1. un livello di zucchero nel sangue a digiuno inferiore a 100 milligrammi per decilitro (mg / dl) - 5,6 millimoli per litro (mmol / l) - è considerato normale.
    2. un livello di zucchero nel sangue a digiuno da 100 a 125 mg / dL (da 5,6 a 7,0 mmol / L) è considerato prediabete. Questo risultato è talvolta chiamato glucosio a digiuno alterato.
    3. un livello di zucchero nel sangue a digiuno di 126 mg / dL (7,0 mmol / L) o superiore indica diabete di tipo 2.
  3. Test di tolleranza al glucosio orale. Questo test viene solitamente utilizzato per diagnosticare il diabete solo durante la gravidanza. Un campione di sangue viene prelevato dopo aver digiunato per almeno otto ore o durante la notte. Quindi si fa bere una soluzione zuccherina alla paziente e il livello di zucchero nel sangue verrà misurato di nuovo dopo due ore. In particolare:
    1. un livello di zucchero nel sangue inferiore a 140 mg / dl (7,8 mmol / l) è considerato normale.
    2. un livello di zucchero nel sangue da 140 a 199 mg / dL (da 7,8 a 11,0 mmol / L) è considerato prediabete. Questo è talvolta indicato come tolleranza al glucosio compromessa.
    3. un livello di zucchero nel sangue di 200 mg / dl (11,1 mmol / l) o superiore indica il diabete di tipo 2.

Altri esami che indicano fattori di rischio aggiuntivi per il diabete sono:

  1. Glicemia a digiuno
  2. Emoglobina A1C
  3. Colesterolo totale, HDL, lipoproteine a bassa densità (LDL) e trigliceridi
Hai trovato questo contenuto utile?
Mostra commenti

Contenuti correlati

Diabete gestazionale
Il diabete gestazionale è una condizione di iperglicemia che si sviluppa durante la gravidanza e di solito scompare dopo il parto.