Sei un professionista sanitario? Iscriviti
  1. Pazienti.it
  2. I Nostri Contenuti
  3. Terapie
  4. Alimentazione Parenterale

Alimentazione parenterale

Curatore scientifico
Dr. Pasquale Potestà
Specialità del contenuto
Medicina generale

Che cos’è l’alimentazione parenterale?

L’alimentazione parenterale (alimentazione artificiale) è la somministrazione di particolari sostanze liquide sostitutive degli alimenti attraverso le vene, in pazienti che  non sono in grado di alimentarsi per vie naturali. L’alimentazione parenterale può diventare necessaria per periodi più o meno brevi in corso di certe malattie del tubo digerente per esempio diarree gravi, coliti acute, emorragie gastriche.

La TPN è usata per i pazienti che non possono o non dovrebbero ottenere il loro nutrimento attraverso il mangiare. Il TPN può includere una combinazione di zuccheri e carboidrati (per l'energia), proteine ​​(per la forza muscolare), lipidi (grassi), elettroliti e oligoelementi. La soluzione potrebbe contenere tutte o alcune di queste sostanze, a seconda della condizione.

Anche se la TPN spesso include i lipidi, questi non fanno ingrassare. Tutti hanno bisogno di calorie, proteine ​​e grassi, oltre ad altre sostanze, per rimanere in buona salute. Gli elettroliti includono sodio, potassio, cloruro, fosfato, calcio e magnesio.
Gli oligoelementi includono zinco, rame, manganese e cromo. 
Gli elettroliti sono importanti per mantenere quasi ogni organo del corpo. Aiutano il cuore, muscoli e nervi per funzionare correttamente e impediscono di disidratarsi.

Il fornitore di assistenza sanitaria (medico, infermiere o farmacista) misurerà gli effetti di efficacia e collaterali del trattamento con esami di laboratorio ed esami fisici. L’importante è mantenere tutti gli appuntamenti con il medico e il laboratorio. La durata del trattamento dipende da come si risponde al farmaco.

Quali sono le precauzioni da prendere?

Prima di somministrare la nutrizione parenterale totale, è consigliato assicurarsi di:

  • informare il medico e il farmacista se si è allergici a qualsiasi medicina;
  • informare il medico e il farmacista dei farmaci prescritti e non prescritti che si stanno assumendo, soprattutto Dexamathasone (Decadron), farmaci per il diabete, pressione alta o malattie cardiache, Prednisone, Tetraciclina e vitamine;
  • informare il medico se si soffre di diabete, problemi al cuore, reni, fegato, polmoni o morbo di Addison;
  • informare il medico se si è incinta, se si sta pianificando una gravidanza o si sta allattando al seno, in modo che i rischi e i benefici del ricevere TPN possano essere discussi. Se si continua a ricevere TPN durante la gravidanza o allattamento, il medico può modificare la combinazione di zucchero, proteine, grassi e altri elementi.

Come somministrare il farmaco?

Prima di somministrare TPN, è bene guardare la soluzione da vicino. Dovrebbe essere chiara e priva di materiale galleggiante. Premere delicatamente la sacca o osservare il contenitore della soluzione per assicurarsi che non ci siano perdite. Non usare la soluzione se è scolorita, se contiene particelle o se la borsa ha delle perdite.

È importante utilizzare il farmaco esattamente come prescritto. Non modificare il dosaggio senza aver consultato il medico. Il medico può decidere di interrompere l'infusione se si crea un problema meccanico (come un blocco nel tubo, ago o catetere); se si deve fermare l'infusione, chiamare immediatamente il medico in modo che la terapia possa continuare.

Quali possono essere gli effetti collaterali?

La nutrizione parenterale totale può causare effetti collaterali. Informare subito il medico in caso di:

  • ulcere della bocca
  • scarsa visione notturna
  • cambiamenti della pelle
Se si verifica uno dei seguenti sintomi, chiamare immediatamente il medico:

Come si conserva il farmaco?

Il medico probabilmente darà una fornitura di più giorni di nutrizione parenterale totale alla volta e verrà detto di conservarlo in frigorifero o nel congelatore. La dose successiva va presa dal frigorifero 4-6 ore prima di utilizzarla e metterla in un luogo pulito e asciutto per permettere che torni a temperatura ambiente.

Non ricongelare mai i farmaci.

Conservare il farmaco solo come indicato. Assicurarsi di aver capito di che cosa si ha bisogno per conservare i farmaci in modo corretto.

Cosa fare in caso di emergenza?

In caso di sovradosaggio, chiamare il centro antiveleni. Se la vittima è crollata o non respira, chiamare i servizi di emergenza locali.

Possibili segni di infezione

Se si riceve TPN in vena o sotto la pelle, è necessario conoscere i sintomi di un'infezione da catetere (un'infezione in cui l'ago entra nella vena o pelle). Se si verifica uno di questi effetti nei pressi del proprio catetere endovenoso:

  • calore
  • irritazione
  • drenaggio
  • rossore
  • gonfiore
  • dolore
chiamare immediatamente il medico o chi sta assistendo durante la cura.

Hai trovato questo contenuto utile?
Mostra commenti

Contenuti correlati

Morfina
La morfina è un farmaco utilizzato spesso per alleviare il dolore in malati terminali o pazienti oncologici.
Miorilassanti
I miorilassanti sono farmaci utili per far rilassare la muscolatura dell'organismo. Una panoramica sull'utilizzo, controindicazioni e mio...
Punti di sutura
I punti di sutura sono una procedura chirurgica fondamentale per avvicinare i lembi di una ferita e favorirne la cicatrizzazione.