TSH alto

Contenuto di:

Si parla di TSH alto, quando il livello di ormoni nel sangue supera le 5 microunità per millilitro. Tale condizione si verifca perchè la tiroide lavora poco o l'ipofisi non funziona.

Cos'è il TSH?

Tsh | Pazienti.it

Il TSH (tireotropina o ormone tireotropo) è un ormone prodotto dall’ipofisi anteriore (adenoipofisi), che controlla la produzione e il rilascio degli ormoni tiroidei (T3 o triiodotironina e T4 o tiroxina).

Il funzionamento della tiroide si può intuire dai valori del TSH. I valori del T4 e del T3 vengono dosati come FT4 (tiroxina libera) e FT3 (triiodotironina libera).

I valori di riferimento del TSH sono:

Per i bambini 

  • Bambini nati prematuri (a 28-36 settimane) prima settimana di vita: 0,7-27,0 mIU/L.
  • Bambini nati da 4 giorni: 1-39 mIU/L.
  • Bambini nati da 2-20 settimane: 1,7-9,1 mIU/L.
  • Bambini nati da 21 settimane fino ai 20 anni: 0,7-6,4 mIU/L.

Per gli adulti

  • 21-54 anni: 0,4-4,2 mIU/L.
  • 55-87 anni: 0,5-8,9 mIU/L.

Dutante la gravidanza

  • Primo trimestre: 0,3-4,5 mIU/L.
  • Secondo trimestre: 0,5-4,6 mIU/L.
  • Terzo trimestre: 0,8-5,2 mIU/L.

Quali sono i sintomi di un elevato valore del TSH?

Un elevato valore del TSH è generalmente asintomatico, se non accompagnato da alterazioni degli ormoni T3 e T4. Quando valori elevati del TSH si accompagnano a valori alterati di T3 e T4, i sintomi si sviluppano lentamente e includono:

E ancora:

Esame del TSH: cosa prevede?

L’esame del TSH prevede un prelievo di sangue. Si può anche mangiare, prima dell'esame. Il consiglio è quello di informare il medico di un'eventuale terapia farmacologica che si sta seguendo e che potrebbe alterarne i valori. 

Quando è da considerarsi alto il valore del TSH?

Il TSH è alto quando il suo valore è superiore a 4 mUI/l. Si associa a diverse condizioni patologiche. In caso di TSH alto, bisogna sempre dosare gli ormoni tiroidei, FT3 ed FT4, per valutare la funzionalità della ghiandola tiroidea.

Potrebbe, infatti, presentarsi un caso di ipotiroidismo.

Qual è il trattamento in questi casi?

Non esiste un trattamento standard.

Normalmente, la disfunzione è strettamente correlata all'eziologia del disturbo. In alcuni casi, il TSH alto è dovuto a patologie croniche per cui è necessaria una terapia che dura per tutta la vita. 

Valori alti della tireotropina: quali sono le cause?

L’ipotiroidismo, ovvero una condizione in cui la tiroide produce una minore quantità di ormoni tiroidei, può indurre a un TSH alto

Può succedere anche che l’ipofisi, non in risposta ad una minore produzione di T4 e T3, produca quantità elevate di TSH. Nella grande maggioranza dei casi, il valore alto si accompagna a FT3 e FT4 normali o bassi.

Le cause più comuni del TSH alto sono:

TSH alto ed FT3 FT4 normali: ipotiroidismo subclinico

Quando la tiroide funziona in maniera ridotta, si parla di ipotiroidismo. In questo caso, la ghiandola tiroidea produce una quantità insufficiente di ormoni tiroidei FT3 e FT4. L’ipofisi, per compensare questa carenza, produce maggiori quantità di TSH, che risulterà alto nel sangue.

Nelle fasi iniziali, però, l’aumento della produzione del TSH stimola la tiroide e, a questo stadio, FT3 ed FT4 risultano normali. Si parla di ipotiroidismo subclinico quando il TSH è alto, mentre FT3 ed FT4 sono normali.

TSH elevato ed FT3, FT4 bassi: ipotiroidismo

All’ipotiroidismo subclinico segue l’ipotiroidismo, condizione in cui si ha il TSH alto e gli ormoni FT4 ed FT3 bassi. Ciò vuol dire che l’iperproduzione di TSH da parte dell’ipofisi non basta più a stimolare la tiroide.

Può succedere che l’ipotiroidismo, se trascurato, porta alla formazione di gozzo tiroideo, ovvero l’ingrossamento della ghiandola tiroide.

Ipotiroidismo e TSH alto: quali sono le cause?

Diversi disturbi possono provocare un TSH alto, tra questi: 

  • Ipotiroidismo congenito: spesso causato da un difetto della tiroide, dalla sua mancata formazione (agenesia tiroidea, disgenesia tiroidea, ectopia tiroidea, ipoplasia tiroidea).
  • Tiroidite: causata da un'infezione, spesso vicina alla tiroide, come faringitetonsillite. La cura, in questi casi, è antibiotica. 
  • Tiroidite di De Quervain: nota anche come tiroidite granulomatosa, è causata da un virus e, a volte, curata con Cortisone
  • Tiroidite di Hashimoto: è molto frequente nelle donne (3 casi su 1000 persone), causa un danno cronico e ipotiroidismo.
  • Tiroidectomia subtotale o totale: ovvero la rimozione della tiroide (parziale o totale). 
  • Terapia ormonale tiroidea sostitutiva non adeguata: quando la terapia sostitutiva con ormoni tiroidei va aumentata. 

TSH alto ed FT3, FT4 alti: ipertiroidismo

L’aumentata produzione di ormoni tiroidei da parte della tiroide conduce all’ipertiroidismo, che si può distinguere in primario e secondario. Nell’ipertiroidismo primario, alle elevate concentrazioni di FT3 ed FT4, l’ipofisi risponde producendo meno TSH.

Nell’ipertiroidismo secondario, un’iperproduzione di TSH da parte dell’ipofisi, stimola la tiroide in maniera incontrollata: è il caso in cui sia il TSH che FT3 ed FT4 sono alti. 

TSH alto e ipertiroidismo: quali sono le cause?

Tra le cause del TSH alto con ipertiroidismo, si possono trovare: 

  • Iperpituitarismo: si verifica quando l'ipofisi produce più TSH (adenoma ipofisario o tumori ipotalamici secernenti).
  • Produzione ectopica di TSH: sindrome paraneoplastica che causa la produzione, a livello di neoplasie non ipofisarie, di un ormone simile alla tireotropina.

TSH alto dopo la tiroidectomia

Si intende per tiroidectomia l’asportazione parziale o totale della tiroide. Nel caso di asportazione parziale, la produzione di ormoni tiroidei non è più sufficiente, nel caso di asportazione completa ci sarà un deficit totale di ormoni.

Come meccanismo di compenso, l’ipofisi produrrà più TSH. La presenza di elevati livelli ematici di TSH dopo la tiroidectomia è quindi ovvia ed è indice di inadeguato dosaggio della terapia sostitutiva farmacologica con L-tiroxina.

TSH alto in gravidanza

Durante la gravidanza, i valori di solito sono normali o leggermente più bassi, infatti, vi sono alcune alterazioni fisiologiche, come la presenza della gonadotropina corionica, che determinano la riduzione dei livelli di TSH.

Un TSH elevato in gravidanza può indicare ipotiroidismo, che potrebbe compromettere il corretto sviluppo somato-neurale del nascituro. In questi casi, potrebbe essere necessaria l’assunzione di L-tiroxina.

I valori da tenere presenti in merito sono: 

  • Primo trimestre: 0,3-2,5 mIU/L.
  • Secondo trimestre: 0,5-3,5 mIU/L.
  • Terzo trimestre: 0,8-5,2 mIU/L.

È bene controllare i valori dell'ormone in gravidanza, soprattutto se: 

  • Si ha un'età superiore ai 30 anni.
  • Si ha un'alta familiarità del disturbo.
  • Ci si è sottoposti ad un intervento alla tiroide .
  • Si ha il gozzo tiroideo.
  • Si è positivi agli anticorpi anti tireoperossidasi (anti TPO).
  • Si soffre di diabete mellito.
  • Ci si è esposti a radioterapia.
  • Si è obesi.
  • Si usano farmaci, come amiodarone o litio.

Si parla, dunque, di ipotiroidismo in gravidanza, se i valori sono:

  • TSH maggiore o uguale a 2,5 mIU/L con FT4 ridotto.
  • TSH maggiore o uguale 10 mIU/L con qualsiasi FT4.

Si parla di ipotiroidismo subclinico in gravidanza, se:

  • TSH compreso tra 2,5 e 10 mIU/L con normale concentrazione di FT4.

Alcuni farmaci possono alterare la funzionalità tiroidea?

Esistono alcuni farmaci che possono alterare la secrezione di ormoni tiroidei. 

Tra questi, l’Amiodarone, una sostanza terapeutica antiaritmica, caratterizzata da iodio, che può provocare sia ipertiroidismo, ma anche ipotiroidismo.

Altri farmaci sono:

  • Interferone.
  • Litio.

Argomenti: ipertiroidismo tsh alto TSH ipotiroidismo
Missing | Pazienti.it
TSH

Il TSH è un ormone prodotto dalle cellule dell'ipofisi anteriore. Il TSH agisce sulla tiroide, influendo sulla sua funzionalità. I normali valori del TSH sono di 0,5-5,0 µU/ml.

Tiroide | Pazienti.it
Tiroide

La tiroide è una ghiandola endocrina situata nella regione anteriore del collo. Questa ghiandola sintetizza principalmente due ormoni, la triiodotironina e la tetraiodotironina che influenzano fortemente tutto il nostro metabolismo....

Missing | Pazienti.it
Terapia con iodio 131

La terapia con iodio 131 è un tecnica terapeutica volta a trattare i pazienti affetti da ipertiroidismo o successivamente al trattamento chirurgico in caso di neoplasia tiroidea. Lo iodio 131,...

Missing | Pazienti.it
Tiroidite linfocitaria silente

La tiroidite linfocitaria silente è un'infiammazione della tiroide per effetto della quale il paziente alterna periodi di ipertiroidismo a periodi di ipotiroidismo. La terapia farmacologica mira ad alleviare alcuni sintomi...

Endocrinopatia | Pazienti.it
Endocrinopatia

L’endocrinopatia è il termine comune con cui vengono indicate le malattie delle ghiandole endocrine. Il termine è comunemente anche usato come un termine medico per un problema ormonale.

Missing | Pazienti.it
Antitiroidei

I farmaci antitiroidei hanno lo scopo di inibire la produzione ormonale della tiroide. Questo tipo di medicina agisce più rapidamente rispetto alle terapie con iodio radioattivo e non causa...

Ormoni_tiroidei | Pazienti.it
Ormoni tiroidei

Gli ormoni tiroidei sono alcuni tipi di ormoni prodotti dalla tiroide che hanno la principale funzione di regolare il metabolismo, ma che coadiuvano anche altre funzioni dell'organismo.

Tireoglobulina | Pazienti.it
Tireoglobulina

La tireoglobulina è prodotta dalla ghiandola tiroidea, necessaria per le normali attività metaboliche.

Ipotiroidismo | Pazienti.it
Ipotiroidismo

L'ipotiroidismo è una disfunzione della ghiandola tiroide che non produce abbastanza ormoni tiroidei. Sintomi comuni dell'ipotiroidismo sono stanchezza, aumento di peso e depressione.

Tiroidite_di_hashimoto | Pazienti.it
Tiroidite di Hashimoto

La tiroidite di Hashimoto è una malattia autoimmune consistente nell'infiammazione della ghiandola tiroidea.