Sei un professionista sanitario? Iscriviti
  1. Pazienti.it
  2. I Nostri Contenuti
  3. Malattie
  4. Bartonellosi

Bartonellosi

Batterio della Bartonellosi in Primo Piano
Curatore scientifico
Dr.ssa Gloria Negri
Specialità del contenuto
Medicina generale

Bartonellosi: cos'è

Le bartonellosi sono un gruppo di malattie infettive causate da batteri del genere Bartonella, batteri Gram negativi intracellulari facoltativi che di solito vivono all'interno dei globuli rossi e delle cellule endoteliali.

I batteri appartenenti a tale gruppo, precedentemente precedenza classificati come Rickettsiae, sono responsabili nell’uomo di quattro patologie:
  • malattie di Carrion, "composta" dalla febbre di Oroya (acuta) e dalla verruca peruviana (cronica) causata da Bartonella bacilliforme (vettore Phlebotomus lutzomyia);
  • malattia da graffio di gatto causata da Bartonella henselae;
  • febbre quintana (o delle trincee) causata da Bartonella quintana;
  • angiomatosi batterica e peliosi epatica causata da Bartonella henselae o Bartonella quintana.
In dettaglio, la Bartonella henselae provoca nell’uomo malattia da graffio di gatto, una patologia molto rara viene trasmessa attraverso il graffio o il morso di un gatto infetto dal batterio stesso. Solitamente il gatto si infetta attraverso la puntura da parte di una pulce; poi esso si gratta o si lecca, contaminando la sua bocca e le sue unghie, attraverso le quali la malattia viene trasmessa all’uomo.

L’infezione si manifesta con un’infiammazione a carico della lesione e conseguente ingrossamento di un linfonodo regionale, ovvero di un linfonodo nei pressi del graffio o del morso. Ciò si verifica perché il patogeno, attraverso la circolazione linfatica, raggiunge il linfonodo presso il quale si assiste all’attivazione della risposta immunitaria che determina infiammazione e gonfiore dello stesso.
 
Nel 1909, Al Barton ha descritto gli organismi che aderiscono ai globuli rossi. Il nome Bartonia, poi Bacilliformis Bartonella, è stato utilizzato per l'unico membro del gruppo identificato prima del 1993. Il Rochalimaea, un gruppo simile, è stato recentemente combinato con la Bartonella. Anche se questi organismi sono stati originariamente pensati per essere Rickettsiae, i batteri della Bartonella possono venir coltivati su supporti artificiali, a differenza delle rickettsie.
 
Esistono almeno una dozzina di specie appartengono al genere Bartonella. Tre specie di Bartonella sono attualmente considerate importanti in quanto agenti eziologici di alcune malattie umane.

Specie di bartonellosi

Il Bacilliformis B provoca la febbre di Oroya e la verruca peruviana, mentre il Bartonella henselae provoca la malattia del graffio del gatto e la peliosi del fegato; infine il Bartonella quintana provoca la febbre da trincea.

Sia il Bartonella henselae che il Bartonella quintana possono causare l’angiomatosi bacillare, un’infezione diffusa nelle popolazioni senzatetto e nei pazienti con infezione da HIV.
 
Il Bartonella Candidatus mayotimonensis e il Bartonella Candidatus melophagi sono stati isolati dalla valvola aortica di un paziente con endocardite e nel sangue di 2 pazienti con sintomi compatibili con la cultura della bartonellosi-negativa. Molte di queste altre specie si trovano negli animali. 
 
Recentemente, il Bartonella Candidatus ancashi è stato isolato dal sangue di un paziente con la verruca peruviana in Perù.

Trasmissione

La trasmissione dei batteri appartenenti al genere Bartonella avviene per contatto traumatico con animali infetti o tramite vettori, come le pulci del gatto o altri artropodi ematofagi contaminati.
 
Il Bartonella bacilliformis, che utilizza un flagello polare per la motilità, aderisce e invade i globuli rossi e, dopo il suo ingresso nella cellula, si replica nei vacuoli. Questa specie produce anche una molecola proteiche che agisce come fattore stimolante delle cellule endoteliali, provocando la proliferazione di queste ultime.
 
Il Bartonella henselae e il Bartonella Quintana non si legano agli eritrociti umani nello stesso modo in cui lo fa il Bartonella bacilliformis; tuttavia, questi organismi fanno da legante con la proteina che aderisce e penetra nelle cellule endoteliali. Entrambe le specie avviano la produzione di un fattore cellulare stimolante endoteliale. 
 
Il Bartonella quintana invade anche le cellule endoteliali e forma aggregati batterici che proliferano e formano vesciche intracellulari.

Bartonellosi negli Stati Uniti

 La malattia causata dal Bartonella henselae provoca un’infezione da graffio di gatto che si verifica in una persona su 10.000.
 
Il Bartonella quintana si trova in tutto il mondo e provoca focolai febbrili. La scarsa o la mancata di igiene personale sono strettamente correlate con la trasmissione dal corpo del pidocchio Pediculus humanus.
 
Il Bartonella Quintana sta emergendo come causa di malattia riconosciuta tra le persone senza fissa dimora, alcolizzate e le persone affette da AIDS.. Le persone indigenti all’interno della città di Seattle sono state valutate per gli anticorpi anti Bartonella quintana e circa il 20% di queste persone aveva valori anticorpali di 1:64 o superiore; a confronto, questo valore è stato trovato solo nel 2% dei donatori di sangue. 

Bartonellosi nel mondo

La trasmissione del Bartonella bacilliformis è limitata alle Ande ad altitudini di 1000-3000 metri pertanto i focolai di infezioni del Bartonella bacilliformis si verificano solo in questa zona. 
 
Il Bartonella henselae si trova in tutto il mondo per effetto dei gatti domestici e selvatici; è stato infatti rilevato nei gatti in Germania. Il Ctenocephalides felis, ovvero la pulce del gatto, è un vettore artropode. Il Bartonella henselae e altre specie di Bartonella sono state isolate da zecche, ma la loro competenza nella trasmissione della malattia non è chiara.
 
Uno studio effettuato sulla rabbia clinica e sui donatori di sangue (557 pazienti) ha trovato una sieroprevalenza del 20% circa. I pazienti che hanno subito un morso da un cane avevano una sieroprevalenza più elevata rispetto ai donatori di sangue.
 
In Francia, l’infezione da Bartonella quintana è stata riportata nel 16% dei pazienti ospedalizzati senza casa. Altre specie, come il Bartonella clarridgeiae, possono essere causa di infezione asintomatica nei gatti. Una rassegna di studi provenienti dagli Stati Uniti, dal Giappone e dalla Francia ha dimostrato una stagionalità nella malattia da graffio di gatto.
 
Negli Stati Uniti, la maggior parte dei casi vengono diagnosticati durante gli ultimi 6 mesi dell'anno, in Giappone, la maggior parte della trasmissione avviene da settembre a dicembre, con un picco nel mese di novembre e in Francia la maggior parte dei casi è stata trovata tra settembre e aprile, con un picco a dicembre. Questo è probabilmente legato al tempo, al comportamento riproduttivo dei gatti, alla loro frequenza di contatto con gli esseri umani e all'attività delle pulci. 

Mortalità

La malattia del graffio del gatto di solito provoca adenopatia regionale auto-limitata. L’emiplegia acuta è stata riportata in un bambino di 11 anni. L’encefalopatia è la complicanza neurologica più comune, ma è rara.
 
Il Bartonella henselae è una causa comune di endocardite con la cultura-negativa. La sostituzione della valvola è necessaria in circa l’80% dei casi, ma la prognosi complessiva è buona, con tassi di sopravvivenza superiori all’80%.
 
In un articolo del 2003, l’endocardite è stata associata al Bartonella quintana nel 75% dei casi e al Bartonella henselae nel 25% dei casi. Hanno riferito un tasso di mortalità del 7% tra i 99 pazienti con l’endocardite da Bartonella. 
 
La febbre da trincea è una malattia febbrile recidivante auto-limitata. Le persone interessate recuperano regolarmente, anche senza trattamento
 
Forme disseminate di Bartonellosi si sviluppano in pazienti con infezione da HIV. L’angiomatosi bacillare e l’endocardite con culture-negative sono causate dal Bartonella henselae e dal Bartonella quintana. La peliosi epatica è causata dal Bartonella henselae. La mortalità è bassa, ma le recidive sono comuni, soprattutto con brevi cicli di trattamento.
 
La malattia di Carrión colpisce la popolazione infantile in Perù e in Ecuador. La mortalità nella fase acuta varia a causa di infezioni sovrapposte e altre complicazioni. I tassi di mortalità associati alla fase eruttiva, nota come verruca peruviana, sono estremamente bassi. 

Bartonellosi in gravidanza

Le manifestazioni della malattia da graffio di gatto nelle donne in gravidanza non ha un notevole effetto negativo; nelle donne analizzate è andato tutto bene, tranne un aborto durante il primo trimestre. Non è stato possibile stabilire la causalità alla malattia da graffio di gatto. Non c'erano effetti deleteri sui neonati o conseguenza a lungo termine nelle pazienti.

Storia della Bartonellosi

Attualmente, le specie di Bartonella causano diverse sindromi cliniche, tra cui la malattia dal graffio del gatto (con l’ingrossamento dei noduli e il coinvolgimento di altri organi), la batteriemia, le endocarditi, l’angiomatosi bacillare, la peliosi epatica, la febbre di Oroya e la verruca peruviana. L'incapacità di creare una risposta immunitaria contribuisce a manifestazioni osservate in individui immunodepressi con AIDS avanzati.
 
Malattia da graffio di gatto
 
Gli individui più colpiti hanno un linfonodo ingrossato. Una lesione di inoculazione primaria spesso si sviluppa presso il sito di un morso o di un graffio. Una papula o pustola si sviluppa 5-10 giorni dopo l’accaduto; questa lesione può persistere per alcune settimane. Il DNA del Bartonella henselae può essere cronicamente versato nel sangue periferico durante il corso naturale della malattia.
 
Batteriemia 
 
La febbre da trincea è stata trovata nel personale militare durante la guerra mondiale; ora si osserva in persone senza casa negli Stati Uniti e in Europa.
 
I sintomi della febbre da trincea iniziano con brividi e febbre dopo un periodo di incubazione che va da pochi giorni a un mese. 
 
Di tanto in tanto, il paziente sperimenta solo un singolo episodio febbrile che dura 4 o 5 giorni. Più comunemente, si verificano diversi episodi di febbre. Ogni episodio dura circa 5 giorni, ed è l'origine della denominazione quintana. I pazienti accusano brividi intensi e sudorazione profusa. In altri pazienti, la febbre continua da 2 a 6 settimane.
 
I sintomi associati includono dolori articolari e muscolari, mal di testa, congiuntivite, vertigini e dolore dietro gli occhi. Alcuni pazienti hanno sintomi diffusi senza febbre. Alcuni casi di febbre da trincea diventano cronici con debilitazione, con o senza febbre o dolore, e di tanto in tanto con ipereccitabilità.
 
Nei pazienti con HIV, l'infezione sia da Bartonella henselae che da Bartonella quintana provoca graduale insorgenza di dolore, mal di testa, affaticamento e perdita di peso. La febbre inizia più tardi. La batteriemia persistente con Bartonella henselae può svilupparsi in persone con AIDS.
 
L’encefalopatia è stata associata principalmente al Bartonella henselae. La sindrome di Guillain-Barré, l’idrocefalo e l’encefalopatia sono stati associati all’infezione acuta da Bartonella Quintana
 
Infine la meningite, a causa di un patogeno umano del Bartonella, è stata isolata nel sangue di un paziente, in California; il paziente aveva dei gatti, cani e aveva avuto contatti con gli scoiattoli. 
 
Angiomatosi bacillare e peliosi epatica
 
L’angiomatosi bacillare è stata inizialmente descritta nelle persone con infezione da HIV. Tipicamente, coinvolgeva la pelle e si credeva assomigliasse al sarcoma di Kaposi, ma può colpire altri organi, quali il tratto respiratorio, le ossa, i linfonodi, il tratto gastrointestinale e il cervello. I sintomi dipendono dal sito anatomico coinvolto e possono includere febbre, linfoadenopatia e lesioni cutanee.
 
Febbre di Oroya e verruca peruviana
 
Oltre un secolo fa, uno studente di medicina di nome Daniel Carrión si iniettò nel proprio sangue, attraverso una lesione della pelle, il sangue di un paziente che aveva la verruca peruviana. Sviluppò la febbre di Oroya. Oggi, la febbre di Oroya e la verruca peruviana sono chiamate malattia di Carrión. Prima di questo esperimento, il rapporto tra le malattie era sconosciuto.
 
La batteriemia da febbre di Oroya inizia 3-12 settimane dopo il morso di una mosca infetta. La malattia può variare da lieve a molto grave. Nei casi più gravi, possono verificarsi febbre, brividi, mal di testa, sudorazione, dolori, dispnea, variazioni dello stato mentale. 
 
I pazienti trapiantati
 
L'infezione da Bartonella henselae è rara, ma ha diverse manifestazioni. Una revisione di 29 casi ha provato che la malattia era comune (72%). La febbre è stata riportata in 27 pazienti (93%), la linfoadenopatia in 12 pazienti (41%) e le lesioni cutanee in 7 pazienti (24%).

Bartonellosi: sintomi

L’ingrossamento dei linfonodi si sviluppa da una settimana a 2 mesi dopo l’accaduto. I noduli di solito sono gonfi ed è il primo sintomo. Un attento esame degli spazi interdigitali, delle pieghe della pelle e del cuoio capelluto aumenta la possibilità di trovare la lesione. Da un terzo a due terzi dei pazienti sviluppa febbricola che dura diversi giorni.
 
L’infezione da Bartonella henselae è una delle cause più comuni di febbre di origine sconosciuta e prolungata nei bambini. Uno studio ha dimostrato che l'assenza di linfoadenopatia nei pazienti con malattia da graffio di gatto era strettamente connessa alla presenza di febbre prolungata o di complicazioni sistemiche. Un altro studio su 186 pazienti con diagnosi sierologica della malattia da graffio di gatto ha mostrato che 30 (16,1%) pazienti non avevano linfoadenopatia regionale. Questi pazienti avevano una febbre persistente e complicanze sistemiche più frequenti rispetto ai pazienti con linfoadenopatia. 
 
Malessere e fatica sono comuni. I pazienti a volte sviluppano linfoadenopatia multifocale. La diagnosi deve essere confermata con la dimostrazione di un aumento di 4 volte dei livelli di anticorpi, inizialmente immunoglobuline M, seguita da immunoglobuline G.
 
In alcuni pazienti, l’ipercalcemia complica la malattia da graffio di gatto in linfoadenopatia con la sovrapproduzione di vitamina D, a causa della formazione di granuloma. Raramente la malattia da graffio di gatto si diffonde e provoca l'epatite granulomatosa o granulomi nella milza o nelle ossa. 
 
La sindrome di Parinaud oculoghiandolare segue la contaminazione degli occhi, spesso dalla stessa mano del paziente. Una congiuntivite granulomatosa segue ed è associata a noduli preauricolari ingranditi. Il Bartonella quintana è stato isolato dalla ghiandola parotide di un paziente con parotite acuta.
 
L’encefalopatia è una manifestazione infrequente, ma importante, che si verifica in circa il 2-4% dei pazienti con la malattia da graffio di gatto: diverse centinaia di casi si verificano negli Stati Uniti ogni anno. Le manifestazioni includono mal di testa, irrequietezza, nervosismo, difetti neurologici, come l'afasia, paralisi del nervo cranico, sindrome di Brown-Sequard e atassia. 
 
Le manifestazioni oculari della malattia da graffio di gatto sono numerose. La sindrome di Parinaud oculoghiandolare si sviluppa in circa il 2-3% dei pazienti; i risultati del segmento posteriore comprendono la neuropatia ottica, la neuroretinite, che è la diagnosi.
 
Nella neuroretinite causata dal Bartonella henselae, un’improvvisa perdita della vista può essere il primo sintomo. Il paziente di solito ha una sindrome simil-influenzale precedente o i noduli ingrossati. Un recente rapporto ha descritto una bambina di 10 anni con la malattia da graffio di gatto che ha sviluppato un foro maculare 12 giorni dopo la presentazione della neuroretinite, in associazione ad un distacco del vitreo posteriore. La neuroretinite di solito si risolve spontaneamente. Sono state descritte anche lesioni multifocali corioretiniche. 
 
La mielite trasversa è stata descritta in 3 pazienti con malattie da graffio di gatto, in un caso, per esempio, un paziente di 40 anni aveva la vasculite cronica e una polineuropatia associata a bartonellosi. 
 
L’osteomielite è oiu una manifestazione rara, che si verifica nello 0,2-0,3% dei pazienti con malattia da graffio di gatto; il posto più comunemente attaccato è la colonna vertebrale, ma può essere multifocale. La terapia medica con antibiotici è molto efficace. 

Esami per la bartonellosi

 Una TAC del torace e dell'addome possono rivelare l’ingrossamento dei linfonodi nel mediastino, nel retroperitoneo o nella parte mesenterica. Una TAC o l'ecografia dell'addome possono dimostrare lesioni multiple ipodense nel fegato o nella milza in pazienti con la malattia da graffio di gatto.
 
Nei pazienti con angiomatosi bacillare, una TAC o una RM dell'organo coinvolto mostrano le lesioni captanti. La radiografia delle ossa può mostrare lesioni osteolitiche e di distruzione ossea. Secondo alcuni rapporti, i pazienti con malattia da graffio di gatto possono richiedere l'ecocardiografia per valutare lesioni valvolari. 

Bartonellosi: cura

La terapia per la bartonellosi dipende dalla tipologia di infezione. Essa può quindi includere:

  • Malattia da graffio di gatto – Diverse terapie hanno avuto successo. Questa malattia di solito dura settimane o mesi. Vi verrà consigliata eritromicina o doxiciclina. L’azitromicina ha dimostrato di essere più efficace del placebo nel risolvere la linfadenopatia. Se la scelta terapeutica iniziale ha successo dopo 2-3 settimane, passare ad azitromicina, cotrimossazolo o a un antibiotico chinolonico. La rifampicina in combinazione con l'uso di gentamicina, può venir assunta. La durata usuale della terapia è di 3-6 settimane. I pazienti con HIV richiedono una terapia più prolungata. 
  • Febbre da trincea – Ai pazienti deve essere somministrata una dose di doxiciclina 100 mg per via orale due volte al giorno per almeno 4 settimane. Una più lunga durata della terapia deve essere presa in considerazione nei pazienti immunocompromessi. Inoltre, quando il fegato o gli altri organi sono coinvolti, la durata della terapia è più lunga. 
  • Angiomatosi bacillare – Nelle persone con AIDS e angiomatosi bacillare, le scelte farmaceutici di base includono l'eritromicina, la doxiciclina, l'azitromicina, la claritromicina o il fluorochinolone. La Doxiciclina, in combinazione con la rifampicina è efficace nei pazienti con malattia grave. Tali pazienti spesso richiedono un trattamento prolungato.
  • Infezione da Bartonella B – Il cloramfenicolo è stato stabilito come terapia nei paesi in via di sviluppo, ma la ciprofloxacina o la doxiciclina potrebbero anche  essere utili. Se la fase iniziale non viene trattata, la mortalità può essere superiore al 40%. 
Hai trovato questo contenuto utile?
Mostra commenti

Contenuti correlati

Singhiozzo
Il singhiozzo è un fenomeno normale ed innocuo, anche se talvolta può risultare fastidioso. In casi molto rari, esso può celare una condi...
Nausea
La nausea indica una sensazione di malessere a livello dello stomaco, può essere acuta, di breve durata o prolungata. Spesso anticipa l'e...
Necrosi
La necrosi rappresenta un tipo di danno cellulare irreversibile accompagnato da un processo infiammatorio oppure può rappresentare il cul...