Sei un professionista sanitario? Iscriviti
  1. Pazienti.it
  2. I Nostri Contenuti
  3. Malattie
  4. Disordini Del Metabolismo Del Calcio

Disordini del metabolismo del calcio

Disordini del metabolismo del calcio
Curatore scientifico
Dr.ssa Francesca Spasaro
Specialità del contenuto
Endocrinologia Medicina generale

A cosa serve il calcio?

Il calcio è un minerale di cui l’organismo è molto ricco, e la maggior parte di esso si trova nelle ossa e nei denti. Una piccola quantità di calcio, invece, è presente nei tessuti molli e nei fluidi. L’omeostasi del calcio è importante per garantire il mantenimento di molti processi, tra cui:

  • la coagulazione del sangue;
  • la segnalazione a livello cellulare e la neurotrasmissione;
  • la contrazione muscolare;
  • il funzionamento di alcuni enzimi.
Poiché il calcio è necessario al corretto svolgimento di processi tanto importanti, l’alterazione cronica dei suoi livelli causa diversi sintomi. Disordini del metabolismo del calcio sono:

Che cosa sono i disordini del metabolismo del calcio?

I disordini del metabolismo del calcio si verificato quando nel corpo c'è troppo o poco calcio.

Quali sono le cause dei disordini del metabolismo del calcio?

I disordini del metabolismo del calcio sono dovuti a cause diverse a seconda che si tratti di ipocalcemia o ipercalcemia. L’ipercalcemia è per lo più la conseguenza di una neoplasia maligna, ma può anche derivare da un iperparatiroidismo primitivo. L'ipocalcemia, invece, presenta diverse cause tra cui:

  • riduzione dell’assunzione di prodotti caseari con la dieta
  • riduzione dell’albumina
  • riduzione dell’apporto o dell’attivazione della vitamina D

Quali sono le conseguenze dei disordini del metabolismo del calcio?

I disordini del metabolismo del calcio possono portare a ipocalcemia, diminuizione dei livelli plasmatici di calcio o a ipercalcemia, aumento dei livelli plasmatici di calcio.

Cos’è l’ipocalcemia?

L’ipocalcemia è la condizione in cui la concentrazione sierica di calcio è:

  • inferiore a 2,2 mmol/l;
  • inferiore a 1,2 mmol/l, se si considera il calcio ionizzato.
Tale condizione si sviluppa per varie ragioni:

Particolarmente a rischio di ipocalcemia sono gli anziani, poiché essi tendono a ridurre il consumo di prodotti caseari, ma anche ad esporsi meno alla luce solare, determinando una riduzione dell’apporto e dell’attivazione di vitamina D. Anche l’utilizzo di farmaci e la presenza di malattie croniche, molto diffusi nella popolazione anziana, espongono al rischio di ipocalcemia

La manifestazione clinica dell’ipocalcemia include:

Per la diagnosi, è necessario dosare la calcemia insieme ai dosaggi di:

In caso di ipocalcemia è frequente riscontrare il fosfato in livelli elevati, data la stretta relazione tra il metabolismo del calcio e del fosforo.

Per valutare gli effetti dell’ipocalcemia a livello cardiaco, il paziente deve essere sottoposto ad ECG.

Una volta accertata l’ipocalcemia, la correzione dei livelli di calcio avviene somministrando:

  • calcitriolo;
  • supplementi di calcio;
  • diuretico tiazidico, quando è necessario aumentare l’escrezione di fosfato e ridurre l'escrezione del calcio;
  • gel di idrossido di alluminio o carbonato di calcio, se l’ipocalcemia è dovuta a un eccesso di fosfato;
  • infusione endovenosa di calcio in caso di tetania.

Cos’è l’ipercalcemia?

L’ipocalcemia è la condizione in cui la concentrazione sierica di calcio è:

  • maggiore di 2,6 mmoll/l;
  • maggiore di 1,3 mmol/l, se si considera il calcio ionizzato.
Tale condizione si sviluppa per varie ragioni:

  • iperparatiroidismo (primario e secondario);
  • ipervitaminosi D;
  • ipervitaminosi A;
  • azione di alcuni farmaci;
  • morbo di Paget;
  • insufficienza surrenalica, che aumenta il riassorbimento renale di calcio;
  • neoplasie, che producono sostanze simili alle prostaglandine o al paratormone.
Le neoplasie maligne sono la causa principale di ipercalcemia nella popolazione anziana.

La manifestazione clinica dell’ipercalcemia include:

Per la diagnosi, è necessario dosare la calcemia insieme ai dosaggi di:

  • paratormone;
  • fosfato;
  • 25-idrossicolecalciferolo;
  • proteine sieriche;
  • potassio;
  • bicarbonato.
Una volta accertata l’ipercalcemia, la correzione dei livelli di calcio avviene somministrando:

  • soluzione di cloruro di sodio 0,9% endovena, per reidratare il paziente;
  • furodemide, un diuretico che aumenta l’escrezione del calcio e del sodio;
  • emodialisi nei casi gravi non responsivi ad altri trattamenti;
  • potassio, se vi è perdita;
  • fosfato inorganico endovena, se presente ipofosfatemia;
  • calcitonina o prednisone (in relazione alla causa che ha prodotto l’innalzamento del calcio) per ridurre rapidamente la calcemia;
  • bifosfonato;
  • terapia chirurgica in caso di iperparatiroidismo.
La principale conseguenza dell’ipercalcemia di lungo corso è la precipitazione di fosfato di calcio nei reni, con gravi conseguenze a seguito della produzione di lesioni.

Come si diagnosticano i disordini del metabolismo del calcio?

In sintesi, se i disordini del metabolismo del calcio sono dovuti a un'eccessiva quantità di calcio nel corpo una corretta diagnosi può essere eseguita con:

  • elettroforesi delle proteine sieriche
  • test di funzionalità tiroidea
  • radiografia del torace
Nel caso di ipocalcemia si possono effettuare:

Quali sono i trattamenti per i disordini del metabolismo del calcio?

Il trattamento per i disordini del metabolismo del calcio consiste nella prescrizione da parte del medico di farmaci per abbassare o aumentare la concentrazione di calcio nel sangue rispettivamente per ipercalcemia e ipocalcemia.

Hai trovato questo contenuto utile?
Mostra commenti

Contenuti correlati

Mal di pancia
Il mal di pancia è un disturbo molto comune, anche tra i più piccoli. Può essere causato da un eccesso di aria intestinale, da un virus, ...
Febbre
Con il termine febbre, si indica una temperatura corporea superiore a 38°C. La febbre si verifica quando le difese immunitarie combattono...
Singhiozzo
Il singhiozzo è un fenomeno normale ed innocuo, anche se talvolta può risultare fastidioso. In casi molto rari, esso può celare una condi...