Sei un professionista sanitario? Iscriviti
  1. Pazienti.it
  2. I Nostri Contenuti
  3. Malattie
  4. Infarto Intestinale

Infarto intestinale

Infarto intestinale
Curatore scientifico
Dr. Marialuisa Lugaresi
Specialità del contenuto
Gastroenterologia

Cos'è

Quando si interrompe l’afflusso di sangue in una parte dell’intestino si verifica infarto intestinale, ossia la morte della porzione dell'intestino coinvolta.

L'infarto intestinale fa riferimento a una serie di condizioni che si manifestano quando l'afflusso sanguigno all'intestino viene drasticamente ridotto per via di un vaso sanguigno bloccato, solitamente si tratta di una arteria.

L'infarto o ischemia intestinale colpire l'intestino, il colon o entrambi. 

Sintomi

Il segno dell'ischemia intestinale è il dolore addominale. Altri sintomi di infarto intestinale dipendono se si tratta della patologia in fase acuta, ossia se si manifestano rapidamente e improvvisamente, o cronica, ossia se si sviluppano gradualmente.

Sintomi di ischemia intestinale acuta

Segni e sintomi di ischemia intestinale acuta in genere includono:
  • Dolore addominale improvviso che può essere lieve, moderato o grave
  • Un bisogno urgente di avere un movimento intestinale
  • Movimenti intestinali frequenti e forti
  • Dolore addominale o distensione addominale
  • Sangue nelle feci
  • Confusione mentale negli adulti anziani
Sintomi di ischemia intestinale cronica

Segni e sintomi di ischemia intestinale cronica possono includere:
  • Crampi addominali o pienezza, di solito entro 30 minuti dopo aver mangiato
  • Dolore addominale che peggiora progressivamente nel corso di settimane o mesi
  • Paura di mangiare a causa del dolore successivo
  • Perdita di peso involontaria
  • Vomito
  • Diarrea
  • Nausea
  • Gonfiore
  • Febbre

Cause

Sono diverse le cause di infarto intestinale e di ischemia:
  • Ernia – La fuoriuscita di una parte dell’intestino fuori dalla sua sede può portare ad un'ischemia intestinale
  • Aderenze – L'intestino può anche essere intrappolato nel tessuto cicatriziale causato da precedenti interventi chirurgici (aderenze) che, se non trattate, possono portare all'ischemia
  • Embolo – Ossia un coagulo di sangue dal cuore o dai principali vasi sanguigni può viaggiare attraverso il flusso sanguigno e bloccare una delle arterie che irrorano l'intestino. I pazienti con attacchi cardiaci precedenti, scompenso cardiaco o con aritmie come la fibrillazione atriale sono a rischio di questo problema
  • Trombosi arteriosa – Il lume delle arterie che irrorano l'intestino può ridursi eccessivamente a causa dell’aterosclerosi (accumulo di colesterolo) e ciò può determinare il blocco del vaso. Quando questo accade nelle arterie del cuore, ne consegue un attacco cardiaco. Quando avviene nelle arterie nell'intestino, provoca ischemia intestinale
  • Trombosi venosa – Le vene che trasportano il sangue dall'intestino possono essere bloccate da coaguli di sangue. Questa situazione è più comune nelle persone con epatite, tumori o disturbi di coagulazione del sangue
  • Bassa pressione sanguigna – La pressione sanguigna molto bassa in pazienti con restringimento preesistente delle arterie può causare ischemia intestinale. Ciò si verifica in genere nei pazienti affetti da altre patologie importanti. 

Fattori di rischio

I fattori che possono aumentare il rischio di ischemia intestinale includono:
  • Accumulo di depositi di grasso nelle arterie (aterosclerosi) – Se avete avuto altre condizioni causate da aterosclerosi, come la diminuzione del flusso di sangue al cuore (malattia coronarica), gambe (malattia vascolare periferica) o le arterie che affluiscono al cervello (malattia carotidea arteria). Ha un aumentato rischio di ischemia intestinale.
  • Age – Le persone di età superiore ai 50 anni hanno maggiori probabilità di sviluppare ischemia intestinale.
  • Fumo – Le sigarette e altre forme di tabacco aumentano il rischio di ischemia intestinale.
  • Broncopneumopatia cronica ostruttiva – Enfisema e altre malattie polmonari legate al fumo aumentano il rischio di infarto intestinale.
  • Problemi cardiaci – Il rischio di ischemia intestinale aumenta se si soffre di insufficienza cardiaca congestizia o un battito cardiaco irregolare.
  • Farmaci – Alcuni farmaci possono aumentare il rischio di infarto intestinale. Alcuni esempi includono pillola anticoncezionale e farmaci che dilatano e contraggono i vasi sanguigni, come i farmaci per l'emicrania.
  • Problemi di coagulazione del sangue – Malattie e condizioni che aumentano il rischio di coaguli sanguigni possono aumentare il rischio di ischemia intestinale, come per esempio anemia falciforme e il fattore V Leiden mutazione.
  • Utilizzo di droghe – L'abuso di cocaina e metanfetamine risulta stato collegato al rischio di infarto intestinale.

Prevenzione

Per prevenire un infarto intestinale, è bene seguire un’alimentazione sana e nutriente ed evitare il fumo.
 
Possono inoltre contribuire alla prevenzione di ischemia intestinale i seguenti accorgimenti:

Diagnosi

Esistono una serie di esami utili a diagnosticare l'infarto intestinale, che includono:
  • Test di laboratorio – Questi possono mostrare un elevato numero di globuli bianchi, indice di infezione, e acidosi a livello ematico. 
  • TAC dell’addome – Può mostrare alterazioni dell'intestino. La TAC con contrasto ha sostituito l’angiografia che è più specifica ed accurata ma più invasiva.
  • Angiografia – Un colorante viene iniettato nelle arterie che irrorano l'intestino e sottoposte ai raggi x per mostrare il punto del blocco arterioso. 
Nessuno di questi test è infallibile, e talvolta l'unico modo sicuro per diagnosticare l'intestino ischemico è un intervento chirurgico esplorativo.

Complicazioni

Le complicazioni di ischemia intestinale possono includere:
  • Morte del tessuto intestinale – Se il flusso di sangue all'intestino risulta completamente e improvvisamente bloccato, il tessuto intestinale può morire (cancrena).
  • Perforazione dell'intestino – Si può sviluppare un foro attraverso la parete dell'intestino. Questo provoca perdite nella cavità addominale, causando una grave infezione (peritonite).
  • Cicatrici o restringimento del colon – A volte l'intestino può riprendersi da un'ischemia, ma come parte del processo di guarigione il corpo forma del tessuto cicatriziale che restringe o blocca l'intestino.
In alcuni casi, l'infarto intestinale risulta fatale.

Sopravvivenza

L'ischemia intestinale è una condizione grave che può causare la morte se non trattata prontamente.

La prognosi di infarto intestinale dipende dalla causa. Un buon risultato può essere raggiunto con un trattamento tempestivo.

Trattamento

Il trattamento dell'infarto intestinale richiede solitamente un intervento chirurgico in cui la parte morta dell'intestino viene rimossa.

In alcuni casi, è necessaria una colostomia
Hai trovato questo contenuto utile?
Mostra commenti

Contenuti correlati

Diarrea
La diarrea è un disturbo dell'intestino consistente nell’aumento della frequenza giornaliera dell’evacuazione.
Ernia
Un'ernia si verifica quando gli organi interni spingono verso l'esterno, su parete muscolare e tessuti, producendo il caratteristico rigo...
Nausea
La nausea è la sensazione di vomito e può essere acuta, di breve durata o prolungata. La nausea può avere cause fisiche o psicologiche.