Sei un professionista sanitario? Iscriviti
  1. Pazienti.it
  2. I Nostri Contenuti
  3. Malattie
  4. Infarto Intestinale

Infarto intestinale

Infarto intestinale
Curatore scientifico
Dr. Marialuisa Lugaresi
Specialità del contenuto
Gastroenterologia

Quali sono le cause dell’infarto intestinale?

Sono diverse le cause che possono provocare ischemia e infarto intestinale:

  • Ernia, la fuoriuscita di una parte dell’intestino fuori dalla sua sede può portare ad un'ischemia intestinale.
  • Aderenze, l'intestino può anche essere intrappolato nel tessuto cicatriziale causato da precedenti interventi chirurgici (aderenze) che, se non trattate, possono portare all'ischemia.
  • Embolo, un coagulo di sangue dal cuore o dai principali vasi sanguigni può viaggiare attraverso il flusso sanguigno e bloccare una delle arterie che irrorano l'intestino. I pazienti con attacchi cardiaci precedenti, scompenso cardiaco o con aritmie come la fibrillazione atriale sono a rischio di questo problema.
  • Trombosi arteriosa, il lume delle arterie che irrorano l'intestino può ridursi eccessivamente a causa dell’aterosclerosi (accumulo di colesterolo) e ciò può determinare il blocco del vaso. Quando questo accade nelle arterie del cuore, ne consegue un attacco cardiaco. Quando avviene nelle arterie nell'intestino, provoca ischemia intestinale.
  • Trombosi venosa, le vene che trasportano il sangue dall'intestino possono essere bloccate da coaguli di sangue. Questa situazione è più comune nelle persone con epatite, tumori o disturbi di coagulazione del sangue.
  • Bassa pressione sanguigna, la pressione sanguigna molto bassa in pazienti con restringimento preesistente delle arterie può causare ischemia intestinale. Ciò si verifica in genere nei pazienti affetti da altre patologie importanti. 

Quali sono i sintomi di un infarto intestinale?

Il segno dell'ischemia intestinale è il dolore addominale. Altri sintomi possono essere:

Come viene diagnosticato un infarto intestinale?

test di laboratorio possono mostrare un elevato numero di globuli bianchi, indice di infezione, e acidosi a livello ematico. Una TAC dell’addome può mostrare alterazioni dell'intestino. La TAC con contrasto ha sostituito l’angiografia che è più specifica ed accurata ma  più invasiva.

Nell’angiografia un colorante viene iniettato nelle arterie che irrorano l'intestino e sottoposte ai raggi x per mostrare il punto del blocco arterioso. Nessuno di questi test è infallibile, e talvolta l'unico modo sicuro per diagnosticare l'intestino ischemico è un intervento chirurgico esplorativo.

Come viene trattato un infarto intestinale?

Il trattamento richiede solitamente un intervento chirurgico in cui la parte morta dell'intestino viene rimossa. In alcuni casi, è necessaria una colostomia

Qual è la percentuale di sopravvivenza in caso di infarto intestinale?

L'ischemia intestinale è una condizione grave che può causare la morte se non trattata prontamente. La prognosi dipende dalla causa. Un buon risultato può essere raggiunto con un rapido trattamento.

Come prevenire l’infarto intestinale?

Seguire un’alimentazione sana e nutriente ed evitare il fumo può aiutare a prevenire questa malattia. Il trattamento tempestivo delle ernie e il controllo di fattori di rischio quali aritmie cardiache, ipertensione arteriosa, trigliceridi alti e il mantenimento di buoni livelli di colesterolo HDL, possono aiutare nella prevenzione.

Hai trovato questo contenuto utile?
Mostra commenti

Contenuti correlati

MRGE
La malattia da reflusso gastroesofageo, detta anche MRGE, è una patologia che interessa l'apparato gastroesofageo. e indica la risalita d...
Ipercloridria
L'ipercloridria è un disturbo che colpisce l'apparato gastrointestinale e che può avere numerose cause; occorre scoprire l'origine del di...
Indigestione (colica addominale)
L'indigestione, medicalmente nota anche come colica addominale, è una condizione in cui lo stomaco