Sei un professionista sanitario? Iscriviti
  1. Pazienti.it
  2. I Nostri Contenuti
  3. Malattie
  4. Gestosi

Gestosi

Gestosi
Curatore scientifico
Dr. Andrea Marsili
Specialità del contenuto
Ginecologia

Cos'è la gestosi

La gestosi, detta anche preeclampsia, è una complicazione della gravidanza caratterizzata da pressione alta e segni di danni a un altro sistema di organi, più spesso il fegato e i reni. La preeclampsia di solito inizia dopo 20 settimane di gravidanza, nelle donne la cui pressione sanguigna era stata normale.

Se non trattata, la preeclampsia può portare a gravi complicazioni, talvolta fatali, sia per la gestante che per il bambino. Il più efficace trattamento della gestosi consiste nel partorire quanto prima. Anche se, dopo aver fatto nascere il bambino, può volerci ancora del tempo prima di guarire del tutto. 

Gestosi in gravidanza

La gestosi gravidica o gestosi in gravidanza è appunto un tipo di gestosi che si verifica durante la gestazione. A seguito di una diagnosi di preeclampsia in gravidanza, se è troppo presto per far nascere il  bambino, bisognerà aspettare che i tempi siano maturi per il parto, ma è comunque necessario evitare i rischi e le complicazioni del caso, per proteggere quindi sé stesse e il bambino.

Gestosi post-partum

Raramente, si verifica la gestosi post-partum, ossia la preeclampsia che permane anche dopo aver partorito. Può infatti volerci del tempo per guarire completamente dalla gestosi, ma è infine possibile tornare in salute.

Soggetti colpiti da gestosi

I soggetti maggiormente colpiti da gestosi sono:

  • nullipare;
  • donne affette da trombofilia congenita e acquisita;
  • donne con ipertensione cronica;
  • donne che hanno sviluppato ipertensione o preeclampsia durante una precedente gravidanza;
  • donne che prima della gravidanza soffrivano di obesità;
  • donne in gravidanza di età inferiore a vent'anni o di età superiore ai quaranta;
  • donne in attesa di un parto gemellare;
  • donne con diabete, malattie renali, artrite reumatoide, lupus o sclerodermia.

Sintomi della gestosi

La gestosi a volte si sviluppa senza sintomi /gestosi asintomatica). Il monitoraggio della pressione sanguigna è fondamentale, perché il primo segno di gestosi è comunemente un aumento della pressione sanguigna; la pressione alta può svilupparsi lentamente, o può avere un esordio improvviso.

Altri segni e sintomi di gestosi possono includere:

  • proteine in eccesso nelle urine (proteinuria) o ulteriori segni di problemi renali;
  • forti mal di testa;
  • cambiamenti nella visione, tra cui perdita temporanea della visione, visione offuscata o sensibilità alla luce;
  • dolore addominale superiore, di solito sotto le costole sul lato destro;
  • nausea o vomito;
  • diminuzione della produzione di urina;
  • diminuzione dei livelli di piastrine nel sangue (trombocitopenia);
  • compromissione della funzionalità epatica;
  • respiro corto, causato da liquido nei polmoni (edema polmonare).
Improvviso aumento di peso e gonfiore, in particolare sul viso e sulle mani. Tuttavia questi sintomi si verificano anche in molte gravidanze normali e, perciò, non sono considerati segni affidabili di gestosi.

Cause della gestosi

L'esatta causa di gestosi coinvolge diversi fattori: gli esperti ritengono che dipenda da una errata placentizzazione: all’inizio della gravidanza, cioè, le arterie che formeranno la placenta (ossia l'organo che nutre il feto durante la gravidanza) non si sviluppano né si evolvono correttamente per inviare il flusso sanguigno alla placenta in maniera efficace.

Nelle donne con gestosi, i vasi sanguigni sembrano non svilupparsi né funzionare correttamente: sono, infatti, più stretti dei normali vasi sanguigni e reagiscono in modo diverso ai segnali ormonali, il che limita la quantità di sangue che può fluire attraverso di loro. Le cause di uno sviluppo anomalo dei vasi sanguigni dipende da: 

Fattori di rischio di gestosi

La preeclampsia, come detto, si sviluppa solo come complicazione della gravidanza. I fattori di rischio della gestosi includono:

  • Storia della preeclampsia − Una storia personale o familiare di gestosi ne aumenta significativamente il rischio.
  • Ipertensione cronica − Se si soffre già di ipertensione cronica, si ha un rischio maggiore di sviluppare gestosi.
  • Prima gravidanza − Il rischio di sviluppare la gestosi è maggiore durante la prima gravidanza.
  • Nuova paternità − Ogni gravidanza con un nuovo partner aumenta il rischio di preeclampsia più di una seconda o terza gravidanza con lo stesso partner.
  • Età − Il rischio di gestosi è maggiore per le donne incinte molto giovani e le donne incinte di età superiore ai 35.
  • Etnia − Le donne nere hanno un rischio maggiore di sviluppare la preeclampsia rispetto alle donne di altre etnie.
  • Obesità − Il rischio di preeclampsia è maggiore se si è soffre di obesità.
  • Gravidanza multipla − La gestosi è più comune nelle donne in attesa di due gemelli, tre gemelli o più.
  • Intervallo tra le gravidanze − Avere bambini a distanza inferiore a due anni o superiore a 10 anni comporta un rischio più elevato di gestosi.
  • Storia di certe condizioni − Soffrire di determinate condizioni prima di restare incinta (come la pressione alta cronica, emicranie, diabete di tipo 1 o di tipo 2, malattie renali, una tendenza a sviluppare coaguli di sangue, o lupus) aumenta il rischio di gestosi.
  • Fecondazione in vitro − Il rischio di gestosi aumenta se il bambino è stato concepito con fecondazione in vitro.

Complicazioni della gestosi

Le principali complicazioni della preeclampsia possono includere:

  • Restrizione della crescita fetale − La gestosi colpisce le arterie che portano il sangue alla placenta. Se la placenta non riceve abbastanza sangue, il bambino può ricevere sangue e ossigeno inadeguati e meno nutrienti. Questo può portare a una crescita lenta, nota come restrizione della crescita fetale, basso peso alla nascita o parto prematuro.
  • Parto prematuro − Se si dispone di gestosi con caratteristiche gravi, potrebbe essere necessario partorire al più presto, per salvare la vita vostra e del bambino. La prematurità può portare alla respirazione e altri problemi per il  bambino. Il ginecologo vi aiuterà a capire quando è il momento ideale per partorire.
  • Distacco della placenta − La gestosi aumenta il rischio di distacco della placenta, una condizione in cui la placenta si separa dalla parete interna dell'utero prima del parto. Un forte distacco può causare un'emorragia grave, che può essere pericolosa sia per la partoriente che per il bambino.
  • Sindrome di HELLP − L'acronimo HELLP sta per emolisi (la distruzione dei globuli rossi), elevati enzimi epatici e bassa conta piastrinica. Tale sindrome è una forma più grave di gestosi, e può rapidamente diventare pericolosa per la partoriente e il bambino. I sintomi della sindrome HELLP includono nausea e vomito, mal di testa e dolore addominale. La sindrome HELLP è particolarmente pericolosa, perché rappresenta un danno a diversi organi. A volte, può svilupparsi improvvisamente, anche prima che la pressione alta venga rilevata.
  • Eclampsia − Quando non si riesce a gestire la preclampsia, si sviluppa l'eclampsia, che essenzialmente consiste di gestosi più le convulsioni. Spesso, però, non ci sono sintomi o segni di avvertimento per prevedere l'eclampsia. Poiché l'eclampsia può avere gravi conseguenze sia per la mamma che per il bambino, il parto diventa necessario, indipendentemente da quanto lunga sia la gravidanza.
  • Altri danni agli organi − La gestosi può causare danni ai reni, fegato, polmone, cuore, occhi, e può causare un ictus o altre lesioni cerebrali. La quantità di lesioni ad altri organi dipende dalla gravità della preeclampsia.
  • Malattie cardiovascolari − Avere una gestosi può aumentare il rischio di sviluppare una futura patologia cardiovascolare. Il rischio è ancora maggiore se si è avuta la preeclampsia più di una volta o se si ha vuto un parto pretermine. Per ridurre al minimo questo rischio, dopo il parto cercare di mantenere il peso forma, mangiare una varietà di frutta e verdura, fare sport regolarmente, e non fumare.

Diagnosi di gestosi

La diagnosi di gestosi si effettua durante una visita ostetrica e prevede il controllo della pressione arteriosa, l'esame delle urine, alcuni esami ematochimici e l’ecografia, che serve per il controllo della placenta e della crescita fetale.

Per diagnosticare la preeclampsia è inoltre necessario avere la pressione alta e una o più delle seguenti complicazioni dopo la 20a settimana di gravidanza:

  • Proteine nelle urine (proteinuria)
  • Un basso numero di piastrine (piastrine basse)
  • Compromissione della funzionalità epatica
  • Segni di problemi renali diversi da proteine nelle urine
  • Liquido nei polmoni (edema polmonare)
  • Cefalea ad esordio nuovo o disturbi visivi.

Prevenire la gestosi

I ricercatori continuano a studiare modi per prevenire la gestosi, ma finora, non sono emerse strategie chiare. Mangiare meno sale, limitare le calorie, o consumare aglio o olio di pesce non riduce il rischio di preeclampsia. È stato inoltre dimostrato che aumentare l'assunzione di vitamina C e vitamina E non apporta alcun beneficio.

In alcuni casi, tuttavia, è possibile ridurre il rischio di preeclampsia con:
  • Aspirina a basso dosaggio − È infatti raccomandabile una dose giornaliera bassa di aspirina a partire dopo 12 settimane di gravidanza.
  • Integratori di calcio − In alcune popolazioni, le donne che hanno carenza di calcio prima della gravidanza, e che non ricevono abbastanza calcio durante la gravidanza attraverso la loro dieta, potrebbero beneficiare di integratori di calcio per prevenire la preeclampsia.
È importante non assumere alcun farmaco, vitamine o integratori senza prima parlare con il medico. Prima di rimanere incinta, specialmente se si è già sofferto di gestosi, è una buona idea essere il più in salute possibile. Se necessario, perdere peso e assicurarsi che altre condizioni, come il diabete, sono ben gestite.

Una volta incinta, prenditi cura di te attraverso una cura prenatale precoce e regolare. Se la preeclampsia viene rilevata presto, voi e il vostro medico potete lavorare insieme per prevenire complicazioni e fare le scelte migliori per voi e il vostro bambino.

Trattamento della gestosi

Il trattamento della gestosi consiste di una terapia medica che prevede l’assunzione di

  • Farmaci antipertensivi − Questi farmaci sono utilizzati per abbassare la pressione sanguigna se è pericolosamente alta. Anche se ci sono molti tipi differenti di farmaci antipertensivi, alcuni non sono sicuri da usare durante la gravidanza. Discutere quindi con il medico se è necessario utilizzare un farmaco antipertensivo durante la gravidanza.
  • Corticosteroidi − Se soffre di una forma grave di preeclampsia, i farmaci corticosteroidi possono temporaneamente migliorare la funzione epatica e piastrinica per aiutare a prolungare la gravidanza. I corticosteroidi possono anche aiutare i polmoni del  bambino a diventare più maturi.
  • Farmaci anticonvulsivanti − Se la preeclampsia è grave, il medico può prescrivere un farmaco anticonvulsivo, come il solfato di magnesio, per prevenire una prima crisi.
Infine, l’espletamento del parto, sia naturale che parto cesareo può essere raccomandato se viene diagnosticata la preeclampsia verso la fine della gravidanza. 
Hai trovato questo contenuto utile?
Mostra commenti

Contenuti correlati

Incontinenza
L'incontinenza è una disfunzione dell'apparato urinario caratterizzata dalla perdita involontaria di urina. Conosciamo un'incontinenza da...
Vaginismo
Si parla di vaginismo quando i muscoli della vagina si contraggono involontariamente ogni qualvolta vi è un tentativo di penetrazione, ch...
Ovaio multifollicolare
L'ovaio multifollicolare è caratterizzato da una quantità di follicoli superiore alla norma, non pienamente maturi. Ciò comporta problemi...