Sei un professionista sanitario? Iscriviti
  1. Pazienti.it
  2. I Nostri Contenuti
  3. Malattie
  4. Ipoglicemia

Ipoglicemia

Ipoglicemia
Curatore scientifico
Dr. Francesca Spasaro
Specialità del contenuto
Endocrinologia

Che cosa è l'ipoglicemia?

L'ipoglicemia è la sindrome clinica che deriva dal basso livello di zucchero nel sangue.

I sintomi possono variare da persona a persona, come la sua gravità. Classicamente, l'ipoglicemia è diagnosticata da un basso livello di zucchero nel sangue, con sintomi che si risolvono quando il livello di zucchero torna alla normalità. Tale condizione non fa bene al nostro corpo perché questo ha bisogno di carburante per funzionare.

Una delle sue principali fonti di combustibile è lo zucchero, che il corpo riceve da ciò che viene consumato sia come zuccheri semplici sia come carboidrati complessi. Per situazioni di emergenza (come il digiuno prolungato), il corpo immagazzina una scorta di zucchero nel fegato come glicogeno. Se questa scorta è necessaria, il corpo passa attraverso un processo biochimico chiamato gluco-neo-genesi (che significa ''fare zucchero nuovo'') e converte queste riserve di glicogeno in zucchero.

Questo processo di conservazione dello zucchero sottolinea che la fonte del combustibile è così importante per noi esseri umani che abbiamo sviluppato un sistema di archiviazione al fine di evitare un periodo di siccità di zucchero. Tra tutti gli organi del corpo, in particolare il cervello dipende quasi esclusivamente dallo zucchero.

Raramente, se assolutamente necessario, il cervello utilizza chetoni come fonte di combustibile, ma questo non viene preferito. Il cervello non può fare suo tutto il glucosio ed è dipendente al 100% dal resto del corpo per il suo sostentamento. Se per qualche ragione, il livello di glucosio nel sangue scende (o se aumenta il fabbisogno del cervello e le esigenze non sono soddisfatte) ci possono essere effetti sulle funzionalità del cervello.

Quali sono i sintomi del basso livello di zuccheri nel sangue?

La risposta biochimica del corpo all’ipoglicemia di solito inizia quando gli zuccheri sono a circa 70. A questo punto, il fegato rilascia le sue scorte e gli ormoni cominciano ad attivarsi. In molte persone, questo processo avviene senza sintomi clinici. La quantità di insulina prodotta declina nel tentativo di impedire un ulteriore calo di glucosio.

Pur essendoci un certo grado di variabilità tra le persone, la maggior parte di solito sviluppa sintomi di glicemia bassa quando i livelli di glucosio nel sangue si abbassano a 60. La prima serie di sintomi sono chiamati adrenergici (o simpatici), perché si riferiscono alla risposta del sistema nervoso alla carenza di zucchero. In questa prima fase i pazienti possono accusare:

Nella maggior parte dei pazienti, questi sintomi sono facilmente riconoscibili. La grande maggioranza dei pazienti con diabete sperimenta solo questo grado di ipoglicemia se sono sotto farmaci o insulina. I pazienti affetti da diabete o che presentano insulino-resistenza dovrebbero essere avvertiti su quello che può accadere se digiunano o abbassano drasticamente l'assunzione di carboidrati.

Questi individui possono anche sperimentare un’ipoglicemia modesta. Chiunque abbia sperimentato un episodio ipoglicemico descrive un senso di necessità urgente di mangiare per risolvere i sintomi. E questo è esattamente il punto di questi sintomi, che agiscono soprattutto come segnali di avvertimento. A questo livello, il cervello è ancora in grado di accedere al glucosio in circolo nel sangue per farne il suo carburante.

I sintomi, dunque, forniscono ad una persona l'opportunità di aumentare i livelli di glucosio nel sangue prima che il cervello venga influenzato. Se una persona non riesce a mangiare qualcosa per aumentare il glucosio nel sangue, questo continua a scendere. Da qualche parte nella gamma dei 50 mg / dl, la maggior parte dei pazienti progredisce verso la gamma neuro-glico-Penic, ossia il cervello non riceve abbastanza glucosio. A questo punto, si arriva a sintomi più gravi, come:

Quali sono le conseguenze dell’ipoglicemia?

Nell’ipoglicemia, quando il livello di glucosio circolante nel sangue diminuisce, il cervello rileva il calo e invia dei messaggi che innescano una serie di eventi, inclusi cambiamenti ormonali e risposte del sistema nervoso che sono volte ad aumentare i livelli di glucosio nel sangue. Diminuisce la secrezione di insulina e di ormoni che favoriscono più elevati livelli di glucosio nel sangue, come:

  • glucagone
  • cortisolo, ormone della crescita

Come accennato in precedenza, c'è una scorta nel fegato di glicogeno che può essere convertita in glucosio rapidamente. Oltre ai processi biochimici che si verificano, l'organismo inizia ad avvisare consapevolmente la persona colpita che ha bisogno di cibo con i segni e i sintomi caratteristici della condizione di ipoglicemia.

Quali sono le cause dell’ipoglicemia?

La carenza di zuccheri è reattiva o non reattiva. Ogni tipo ha cause diverse:

  • reattiva: avviene entro poche ore dopo un pasto. La sovrapproduzione dell'insulina la causa. Può significare che si è a rischio di sviluppare il diabete.
  • non reattiva: non è necessariamente correlata ai pasti e può essere dovuta a una malattia sottostante.

Le cause dell’ipoglicemia non reattiva possono includere:

  • Alcuni farmaci, come quelli usati negli adulti e nei bambini con insufficienza renale
  • Quantità eccessive di alcol, che possono bloccare il fegato nella produzione di glucosio
  • Qualsiasi disturbo che colpisce il fegato, il cuore o i reni
  • Alcuni disturbi alimentari, come l'anoressia
  • Gravidanza

Anche se è raro, un tumore del pancreas può far sì che il corpo produca troppa insulina o una sostanza simile ad essa, con conseguente ipoglicemia. Le carenze dell'ormone possono anche causare la condizione, perché gli ormoni controllano i livelli di glucosio.

Cos’è una crisi ipoglicemica?

Durante una crisi ipoglicemica, il cervello reagisce mandando dei segnali di allarme che lo zucchero nel sangue è diminuito. Solitamente, la persona comincia ad accusare nausea, pallore, sensazione di fame, dolori di stomaco, diplopia, mal di testa, formicolio generalizzato.

Quando la crisi raggiunge l’apice, ci potrebbero essere dei cambiamenti repentini di umore, disturbi visivi, motori e mentali, depressione, incoordinazione neuromuscolare, irritabilità, sudorazione, confusione mentale, sonnolenza.

Chi può sviluppare l’ipoglicemia senza diabete?

L'ipoglicemia senza diabete può verificarsi sia nei bambini che negli adulti. Si corre un rischio maggiore di svilupparla se:

  • Si hanno altri problemi di salute
  • Si soffre di obesità
  • Un componente della famiglia ha il diabete
  • Si hanno subiti alcuni tipi di interventi chirurgici allo stomaco
  • Si soffre di prediabete

Anche se avere il prediabete aumenta il rischio di diabete, non significa che sicuramente si sviluppera il diabete di tipo 2. Dieta e cambiamenti di stile di vita possono ritardare o impedire la progressione da diabete a diabete di tipo 2.

Se il medico diagnostica il prediabete, probabilmente parlerà di cambiamenti di stile di vita, ad esempio seguire una dieta sana e gestire il proprio peso. Perdere il 7% del proprio peso corporeo ed esercitarsi per 30 minuti al giorno, 5 giorni alla settimana riduce il rischio di diabete di tipo 2 del  58%.

Come viene diagnosticata?

L'ipoglicemia può verificarsi in uno stato di digiuno, significa che si è stati per un periodo prolungato senza mangiare. Il medico può chiedere di fare un test di digiuno. Questo test può durare fino a 72 ore. Durante la prova, il sangue verrà monitorato in momenti diversi per misurare il livello di glucosio.

Un altro test è quello di tolleranza a pasto composto. Questo test è per le persone che hanno l’ipoglicemia dopo aver mangiato.

Entrambi i test comporteranno un prelievo di sangue. I risultati sono di solito disponibili entro un giorno o due. Se il livello di zucchero nel sangue è inferiore a 50-70 milligrammi per decilitro, potrebbe essere ipoglicemia. Questo numero può variare da una persona all'altra. Naturalmente, i corpi di alcune persone hanno livelli di zucchero nel sangue più bassi

Come si cura?

Il medico dovrà identificare la causa dell'ipoglicemia per determinare la giusta terapia a lungo termine.

Il glucosio contribuirà ad aumentare i livelli di zucchero nel sangue nel breve periodo. Un modo per ottenere del glucosio aggiuntivo consiste nel consumare 15 grammi di carboidrati. Il succo d'arancia o un altro succo di frutta è un modo semplice per aumentare il livello di glucosio nel sangue. Queste fonti di glucosio spesso correggono correttamente l'ipoglicemia. Meglio mangiare alimenti ad alto contenuto di carboidrati, come pasta e cereali integrali, per sostenere i livelli di zucchero nel sangue dopo un periodo di ipoglicemia.

I sintomi dell'ipoglicemia possono diventare pesanti per alcune persone perchè interferiscono con le routine quotidiane e le attività. Se si soffre di ipoglicemia grave, potrebbe essere necessario assumere compresse al glucosio o glucosio iniettabile.

Quali sono le complicanze associate?

È importante controllare l'ipoglicemia perché può causare problemi di salute a lungo termine. Il corpo ha bisogno di glucosio. Senza il giusto livello, il corpo lotta per eseguire le sue funzioni normali. Di conseguenza, si potrebbe avere difficoltà a pensare chiaramente ed eseguire anche semplici compiti.

Nei casi gravi, l'ipoglicemia può portare a crisi epilettiche, problemi neurologici che possono imitare un ictus o addirittura perdita di coscienza. 

Cosa comporta una glicemia bassa in gravidanza?

Un basso valore di glicemia durante la gravidanza potrebbe provocare il processo di chetosi che a sua volta genera acetone e vomito, togliendo i nutrienti al piccolo che dipende dalla salute della mamma.

Come prevenirla?

Modifiche semplici della dieta possono risolvere episodi di ipoglicemia e possono anche prevenire episodi futuri. Basta seguire questi suggerimenti per prevenire l'ipoglicemia:

  • Seguire una dieta equilibrata e stabile che sia bassa di zucchero e con proteine, fibre e carboidrati complessi.
  • È bene mangiare carboidrati complessi, come le patate dolci, ma evitare di mangiare carboidrati trasformati e raffinati.
  • Mangiare piccoli pasti ogni due ore per aiutare a mantenere stabili i livelli di zucchero nel sangue.
  • Fare uno spuntino: portate sempre uno spuntino con sè. La proteina aiuterà a mantenere lo zucchero nel sistema per un periodo più lungo.
Hai trovato questo contenuto utile?
Mostra commenti

Contenuti correlati

Linfoadenopatia
L’ingrossamento dei linfonodi non sempre è da attribuirsi a cause patologiche, ma la sua persistenza lo rende un fenomeno da indagare, po...
Sindrome metabolica
Si parla di sindrome metabolica quando si fa riferimento a una serie di condizioni endocrinologiche che compaiono contemporaneamente in u...
Tricodinia
La tricodinia è un fastidio che riguarda il cuoio capelluto e che si manifesta con prurito e dolore.