Sei un professionista sanitario? Iscriviti
  1. Pazienti.it
  2. I Nostri Contenuti
  3. Valori Nutrizionali
  4. Fitoterapia

Fitoterapia

Fitoterapia
Curatore scientifico
Dr. Mario Frusi
Specialità del contenuto
Nutrizione Omeopatia

Cos'è la fitoterapia?

Il manganese è un importante oligonutriente. Viene utilizzato da molte classi di enzimi diverse come cofattore.

Il suo ruolo è fondamentale per il trattamento delle reazioni allergiche più frequenti, come orticaria, l’allergia alimentare, la febbre da fieno o l’eczema. Si sono riscontrati benefici anche in caso di emicrania.

Insieme al cobalto, il manganese forma un complesso importante che trova impiego in numerose problematiche quali crampi, colite, ansia, ulcere.

Sono stati riscontrati dei benefici anche per quanto riguarda le alterazioni della pressione sanguigna e disturbi circolatori delle gambe. Confermati anche dei benefici a livello del tratto gastrointestinale.

Insieme al rame agisce in maniera più ampia. Questo composto agisce nei casi di reumatismo, anemia, orticaria, otite, sinusite ed asma. Viene suggerito anche per cistite, diarrea e stipsi, dismenorrea, calo dell’attenzione e spossatezza.

A cosa serve?

La fitoterapia è in grado di curare, fra gli altri, disturbi come insonnia, mal di testa, ansia, dolori muscolari, irritabilità, dolori mestruali, ritenzione idrica, disturbi per i quali i rimedi fitoterapici hanno comprovati effetti benefici.

Fitoterapia e ansia

La fitoterapia viene utilizzata nel trattamento dei disturbi dell’umore e in particolare dei disturbi d’ansia in quanto interviene chimicamente sul piano fisiologico, attraverso i principi attivi presenti nelle piante. La cura avviene comunemente attraverso la somministrazione di rimedi a base di:

  • Passiflora: svolge un'azione sedativa del sistema nervoso centrale con effetti tranquillanti e ansiolitici;
  • Camomilla e melissa: piante con un’azione sul sistema muscolare, aiutano a calmare gli stati ansiosi e la tensione nervosa, attraverso il rilassamento della muscolatura;
  • Tiglio e biancospino: svolgono un'azione ipotensiva che li rende particolarmente indicati per coloro che somatizzano l'ansia e che quindi manifestano tachicardia, palpitazioni, aritmie e pressione alta.

Fitoterapia e omeopatia: quali sono le differenze?

Anche se spesso confuse, esistono alcune sostanziali differenze tra fitoterapia e omeopatia.

In primis, queste si differenziano tra loro in funzione del principio su cui si fondano: l’omeopatia si fonda sul principio “similia similibus curentur”, che prevede la cura di simili con i simili, ovvero per trattare un disturbo bisogna provocare nel soggetto interessato un disturbo simile a quello che sta vivendo. La fitoterapia, invece, si fonda sul principio “contraria contrariis curantur”, ovvero curare i contrari con i contrari.

Omeopatia e fitoterapia si differenziano anche per le modalità di preparazione dei loro rimedi. I preparati omeopatici sono costituiti da dosi infinitesimali di sostanze ottenute mediante processi di diluizione e dinamizzazione, al contrario, i fitoterapici, prevedono lunghi processi meccanici (frantumazione, triturazione o polverizzazione) ed estrattivi che permettono la conservazione delle proprietà terapeutiche iniziali delle sostanze.

Inoltre, i farmaci omeopatici non presentano alcun effetto collaterale o interazione con altri farmaci; al contrario, i fitoterapici possono indurre effetti secondari, allergie e interagire con i medicinali di sintesi modificando la attività e quindi la tossicità di questi ultimi.

Fitoterapia per dimagrire

La medicina naturale ci offre molti rimedi per aiutarci a dimagrire senza il bisogno di ricorrere ai farmaci. I fitoterapici sono spesso utilizzati come rimedi dimagranti, in quanto aiutano a depurare il nostro organismo da tutte quelle sostanze dannose che accumuliamo ogni giorno senza neanche accorgercene.

Tra le piante più efficaci utili a facilitare i processi dimagranti, citiamo: il tarassaco per la sua potente azione disintossicante epatica, la betulla e l’ortica che contribuiscono a depurare e drenare l'organismo, attraverso la diuresi, da assumere preferibilmente lontano dai pasti sotto forma di tisane o integratori.

Un altro rimedio diventato molto popolare negli ultimi anni è la garcinia. Questa pianta aiuta l’organismo a sciogliere i grassi accumulati, quindi a perdere più rapidamente massa grassa. Per chi ha problemi legati allo scarso funzionamento della tiroide è indicata l'assunzione di fucus, un’alga marina.

Corsi di fitoterapia

Il fitoterapeuta, dopo aver conseguito una laurea specialistica in Farmacia, Scienze biologiche o in Chimica e tecnologie farmaceutiche, per diventare tale, deve seguire un master di II livello o un corso di specializzazione in fitoterapia.

Durante il corso viene dato particolare risalto al significato delle piante officinali, all’estrazione dei principi attivi (quindi spremitura, infusione, decozione, macerazione digestione, percolazione, tinture, e via dicendo) alle caratteristiche dei fitocomplementi e al loro impiego per la costituzione di un piano terapeutico personalizzato volto a mantenere o recuperare il benessere.

Hai trovato questo contenuto utile?
Mostra commenti

Contenuti correlati

Nux vomica
La nux vomica o noce vomica è un potente rimedio omeopatico volto a risolvere numerose problematiche di salute.
Nitriti e nitrati
Nitriti e nitrati sono sostanze naturalmente presenti in acqua e vegetali, mentre nelle carni è naturale la presenza di un minimo quantit...
Bicarbonato di sodio
Gli usi del bicarbonato di sodio sono molteplici: è utile per digerire, disinfettare, igienizzare e sbiancare. Entriamo nei dettagli.