Sei un professionista sanitario? Iscriviti
  1. Pazienti.it
  2. I Nostri Contenuti
  3. Sintomi
  4. Cattiva Digestione

Cattiva digestione

Cattiva digestione
Curatore scientifico
Dr. Natale Saccà
Specialità del contenuto
Gastroenterologia

Cosa si intende per cattiva digestione

La cattiva digestione è un'alterazione del normale processo digestivo di scissione degli alimenti in molecole per facilitare l'assorbimento delle sostanze nutritive.

Il sistema digestivo è una parte intricata ed estesa del corpo; esso è responsabile dell'eliminazione dei rifiuti e aiuta il corpo ad assorbire le sostanze nutritive essenziali.

I problemi di digestione possono portare a sintomi imbarazzanti. Minori problemi che non vengono trattati possono portare a malattie più gravi e croniche.

È importante capire la causa di una cattiva digestione, in modo da sapere quando è il momento di parlare con un medico.

Sintomi della cattiva digestione

I sintomi di una cattiva digestione includono:

Un sistema digestivo sano, infatti, non ha solitamente difficoltà a processare i cibi assorbendone i nutrienti e a eliminarne le componenti inessenziali.

Cause della cattiva digestione

Le cause di una cattiva digestione degli alimenti ingeriti possono includere:

  • pasti abbondanti;
  • abuso di alcol;
  • bevande gassate;,
  • bevande fredde
  • cibi fritti o troppo elaborati;
  • masticazione veloce;
  • riposo subito dopo i pasti;
  • fumo;
  • sedentarietà.
Alcune patologie responsabili della cattiva digestione dei pasti includono:

Cos’è la costipazione cronica

La stitichezza continua (costipazione cronica) indica un problema di evacuazione di materiale fecale. Questo si verifica più spesso quando il colon non è più in grado di portare le feci attraverso il resto del tratto digestivo.

Si possono avvertire dolori addominali e gonfiore addominale nonché movimenti intestinali più dolorosi del solito. Assumere abbastanza fibre, bere tanta acqua e svolgere esercizio fisico contribuiranno a frenare la costipazione. I farmaci per la costipazione, noti anche come lassativi, possono anche fornire sollievo in casi più gravi.

Cos’è l’intolleranza alimentare

L'intolleranza alimentare si verifica quando il sistema digestivo non può tollerare determinati alimenti. A differenza delle allergie alimentari, che possono causare anche problemi respiratori, un'intolleranza colpisce solo la digestione.

I sintomi dell'intolleranza alimentare includono:

L'intolleranza alimentare è generalmente diagnosticata utilizzando un diario alimentare. Registrando tutto ciò che si mangia e quando può aiutare a identificare quali alimenti provocano i sintomi.

La malattia celiaca, un disturbo autoimmune, è un tipo di intolleranza alimentare. Causa problemi digestivi quando si mangia il glutine, una proteina del frumento, orzo e segale. Le persone con malattia celiaca devono seguire una dieta senza glutine per ridurre al minimo i sintomi e danni all'intestino tenue.

Cos’è il bruciore di stomaco

Il bruciore di stomaco è un evento occasionale per molti adulti che spesso accompagna la cattiva digestione. Esso si verifica infatti quando gli acidi dello stomaco tornano all'esofago, causando dolore toracico e la sensazione di bruciore.

Se si soffre spesso di bruciore di stomaco, si potrebbe avere una malattia da reflusso gastroesofageo. Tali episodi frequenti possono interferire con la vita quotidiana e danneggiare l'esofago.

I sintomi del reflusso gastroesofageo includono:

Ci potrebbe essere il bisogno di farmaci per controllare il bruciore di stomaco, come gli antiacidi. Un esofago danneggiato può rendere difficile la deglutizione e disturbare il resto del sistema digestivo.

Cos’è la malattia infiammatoria intestinale

La malattia infiammatoria intestinale è un tipo di gonfiore cronico. Colpisce una delle altre parti del tratto digestivo.

Ci sono due tipi di malattia infiammatoria intestinale:

La malattia infiammatoria intestinale può causare disturbi digestivi più generali, come dolore addominale e diarrea. Altri segni di malattia infiammatoria intestinale possono includere:

È importante diagnosticare e trattare una malattia infiammatoria intestinale il più presto possibile. Il trattamento precoce riduce anche i danni al tratto gastrointestinale.

Cattiva digestione e mal di testa

Ci può essere un legame tra mal di testa e cattiva digestione; nausea e vomito, infatti, sono spesso associati con attacchi di emicrania.

La cattiva digestione nei bambini e diverse condizioni che causano sintomi gastrointestinali sono spesso associate con l'emicrania. Queste sindromi possono causare:

  • episodi di vomito;
  • dolore addominale;
  • vertigini
Sono spesso chiamate sindromi periodiche dell'infanzia o sindromi episodiche. Anche se queste sindromi di solito non sono accompagnati da mal di testa, sono comunque considerate una forma di emicrania. In molti casi, infatti, le sindromi periodiche infantili evolvono in emicranie più successivamente nella vita.

Di solito, le persone che sperimentano regolarmente sintomi gastrointestinali (come reflusso, diarrea, stitichezza e nausea) presentano una maggiore prevalenza di mal di testa rispetto a coloro che non hanno sintomi gastrointestinali.

Condizioni digestive, come la sindrome dell'intestino irritabile e celiachia, possono anche essere riconducibili a emicrania. Il trattamento di queste condizioni digestive può aiutare a ridurre la frequenza e la gravità delle emicranie. 

Se si verificano nausea, vomito o diarrea con il mal di testa, parlare con il medico circa le opzioni di trattamento. Il trattamento del mal di testa di solito allevia i sintomi gastrointestinali.

Tuttavia, in alcuni casi, il medico può raccomandare un farmaco anti-nausea o un antidolorifico non orale. Tenete a mente che alcuni farmaci per il dolore, come l'aspirina, ibuprofene e naprossene, possono aumentare la nausea.

Cattiva digestione e tachicardia

Spesso la quantità del cibo ingerito e la velocità di ingestione possono causare un aumento del battito cardiaco o tachicardia.

Gli zuccheri in eccesso e cibi ad alto contenuto di carboidrati, oltre a causare aumento di peso e altri problemi di salute, possono causare palpitazioni cardiache nelle persone che magari già soffrono di ipoglicemia.

Anche gli alimenti ad alto contenuto di sodio possono causare un aumento del battito cardiaco. I cibi confezionati e in scatola potrebbero essere la causa delle palpitazioni cardiache così come i cibi particolarmente grassi o piccanti, che possono causare bruciore di stomaco, spesso accompagnato da palpitazioni.

Molte persone oggi vivono con allergie alimentari e sensibilità ad alcuni alimenti. Mentre i prodotti lattiero-caseari causano reazioni in alcuni individui, altri non possono tollerare frutta secca, alcuni frutti, o molluschi. Indipendentemente da quale cibo specifico innesca i sintomi fisici di un'allergia alimentare, le palpitazioni cardiache sono comuni durante una reazione allergica.

Infine, la maggior parte delle palpitazioni cardiache si risolvono senza intervento medico; tuttavia è sempre bene contattare un medico per accertarne le effettive cause.

Rimedi per la cattiva digestione

Ogni persona sperimenta occasionali sintomi digestivi come mal di stomaco, gas, bruciore di stomaco, nausea, stitichezza o diarrea. Tuttavia, quando questi sintomi si verificano frequentemente, possono causare grave impaccio alla propria vita, nel pubblico e nel privato.

Fortunatamente, la dieta e i cambiamenti di stile di vita possono avere un effetto positivo sulla salute dell'intestino. Qui ci sono alcuni consigli per migliorare la digestione:

  1. Prediligere il cibo genuino e naturale − Diete ad alto contenuto di alimenti lavorati industrialmente sono stati collegati ad un rischio più elevato di disturbi digestivi. Mangiare una dieta a basso contenuto di additivi alimentari, grassi saturi e dolcificanti artificiali può migliorare la digestione e proteggere contro le malattie digestive.
  2. Mangiare molte fibre − Una dieta ricca di fibre promuove movimenti intestinali regolari e può proteggere contro molti disturbi digestivi. Tra i comuni di fibra sono si annoverano la fibra solubile e insolubile, così come prebiotici.
  3. Aggiungere grassi sani alla propria dieta − Un adeguato apporto di grassi migliora l'assorbimento di alcuni nutrienti liposolubili. Inoltre, gli acidi grassi omega-3 riducono l'infiammazione, che può prevenire le malattie infiammatorie intestinali.
  4. Idratarsi spesso − Una insufficiente assunzione di liquidi è una causa comune di stitichezza. Aumentare l'apporto di acqua bevendo spesso e mangiando frutta e verdura con un alto contenuto di acqua.
  5. Gestire lo stress − Lo stress ha un impatto negativo sulla digestione ed è stato collegato a ulcere, stitichezza e diarrea. Ridurre lo stress può quindi migliorare i sintomi digestivi.
  6. Mangiare consapevolmente − Mangiare lentamente e consapevolmente e prestare attenzione a ogni aspetto del cibo, come la sua consistenza, la temperatura e il gusto, può aiutare a prevenire problemi digestivi comuni come indigestione, gonfiore e gas intestinale.
  7. Masticare il cibo prima di deglutirlo − Masticare il cibo serve a scomporlo completamente in modo che possa essere digerito più facilmente. L'atto della masticazione produce anche la saliva, che è necessaria per una corretta miscelazione del cibo nello stomaco.
  8. Fare esercizio fisico − L'esercizio fisico può migliorare la digestione e ridurre i sintomi di stitichezza. Può anche aiutare a ridurre l'infiammazione, ed essere utile nella prevenzione delle condizioni infiammatorie intestinali.
Hai trovato questo contenuto utile?
Mostra commenti

Contenuti correlati

Difficoltà di deglutizione
La difficoltà di deglutizione è una condizione che può essere collegata a disturbi transitori che interessano bocca e gola o può essere p...
Reflusso biliare (vomito biliare)
Il reflusso biliare o vomito biliare è un sintomo che si manifesta attraverso conati di vomito verde. La bile, riversandosi nello stomaco...
Nodo alla gola (bolo isterico)
Il nodo alla gola o bolo isterico è un sintomo associato a numerose patologie; questa sensazione può dipendere da numerose cause, ma occo...