Sei un professionista sanitario? Iscriviti
  1. Pazienti.it
  2. I Nostri Contenuti
  3. Esami
  4. Transaminasi

Transaminasi

Transaminasi
Curatore scientifico
Dr. Tania Catalano
Specialità del contenuto
Ematologia

Cosa sono

Tutti i componenti di un organismo possono reagire tra di loro. Queste reazioni possono avere velocità diversa a seconda del tipo.

La velocità di reazione, negli organismi viventi, viene regolata da catalizzatori che aumentano la velocità con cui avviene la reazione. Questi catalizzatori biologici sono delle particolari proteine dette enzimi.

Le transaminasi (o amino-transferasi) sono enzimi che catalizzano la reazione di trasferimento di un gruppo amminico da un aminoacido ad un chetoacido. Esse sono importanti nella sintesi di aminoacidi, i costituenti delle proteine.

In medicina, sono un importante indicatore di danno epatico. Dal punto di vista clinico, rivestono particolare importanza due transaminasi:
  • Aspartato aminotransferasi (AST), note anche come GOT (transaminasi glutammico ossalacetica)
  • Alanina aminotransferasi (ALT), note anche come GPT (transaminasi glutammico piruvica)

Cosa sono le AST

Sono le aspartato aminotransferasi (o AST) e sono diffuse in concentrazioni diverse nei vari tessuti.

Nell’uomo, la più alta concentrazione è il miocardio cui fanno seguito fegato, cervello, mucosa gastrica, tessuto adiposo, muscoli scheletrici, reni, pancreas, milza, testicoli e globuli rossi.

La localizzazione delle GOT chiarisce come questo enzima aumenti soprattutto nelle affezioni che interessano miocardio e fegato, specialmente nel caso di necrosi cellulare come infarto del miocardio ed epatite virale

Cosa sono la transaminasi ALT?

Sono le alanina aminotransferasi (o ALT) a localizzazione prevalentemente epatica.

L’interesse clinico della determinazione di questi enzimi è strettamente legato alla patologia epatica. Nell’epatite virale, il comportamento della ALT nel siero è sovrapponibile a quello della AST.

Il suo incremento precede la comparsa dell’ittero ed è maggiore rispetto alle AST.

Nell’infarto del miocardio, l’aumento delle ALT, a differenza delle AST, è irrilevante. 

Valori normali

I valori normali delle transaminasi dovrebbero rientrare nei seguenti intervalli:
ALT
  • Uomini: 7-55 U/l
  • Donne: 7-45 U/l
AST
  • Uomini 1-13 anni: 8-60 U/l
  • Uomini adulti: 8-48 U/l
  • Donne 1-13 anni: 8-50 U/l
  • Donne adulte: 8-43 U/l

Transaminasi alte

La presenza di transaminasi alte, ALT e AST, può essere un indicatore di danno epatico. Altri termini impiegati comprendono transaminasemia ed elevati enzimi epatici (sebbene non siano gli unici enzimi nel fegato).

Gli aumenti indotti da farmaci, come quello riscontrato con l'uso di agenti anti-tubercolosi, sono limitati a meno di 100 U/L per ALT o AST.

La cirrosi epatica o l'insufficienza epatica fulminante secondaria all'epatite, raggiungono valori sia per ALT che per AST nell'intervallo > 1000 U/L.

Transaminasi elevate che persistono meno di 6 mesi sono definite acute e quei valori che persistono per 6 mesi o più sono definiti cronici.

In generale, qualsiasi danno al fegato causerà medie elevazioni delle transaminasi, ma la diagnosi richiede la sintesi di molte informazioni, inclusa la storia del paziente, l'esame obiettivo e possibilmente l'imaging o altri esami di laboratorio.

Tuttavia, aumenti esagerati delle transaminasi suggeriscono gravi danni al fegato, come epatite virale, danno epatico dovuto alla mancanza di flusso sanguigno o lesioni da droghe o tossine.

La maggior parte dei processi patologici fa aumentare l'ALT rispetto alla AST; I livelli di AST doppi o tripli di quelli di ALT sono compatibili con la malattia epatica alcolica.

Livelli superiori a 1000 possono essere associati all'epatite ischemica.

Sintomi delle transaminasi alte

Valori di transaminasi alte potrebbero comportare sintomi quali:
In alcuni casi, possono essere asintomatiche o presentare lieve sintomatologia non facilmente riconoscibile.

Cause delle transaminasi alte

La presenza di transaminasi elevate indica, nella maggior parte dei casi, la presenza di danno epatico o cardiaco. Possono, altresì, individuare diabete o disturbi alla tiroide.

Altre condizioni che possono comportare un incremento delle transaminasi sono:
  • Sovrappeso
  • Consumo di alcol
  • Assunzione di farmaci che vengono metabolizzati principalmente a livello epatico
Dunque, tra le più comuni cause di transaminari troviamo:
  • Epatite acuta
  • Epatite cronica
  • Epatite tossica
  • Problemi alla cistifellea
  • Problemi cardiaci
  • Alimentazione poco sana e ricca di grassi
  • Attività fisica intensa
  • Squilibri ormonali causati dalla gravidanza

Transaminasi basse

Il test di funzionalità è un esame del sangue progettato per determinare quanto bene stia funzionando il fegato.

Le concentrazioni di diversi enzimi epatici nel sangue, tra cui l'alanina aminotransferasi, fungono da buoni indicatori di danno epatico.

Alti livelli di alanina aminotransferasi di solito indicano un fegato danneggiato.

Tuttavia, bassi livelli possono essere problematici e dovrebbero essere ulteriormente correlati con altri dati clinici.

Il corpo utilizza l'enzima alanina aminotransferasi per trasferire gruppi amminici, o gruppi NH2, da una molecola all'altra.

L'alanina aminotransferasi degrada l'amminoacido alanina in carburante per le cellule. La degradazione dell'alanina forma una molecola chiamata piruvato. Il piruvato può quindi essere trasformato in energia per le cellule immediatamente o trasformato in glucosio e conservato come grasso.

Altri nomi dell'alanina ammino transferasi includono transaminasi glutammica piruvica sierica e transaminasi alanina o ALT

La maggior parte dell'attività di alanina aminotransferasi avviene nel fegato.

La maggior parte delle volte, bassi livelli di ALT indicano un fegato sano normale, ma potrebbe non essere sempre così. 

Un fegato poco funzionante o non funzionante, privo di livelli normali di attività ALT, non rilascia molte ALT nel sangue una volta danneggiato.

Le persone infettate dal virus dell'epatite C inizialmente mostrano alti livelli di ALT nel sangue, ma questi livelli diminuiscono nel tempo. 

Poiché il test ALT misura i livelli di ALT a un solo punto nel tempo, le persone con infezione cronica da virus dell'epatite C potrebbero aver già sperimentato il picco ALT molto prima che venisse prelevato il sangue per il test ALT.

Infezioni del tratto urinario o malnutrizione possono anche causare bassi livelli di ALT nel sangue.

Transaminasi alte in gravidanza

Durante i mesi di gestazione, è frequente l’incremento delle transaminasi.

Si possono verificare due condizioni che determinano un danno epatico durante la gravidanza: l’infiammazione acuta del fegato e la colestasi intraepatica.

Tra i sintomi dell’infiammazione acuta del fegato ci sono ittero, nausea, vomito e forte dolore addominale.

Questa condizione deve essere trattata adeguatamente per evitare di mettere a rischio la salute e la vita sia della madre che del feto.

A completare la sintomatologia, possono presentarsi eritemi caratteristici e riduzione della produzione di albumina (proteina prodotta a livello epatico), riduzione della protrombina (proteina prodotta dal fegato che ha un ruolo nel processo di coagulazione), bilirubinemia e incremento della fosfatasi alcalina.

Per quanto riguarda la colestasi intraepatica in gravidanza, è una condizione più rara che, solitamente, si manifesta nella seconda metà del periodo gestazionale.

I sintomi tendono a risolversi dopo il parto. Tra i sintomi sono inclusi ittero e prurito associati ad incremento degli acidi biliari e delle transaminasi.

Cosa mangiare

Il fegato aiuta a mantenere una buona salute ed è importante per molte funzioni del corpo tra cui la digestione, il metabolismo, la disintossicazione e la coagulazione del sangue.

Gli enzimi epatici sono proteine ​​che aiutano ad accelerare le reazioni e livelli elevati sono segni di una compromissione epatica che deve essere trattata. La dieta, in tutto ciò, svolge anche un ruolo cruciale:

  • Dieta per purificare il fegato: una dieta di pulizia del fegato può aiutare a bilanciare gli enzimi e le funzioni del fegato. La pulizia del fegato include la riduzione del consumo di carboidrati raffinati come zucchero, pane bianco, pasta, dolci, biscotti e dessert. Evitare anche cibi e bevande zuccherati, cibi fritti e bevande gassate e grassi saturi come margarina, burro. Aumentare frutta e verdura nei pasti e aggiungere l'aglio, che contiene l'antiossidante per ridurre i metalli pesanti nel fegato. Gli alimenti ricchi di vitamine del complesso B come uova, broccoli, spinaci, riso integrale e cereali integrali aiutano a decongestificare il fegato. Aggiungere anche verdure amare come zucca, senape e cicoria alla dieta per promuovere la produzione di bile nel fegato e bere molta acqua per rimuovere le tossine.
  • Detox: il fegato è il principale serbatoio di sangue del corpo. Filtra più di 1,4 litri di sangue al minuto e un quarto di tutto il sangue che lascia il cuore, va al fegato per essere processato. Svolge anche un ruolo importante nel metabolismo dei grassi, dei carboidrati e delle proteine. Gli alimenti che contengono sostanze chimiche come antibiotici e ormoni aumentano il carico di lavoro del fegato perché devono essere filtrati dal corpo. Per ridurre lo stress sul fegato, evitare queste sostanze tossiche, limitando la quantità di pollame, tacchino e manzo; queste carni contengono steroidi, ormoni della crescita e antibiotici. Latte, formaggio e altri prodotti caseari possono contenere queste sostanze. Diminuire questi alimenti dalla dieta e attenersi a pollame, carni e prodotti caseari biologici ogni volta che è possibile. Il latte di soia è un buon sostituto del latte. Evitare anche i dolcificanti artificiali, in quanto contengono sostanze chimiche e alimenti con aromi e colori artificiali.
  • Dieta grezza: una dieta a base di succo crudo aiuta a ridurre il peso e a pulire e rafforzare il fegato. Raccomandabile sia il succo crudo di frutta che verdura per le loro proprietà curative e ringiovanenti concentrate sotto forma di vitamine, minerali e antiossidanti che riducono l'infiammazione e la funzione di equilibrio nel fegato. I succhi di frutta e verdura adatti per equilibrare il fegato includono le mele spremute, che contengono pectina che aiuta a rimuovere i metalli pesanti dall'intestino, pompelmi, barbabietole e carote contenenti potenti antiossidanti e vitamine. Il succo di sedano, cetriolo e cavolo aiutano a bilanciare i livelli di pH e ridurre i rifiuti metabolici nel corpo.
Da preferire cotture al vapore, frutta e verdura fresche e cibi poco grassi come pasta integrale, riso, yogurt magro.

Questi consigli alimentari possono venir seguiti anche dalle donne incinta, evitando ovviamente tutti i cibi che potrebbero nuocere il feto.

Come abbassare il livello delle transaminasi

Alti livelli di transaminasi indicano che qualcosa sta accadendo al fegato, sebbene questo possa anche indicare altre condizioni da  monitorare.

Se dagli esami del sangue risulta un alto livello di questi enzimi, vedere un medico è essenziale per trovare la causa di questa condizione.

Tuttavia, se non vi è alcuna malattia particolare che causa l'alterazione, è possibile abbassarne i livelli seguendo alcune raccomandazioni:
  • Livelli elevati di transaminasi indicano, nella maggior parte dei casi, che si ha una condizione o un danno al fegato. La possibilità di abbassare i livelli apportando modifiche alla dieta o utilizzando rimedi naturali dipende interamente dalla condizione in corso. Se si dispone di livelli elevati di transaminasi, è necessario rivolgersi ad un medico per determinare la causa di queste elevate quantità. Se si soffre di cirrosi epatica, epatite, mononucleosi, ischemia, mancanza di sangue nel fegato, morte del tessuto epatico, tumori o cancro del fegato, è molto importante capire che questi richiedono un trattamento medico specifico e, nel caso di condizioni come la cirrosi, la malattia è cronica e quindi non esiste una cura, anche se il miglioramento dello stile di vita può aiutare molto questa condizione, quindi progredisce più lentamente.
  • Se la transaminasi è elevata a causa dell'infiammazione del fegato, di un fegato grasso, dell'assunzione di droghe o di sostanze tossiche o di qualsiasi altra condizione reversibile, il cambiamento profondo dello stile di vita è essenziale per ridurli e rimettersi in salute.
  • Apportare modifiche alla dieta è importante per abbassare i livelli di transaminasi, quindi è raccomandabile quanto segue: seguire una dieta a basso contenuto di grassi e priva di cibi fritti, impanati e fast food. L'assunzione di carni grasse dovrebbe essere limitata e sostituita dal consumo di carni magre. Anche pasticcini, zucchero e dolci lavorati dovrebbero essere evitati perché sono ricchi di grassi e zuccheri, ingredienti che non apportano benefici al fegato. Per qualsiasi condizione del fegato, eliminare l'assunzione di alcol perché è altamente dannoso per il fegato. Bere almeno 2 litri di acqua al giorno per aiutare a rimuovere il grasso corporeo. Seguire una dieta equilibrata ricca di verdure, carni magre e frutta crea un cambiamento importante per i pazienti con transaminasi elevate. È consigliato per i casi di obesità e di fegato grasso, consultare un nutrizionista per iniziare una dieta che faciliti la riduzione del grasso e la perdita di peso. Se si conduce uno stile di vita sedentario e si segue una dieta malsana, allora la raccomandazione è di iniziare a fare i cambiamenti necessari. Esercitarsi almeno 3 volte alla settimana può apportare un grande cambiamento nella vita, facilitando la rimozione del grasso e aiutando la salute del fegato. Si può iniziare camminando 30 minuti al giorno, sebbene nei casi di obesità si raccomanda di iniziare un piano di attività fisica che promuova la perdita di peso.
  • L'ingestione di alcune piante medicinali sotto forma di infusi può anche aiutare a ridurre le transaminasi e migliorare la salute del fegato, ma queste non dovrebbero essere consumate se si hanno gravi danni al fegato o se si soffre di una malattia cronica in questo organo. 
  • Ci sono un certo numero di alimenti utili per coloro che hanno problemi al fegato che avvantaggiano la purificazione e la pulizia del fegato e garantiscono una vita molto più sana.
Hai trovato questo contenuto utile?
Mostra commenti

Contenuti correlati

Granulociti
I granulociti sono globuli bianchi che presentano, nel loro citoplasma, particolari granulazioni che hanno affinità diverse con i vari co...
IgE (immunoglobuline E)
Le IgE (immunoglobuline E) sono una classe di anticorpi presenti in abbondanti quantità in caso di allergia.
Test sierologici
I test sierologici si eseguono a partire dalle analisi del sangue e servono a identificare gli eventuali anticorpi prodotti dall'organism...