Sei un professionista sanitario? Iscriviti
  1. Pazienti.it
  2. I Nostri Contenuti
  3. Sintomi
  4. Braccia Gonfie

Braccia gonfie

Braccia gonfie
Curatore scientifico
Dr. Biagio Riccardo Santagati
Specialità del contenuto
Angiologia

Braccia gonfie e doloranti

Il gonfiore (edema) del braccio è un indice della presenza di un’infiammazione o di alcuni problemi del sangue o del flusso linfatico (sistema linfatico). Questi possono portare ad avere una sensazione di pesantezza e gonfiore non solo alle braccia anche alle mani e alle dita.

È difficile identificare un'unica causa per il gonfiore delle braccia, perché questo problema deve essere valutato in relazione al gonfiore in tutto il corpo (gonfiore generalizzato) o in aree specifiche (gonfiore localizzato). Il gonfiore del braccio da edema è molto frequente e di solito indica un disturbo circolatorio.

Perché alcune parti del corpo si gonfiano

Il gonfiore, in generale, è definito come l'allargamento della parte anatomica in questione, solitamente un braccio o una gamba, a causa della ritenzione idrica. Il fluido si raccoglie perché il corpo non è in grado di eliminare i liquidi in eccesso.

A volte, alcune parti del corpo subiscono gonfiore: si possono avere, ad esempio: 

Il gonfiore può verificarsi a causa della forza di gravità, soprattutto quando si è in posizione seduta o quando si sta in piedi troppo a lungo.

L'acqua viene naturalmente portata verso il basso, ossia verso le gambe e i piedi. Può succedere a causa di un indebolimento delle valvole delle vene delle gambe (una condizione chiamata insufficienza venosa). Questo problema rende difficile alle vene sospingere il sangue in alto fino al cuore; pertanto esso ristagnare nelle vene (vene varicose), causando inoltre un accumulo di liquido nelle gambe.

Una donna incinta (gravidanza) può accusare edema nelle gambe, perché l'utero crea una pressione sui vasi sanguigni che si trovano nel tronco inferiore del corpo.

Infine, alcune malattie, come un'insufficienza cardiaca congestizia, o una trombosi venosa profonda (tromboflebite), ma anche le malattie ai polmoni, al fegato, ai reni e della tiroide, possono causare edema o peggiorare la situazione. A seconda delle zone colpite, diverse possono esserne le patologie responsabili, tra cui:

Sintomi di braccia gonfie

I sintomi di un braccio gonfio possono essere accompagnati da altri segni, che vanno ad aggiungersi al gonfiore visibile, e includono:

  • Gonfiore – Che provoca la distorsione dell'anatomia del braccio e delle parti collegate ad esso.
  • Dolore – Intorpidimento o formicolio al braccio.
  • Prurito Il prurito che può portare delle eruzioni cutanee evidenti.
  • Aspetto anomalo – Che si traduce in estremo rossore o pallore del braccio.
  • Temerature anomale – Pelle molto calda oppure fredda e umida.
  • Debolezza muscolareDebolezza muscolare o difficoltà di movimento del braccio (fino all’impossibilità di muovere la mano, l'avambraccio o le dita).

Cause delle braccia gonfie

Le cause di braccia gonfie sono numerose ed è spesso causato da un accumulo di liquido in queste aree, chiamato edema.

La causa di edema alle braccia solitamente dipende da:

Ulteriori cause di edema agli arti superiori possono dipendere da:

  • una lesione − come una deformazione o distorsione;
  • sbalzi di temperatura − come il caldo;
  • un morso di insetto o puntura;
  • problemi con i reni, fegato o cuore;
  • un coagulo di sangue;
  • un'infezione.
Importante è in tutti questi casi il fattore temporale, ossia da quanto e in quanto tempo si è verificata la comparsa del "gonfiore". In generale, le condizioni o malattie che possono causare gonfiore al braccio includono:

  • Infiammazioni varie – Infiammazioni dovute a traumi e lesioni dovute per via di corpi contundente e ossa rotte ma anche allo sforzo eccessivo, alle tossine (sostanze velenose, punture di insetti o di serpente), alle ustioni, alle allergie o alle condizioni croniche come l'artrite reumatoide, la sindrome del tunnel carpale o la gotta, possono causare il braccia gonfie e doloranti.
  • Linfedema – Il linfedema è caratterizzato da un accumulo di liquidi e il liquido intrappolato nei tessuti ne causa, solitamente, il diretto rigonfiamento. 
  • Infezione da virus, batteri, protozoi e funghi – Questa si localizza nelle dita, della mano, nell’avambraccio o risulta diffusa su tutto il braccio.
  • Insufficienza venosa – L'insufficienza venosa è causata da disturbi circolatori, ma anche da malattie croniche, lesioni o ostruzioni del sangue (relativo alle vene del braccio).
  • Accumulo di grasso – A causa dell’ipotiroidismo, della sindrome di Cushing o semplicemente dell'aumento di peso, anche se questa deposizione di grasso è graduale ed evidente in tutto il corpo (in quest'ultimo caso, sarà sufficiente fare esercizi per far dimagrire le braccia).
Altre cause di gonfiore delle braccia possono includere:

Diagnosi delle braccia gonfie

Per ottenere una diagnosi di edema agli arti superiori, è importante prendere nota dei fattori che causano i ripetuti episodi di gonfiore del braccio.

Ancora più importante, si consiglia di prendere nota se il gonfiore è unilaterale o bilaterale, cioè che interessa entrambe le braccia, in quanto ciò potrebbe indicare una natura localizzata o generalizzata della condizione.

Rimedi per le braccia gonfie

Il trattamento per le braccia gonfie dipende dall'individuazione della causa del gonfiore. È comunque sconsigliato applicare un impacco di ghiaccio o immergere la mano nell’acqua ghiacciata se non si è ancora identificata la causa del gonfiore. Applicare oggetti freddi sulla parte gonfia, però, può essere utile in caso si sia verificato un trauma immediatamente dopo la lesione.

Ecco alcuni farmaci che possono ridurre il gonfiore alle braccia:

  • Diuretici – I diuretici possono venir prescritti per ridurre il gonfiore, ma possono avere anche degli effetti collaterali. Questi farmaci spostano i fluidi attraverso il sistema linfatico e di solito vengono prescritti quando il problema deriva da malattie cardiache, da un’insufficienza epatica o renale. Bisogna però ricordare che un grave inconveniente nell'utilizzo dei diuretici è che possono aumentare la produzione di potassio, che diventerebbe critico per il paziente. 
  • Farmaci anti-infiammatori – I farmaci anti-infiammatori non steroidei (FANS) possono essere utili nel ridurre il gonfiore causato dall’infiammazione, alleviando qualsiasi dolore.
  • Antistaminici e corticosteroidi – Gli antistaminici e i corticosteroidi possono lenire il gonfiore causato dalle allergie o dalle punture di insetti. Nel caso di un morso di serpente, consultate immediatamente un medico se vedete che il gonfiore del braccio è accompagnato da necrosi (morte del tessuto), anche perché il veleno di serpente può finire per entrare nella circolazione sanguigna, causando la morte.
In alcuni casi, le braccia gonfie dipendono da gravi patologie cardiovascolari come lo scompenso cardiaco, l’insufficienza renale, l’insufficienza epatica, gli aneurismi e le trombosi. Queste condizioni devono essere identificate e trattate di conseguenza.

Le fratture all'interno del braccio, della mano o delle dita causeranno gonfiore e dolore al movimento, quindi è necessario un immediato intervento medico per prevenire le complicanze a lungo termine.

Informate il vostro medico sui farmaci che utilizzate: infatti, gli steroidi anabolizzanti o semplicemente steroidi (utilizzati dagli atleti e dai body builder) e alcuni farmaci anti-ipertensivi possono causare il gonfiore del braccio. (Molti di questi rimedi sono anche applicabili a gambe gonfie o a piedi gonfi).

Alcuni rimedi casalinghi per diminuire il gonfiore delle braccia includono:

  • alzare le braccia sopra il cuore;
  • tenere le braccia regolarmente allenate, attraverso l'utilizzo di appositi pesi o esercizi fitness;
  • seguire una dieta a basso contenuto di sale;
  • evitare indumenti stretti che potrebbero costringere gli arti superiori;
  • perdere peso, se ce n’è bisogno.
Per inciso, l’obesità patologica (obesità) è una delle prime cause che provoca il linfedema secondario alle braccia e alle gambe. Di solito, questo gonfiore è temporaneo e scompare dopo che la condizione di base è guarita.

Se non siete sicuri della causa del gonfiore, consultate immediatamente un medico.

Braccia gonfie: cosa fare

Come si cura il gonfiore temporaneo del braccio

Un gonfiore temporaneo può essere causato da molteplici condizioni, come un’infezione, da una bruciatura o da una scottatura solare, dalle punture di insetti, da una ferita al braccio, ma anche da una distorsione alla spalla, un intervento chirurgico o anche dall’assunzione di determinati farmaci come gli steroidi, i farmaci per la pressione del sangue o può essere una reazione allergica, in quel caso è indicato come angioedema.

Esse vanno trattate singolarmente, in base alla gravità e alla cronicità; una volta guarite, scomparirà anche il gonfiore temporaneo al braccio.

Come si cura il gonfiore del braccio a lungo termine

Il gonfiore a lungo termine è indicato come edema. Di solito è legato a specifiche condizioni mediche. Queste condizioni possono includere:

  • diabete;
  • insufficienza cardiaca congestizia;
  • coagulo di sangue;
  • vene varicose;
  • insufficienza renale;
  • insufficienza epatica;
  • una serie di problemi cardio-vascolari.
Il trattamento per questo gonfiore al braccio lungo termine è in combinazione con il trattamento per la condizione che lo ha causato. Di solito i diuretici sono usati anche per alleviare il gonfiore o la ritenzione idrica.

Come si cura un gonfiore permanente del braccio

Nella situazione di una gamba o di un braccio con un gonfiore permanente, deve essere presa in considerazione la diagnosi di linfedema.

Ci sono diversi gruppi di persone che soffrono di gonfiore alla gamba o al braccio provocato e di cui conoscono le cause, eppure il gonfiore non si attenua; se le cause sono ignote, il rischio è quello di peggiorare il gonfiore col passare del tempo.

Una categoria di persone con un gonfiore permanente al braccio può aver subito delle ferite, delle infezioni, delle punture di insetti, un trauma al braccio, interventi chirurgici o una reazione ad un farmaco. Quando questo gonfiore non va via, e diventa permanente, si parla di linfedema secondario.

Un altro gruppo di persone che sperimenta un gonfiore permanente della gamba o del braccio sono:

  • malati di cancro;
  • persone patologicamente obese;
  • persone con lipedema. 
Ciò che provoca il rigonfiamento permanente è il sistema linfatico danneggiato, che non è più in grado di funzionare normalmente nella rimozione del liquido di scarto del corpo.

In pazienti affetti da cancro, il gonfiore è il risultato di una rimozione dei linfonodi per la biopsia fatta per la ricerca del cancro, i danni da radiazioni al sistema linfatico o i danni fatti direttamente dal tumore. In questo caso di parla di linfedema secondario.

Un terzo gruppo è composto da quelle persone che hanno un gonfiore alla gamba o al braccio causato da motivi apparentemente sconosciuti. Può non esserci la presenza di un cancro, di nessun trauma, ma per qualche motivo la gamba è gonfia permanentemente.

Il gonfiore può comparire già alla nascita, può iniziare durante la pubertà o può iniziare nel 3°, 4° o anche 5° decennio di vita o talvolta anche più tardi.

Questo tipo di gonfiore alla gamba o al braccio è chiamato linfedema primario. Può venir causato da un difetto genetico, da malformazioni o da danni al sistema linfatico, mentre il feto è nel grembo materno o alla nascita, presentandosi come una malattia al sistema linfatico.

Si tratta di una condizione medica estremamente grave che deve essere diagnosticata precocemente e trattata rapidamente in modo da evitare dolorose, debilitanti complicazioni che potrebbero mettere anche in pericolo di vita. Il trattamento non deve includere l'uso di diuretici.
Hai trovato questo contenuto utile?
Mostra commenti

Contenuti correlati

Gambe gonfie
Le gambe gonfie sono causate da alcune patologie che alterano e riducono la circolazione sanguigna o quella linfatica. I tre sistemi circ...
Gambe stanche
La sensazione di gambe stanche colpisce soprattutto le donne e può essere dovuta a varie ragioni, tra cui: cattivo funzionamento dell'app...
Linfangectasia
Linfangectasia è un termine medico volto ad indicare una condizione caratterizzata dalla dilatazione dei vasi linfatici. Può essere conge...