Sei un professionista sanitario? Iscriviti
  1. Pazienti.it
  2. I Nostri Contenuti
  3. Terapie
  4. Abciximab

Abciximab

Abciximab
Curatore scientifico
Dr. Leon Bertrand
Specialità del contenuto
Cardiologia Farmacia

Cosa è l'Abciximab?

L’Abciximab è un principio attivo impiegato nel pre-intervento coronarico percutaneo. L’Abciximab è utilizzato prima degli interventi per la prevenzione di complicanze cardiache.

Viene usato per i trattamenti cardiaci, per proteggere le arterie; per abbassare il ripetersi di attacchi cardiaci nei pazienti che hanno angina instabile o attacchi cardiaci lievi.

Qual è la caratteristica terapeutica dell'Abiciximab?

L'Abciximab inibisce la formazione di trombi, agendo sulle piastrine.

Come bisogna agire prima di farsi prescrivere il farmaco?

Prima di farsi prescrivere l’Abciximab è il caso di avvisare il medico:

  • se si ha un'allergia al farmaco
  • se si è allergici a qualsiasi altro farmaco, alimenti o altre sostanze. Informare il medico dell'allergia e sui sintomi che si sono presentati, come l'eruzione cutanea, l’orticaria, il prurito, il fiato corto, l’affanno, la tosse, il gonfiore del viso, delle labbra, della lingua o della gola
  • se si è stati soggetti di uno di questi problemi di salute: aneurisma, malformazioni arteriovenose, problemi di sanguinamento, problemi ai vasi sanguigni, tumore al cervelloalta pressione sanguigna
  • se si ha mai subito un ictus
  • se si è presentato uno di questi problemi di salute nelle ultime 6 settimane: sangue nelle urine, sanguinamento dallo stomaco o dell'intestino, intervento chirurgico, lesioni o sanguinamento vaginale
  • se si sta assumendo un diluente del sangue

Quali è la condotta da seguire mentre si assume l’Abciximab?

Quando si assume l’Abciximab è consigliabile:

  • informare tutti i fornitori di assistenza sanitaria che si sta assumendo questo medicinale. Ciò include i medici, infermieri, farmacisti e dentisti;
  • è possibile sanguinare più facilmente. Fare attenzione e evitare lesioni. Utilizzare uno spazzolino morbido e un rasoio elettrico;
  • se si subisce una caduta o si prende un colpo in testa, chiamare immediatamente il proprio medico;
  • raramente, si sono verificate reazioni allergiche molto gravi e talvolta mortali;
  • informare il medico se si è incinta;
  • informare il medico se si sta allattando.

Quali sono gli effetti collaterali?

Anche se può essere raro, alcune persone possono avere effetti collaterali molto gravi e talvolta mortali. Informare immediatamente il medico o l'assistenza medica, se si avverte uno dei seguenti segni o sintomi:

Tutti i farmaci possono causare effetti collaterali. Tuttavia, molte persone non avvertono reazioni indesiderate o hanno solo degli effetti secondari. Chiamare il proprio medico o ricevere assistenza medica, se uno qualsiasi di questi effetti indesiderati non svanisce da solo:

Alcuni degli effetti collaterali che possono verificarsi con l’assunzione dell’Abciximab potrebbero non essere così gravi da richiedere l’assistenza medica. Appena il corpo si adatta al medicinale durante il trattamento, questi effetti secondari possono andare via.

Quali sono gli effetti ematologici?

L'incidenza degli effetti collaterali ematologici, come il sanguinamento, aumenta quando l'Abciximab viene somministrato dopo una terapia trombolitica a piena dose.

Gli eventi emorragici maggiori sono aumentati nei pazienti che hanno ricevuto l’Abciximab entro 24 ore dalla terapia trombolitica a pieno dosaggio.

Sono stati identificati fattori di rischio per eventi emorragici nei pazienti trattati con inibitori glicoproteici sottoposti a intervento coronarico percutaneo e includono:

  • età avanzata
  • disfunzione renale
  • sesso femminile
  • malattia vascolare periferica
  • peso corporeo inferiore al normale
  • bassa emoglobina basale
  • diabete 
  • tempo elevato di coagulazione attivata dal picco

Le donne presentano un rischio maggiore di sanguinamento rispetto agli uomini, principalmente a causa di un eccessivo dosaggio. 

Le complicanze ematologiche sono gli effetti collaterali più comuni e potenzialmente pericolosi per la vita. Il sanguinamento maggiore, definito come emorragia intracranica o una diminuzione dell'emoglobina superiore a 5 g / dl, è stato riportato nel 2% -11% dei pazienti che ricevono il farmaco e eparina a dose standard. 

L'eccesso di sanguinamento maggiore dell'organo spontaneo si è verificato principalmente nei pazienti trattati con Abciximab con peso di 75 kg o meno. Inoltre, i pazienti che hanno subito una maggiore incidenza di episodi di sanguinamento più importanti hanno incluso: i pazienti di età superiore a 65 anni; coloro che avevano una storia precedente di malattie gastrointestinali; coloro che avevano ricevuto tromboliti; coloro che a cui era stata somministrata eparina.

Quali sono gli effetti di ipersensibilità?

Le reazioni di ipersensibilità possono presentarsi come anafilassi e possono richiedere terapia a base di epinefrina, dopamina, teofillina e corticosteroidi. 

L'Abciximab può indurre la formazione di anticorpi antichimerici umani e può produrre reazioni allergiche, tra cui anafilassi e trombocitopenia. Questi anticorpi possono diminuire il potenziale beneficio della re-somministrazione di Abciximab. Possono apparire anticorpi antichimerici umani da Abciximab a circa 14 giorni dopo l'inizio della terapia e il picco è a 4 - 6 settimane.

Quali sono gli effetti a livello cardiovascolare?

Gli effetti collaterali cardiovascolari hanno incluso l'ipotensione e la bradicardia. Sono stati riportati anche il dolore toracico e l'edema periferico. I seguenti effetti indesiderati cardiovascolari si sono verificati in caso di incidenza inferiore: 

I pazienti con disfunzione renale che ricevono l’Abciximab presentano un rischio maggiore di sviluppare complicazioni ischemiche (morte entro 30 giorni, infarto miocardico, urgente rivascolarizzazione) rispetto ai pazienti con clearance normale della creatinina.

Quali sono gli effetti a livello gastrointestinale?

Gli effetti collaterali gastrointestinali includono nausea, vomito e dolore addominale. I seguenti effetti collaterali del sistema gastrointestinale si sono verificati con incidenza inferiore: 

Quali sono gli effetti sul sistema nervoso?

Gli effetti collaterali sul sistema nervoso sono insoliti e includono:

I seguenti effetti collaterali del sistema nervoso si sono verificati con incidenza inferiore: 

Quali sono gli effetti sul sistema respiratorio?

Gli effetti collaterali respiratori hanno incluso raramente l'emorragia polmonare. Tutti i pazienti presentavano infarto miocardico acuto e raggi X toracici anormali. I seguenti effetti indesiderati respiratori si sono verificati con incidenza inferiore: 

Quali sono gli effetti sul sistema muscoloscheletrico?

Il dolore muscoloscheletrico, soprattutto alla schiena, è stato riportato frequentemente, assieme all'astenia e alle mialgie.

Quali sono gli effetti sul sistema genitourinario?

Gli effetti collaterali genitourinari che si sono verificati includono: 

Quali sono gli effetti dermatologici?

Gli effetti collaterali dermatologici che si sono verificati includono: 

  • prurito 
  • ferite 
  • cellulite 
  • dolore del sito dell'iniezione 
  • infiammazione 
  • pallore 

Quali sono gli effetti sul sistema endocrino?

Gli effetti collaterali endocrini sono insoliti e includono il diabete mellito e l'iperkaliemia.

Hai trovato questo contenuto utile?
Mostra commenti

Contenuti correlati

Difenidramina
La difenidramina è un antistaminico usato per alleviare i sintomi di allergia, raffreddore da fieno e raffreddore di stagione.
Meclizina
La meclizina è un antistaminico che viene usato per prevenire e curare nausea, vomito e vertigini causate dalla cinetosi. Può anche esser...
Prednisone
Il prednisone è un corticosteroide sintetico (artificiale) usato per sopprimere il sistema immunitario e per controllare l'infiammazione.