Sei un professionista sanitario? Iscriviti
  1. Pazienti.it
  2. I Nostri Contenuti
  3. Terapie
  4. Belladonna

Belladonna

Curatore scientifico
Dr. Carmela Loredana Balice
Specialità del contenuto
Omeopatia

Cos'è la belladonna?

La Belladonna è una pianta erbacea perenne e appartiene alla famiglia delle solanacee (la stessa cui appartengono pomodori e patate). La Belladonna è conosciuta anche come Atropa belladonna (nome scientifico). E’ una pianta abbastanza robusta che può raggiungere un’altezza di 150 cm ed è caratterizzata da uno spesso rizoma e da un fusto ramificato. Le foglie di Belladonna sono semplici e possono essere di dimensioni differenti nella parte superiore, la loro forma è ovalare.

La pianta emana un cattivo odore che la rende distinguibile, tale cattivo odore è emanato dalla peluria che ricopre sia le foglie che il fusto. La pianta fiorisce durante il periodo estivo e i suoi fiori sono di piccole dimensioni, a forma di calice e di un colore violaceo. I frutti sono piccoli, neri e circondati da una corona a stella. L’areale della pianta è l’Europa centrale, Africa settentrionale ed Asia occidentale. La possiamo trovare anche in Italia sulle zone alpine o sugli Appennini. 

È velenosa?

Il sapore dei suoi frutti è dolciastro, tuttavia la pianta è interamente velenosa. Infatti, se si ingerisce anche una piccola quantità di bacche si può arrivare alla morte in poco tempo. I sintomi da avvelenamento da questa pianta includono febbre, dilatazione pupillare, mancata accomodazione, sudorazione, colorito rossastro, salivazione, congestione del collo, eccitazione ed allucinazioni. Il nome della pianta non è casuale, infatti Atropa era una divinità greca che aveva il compito di recidere il filo della vita. Belladonna perché nel Rinascimento veniva utilizzata come crema per il viso. 

Quali sono i principi attivi della pianta?

La Belladonna contiene tre principi attivi della famiglia degli alcaloidi: atropina (con effetto anestetico e sedante che conferisce le proprietà mortali alla pianta), iosciamina (che stimola il sistema nervoso centrale) e la scopolamina (con capacità depressive del sistema nervoso centrale). Sia la iosciamina che la scopolamina agiscono come agenti antispasmodici. Grazie ai suoi principi attivi questa pianta viene utilizzata come rimedio a tutti quei disturbi che coinvolgono il sistema nervoso. Inoltre, è molto indicata per chi soffre molto il freddo. Viene utilizzata per molti disturbi acuti dei vari apparati dell’organismo (soprattutto quello respiratorio). 

Insert section title here

Questa pianta velenosa viene utilizzata in omeopatia diluita e dinamizzata nei seguenti casi:

  • Apparato respiratorio: tosse, raffreddore, rinite allergica, febbre virale o battericam influenze e pneumopatie.
  • Gola: nei casi di arrossamento della faringe, angina di gola, deglutizione difficoltosa e dolore.
  • Orecchie: nei casi di otite interna ed esterna, parotiti ed ingrossamento delle parotidi.
  • Occhi: nei casi di congiuntivite.
  • Malattie esantematiche: scarlattina, morbillo e rosolia.
  • Apparato genitale: nei casi di ipermenorrea o dismenorrea, secchezza della vagina, arrossamenti, dolori delle ovaie e climaterio.
  • Sistema nervoso: convulsioni, epilessia, depressione, insonnia e delirio. Viene anche utilizzata per la cefalea e per la ipereccitazione.
  • Pelle: acne, eczema, erisipela, ascessi, foruncoli, eritema solare e geloni.
  • Apparato gastrointestinale: gastrite, ulcera gastroduodenale, coliti, coliche e stitichezza.
  • Dolori: articolari, gengivali.

Il dosaggio è di 3 granuli o 5 gocce dalle 2 alle 6 volte al giorno a seconda del bisogno. 

Hai trovato questo contenuto utile?
Mostra commenti

Contenuti correlati

Passifloraceae
Le Passifloraceae sono un gruppo di piante che comprendono più di 500 specie. La Passiflora incarnata, nota comunemente come passiflora, ...
Glicerina
La glicerina vegetale è un ottimo idratante della pelle e deriva dal glicerolo, un composto organico già presente nel organismo.
Artiglio del diavolo
Le radici e i tuberi dell'artiglio del diavolo sono utilizzati come antidolorifico, sotto forma di capsule, tinture, fluidi e pomate anti...